Translate

30 ottobre 2008

Manifestazione no Gelmini: un milione di persone secondo i manifestanti

Manifestanti arrivati da tutta Italia
Veltroni: «Governo ascolti il popolo» - Berlusconi: «Sinistra scandalosa»
Lo sciopero nazionale indetto dai sindacati confederali (Cgil, Cisl, Uil), Snals e Gilda
La grande manifestazione partita da piazza della Repubblica con studenti, insegnanti, famiglie. Il corteo contro la legge Gelmini ha avuto un epilogo movimentato quando alcune migliaia di universitari della Statale, invece di riunirsi al serpentone principale, si è diretto verso la sede del ministero dell'Istruzione, in viale Trastevere. Lì è stato organizzato un presidio, cui si sono uniti studenti delle scuole superiori e di altri atenei, e c'è stato un lancio di uova e fumogeni contro i poliziotti schierati. La Questura ha fatto sapere che tra i manifestanti si erano infiltrati degli anarchici e sarebbero loro gli autori dell'attacco agli agenti. Questi non hanno reagito e, subito dopo, altri studenti hanno creato un cordone di sicurezza per evitare ulteriori tensioni. "Gelmini arrenditi, sei circondata" gridano i manifestanti. Slogan anche contro Berlusconi e il governo. «Siamo l'onda che vi travolge» si legge nello striscione degli universitari che scandiscono lo slogan «siamo tutti antifascisti». Gli studenti hanno poi srotolato un nastro bianco e rosso di fronte all'ingresso principale del ministero per chiudere simbolicamente il dicastero. Poi il corteo ha ripreso a muoversi in direzione della stazione Trastevere.

Halloween:dolcetto o scherzetto?

Ancora oggi la notte di Halloween viene celebrata con travestimenti, pietanze tipiche, zucche intagliate, decorazioni arancio e nero, maschere. Una festa che nel giro di pochi anni ha valicato i confini del mondo anglosassone. E’ diventata una delle ricorrenze più attese dai bambini, anche italiani. I bambini travestiti da streghe, fantasmi e vampiri, bussano alla porta urlando con tono minaccioso «dolcetto o scherzetto?».Ci sarà la consueta invasione di fantasmi, streghe, mostri, maghette e folletti che si muoveranno per una sera a tempo di musica.

29 ottobre 2008

UNA CERTIFICAZIONE DI QUALITA’ PER L’INDUSTRIA DELLE VACANZE

di Pino Vitale
Di che cosa è fatta la qualità nel turismo ? del sapere rispondere ai bisogni di chi viaggia
e visita, di un contratto chiaro fra domanda e offerta, della capacità di comunicare degli
operatori, della formazione continuamente aggiornata degli addetti. Varie elementi che,
insieme, definiscono tuttavia solo un aspetto del problema.
L’altro, altrettanto decisivo, concerne il rispetto e la valorizzazione dell’ambiente, delle
tradizioni e della cultura locale.
E’ infatti interesse specifico di chi lavora nell’industria dell’ospitalità e delle vacanze farsi
sostenitore della necessità di un turismo sostenibile, per salvaguardare nel tempo la propria
risorsa.
La certificazione dell’ospitalità per un turismo e per un ambiente di qualità è andare oltre le
stelle per riqualificare l’offerta e contentare i consumatori i quali sono sempre più esigenti.
Quindi occorre, per vincere la concorrenza internazionale puntare su un turismo responsabile,
di qualità e certificato.
Una sfida importante per l’economia del paese, alla luce della situazione economica nazionale
e della crisi dell’industria produttiva, che fa del turismo un settore importante e trainante.
Per fronteggiare le mete concorrenti, è quindi necessario che il sistema-italia si apra alla
certificazione, dotandosi di standard qualitativi, omogenei e facilmente riconoscibili, ma anche
a volte superiori.
Secondo me per vincere la sfida bisogna coinvolgere gli operatori, la pubblica amministrazione
e le regioni divenute, dopo l’entrata in vigore della legge quadro nazionale del settore (L.135 del
1° Aprile 2001), soggetto primario del turismo in Italia.


Siti archeologici e Campi Flegrei, progetti per il turismo

La realizzazione dello scalo aeroportuale di Grazzanise, il potenziamento delle infrastrutture con percorsi che coinvolgano Pozzuoli, la zona Flegrea e i siti archeologici, un grande centro congressi e la riqualificazione del litorale.
Sono tutte proposte che saranno analizzate nel corso del Convegno «Strategie e prospettive del Turismo in Campania» organizzato domani e dopodomani a Ischia, presso l'Hotel Jolly dall'Associazione ex Consiglieri Regionali in collaborazione con l'Associazione ex parlamentari della Repubblica. Se ovunque i beni paesaggistici si configurano come attrattori turistici in grado di creare sviluppo, in Campania, a causa di infrastrutture carenti e di una dispersione delle risorse disponibili, non si riesce a strutturare un piano integrato che punti a una loro efficace valorizzazione. Gli assessori Giovanna Martano e Claudio Velardi, la Presidente della Sezione Turismo dell'Unione Industriali Teresa Naldi, il Presidente della Mostra d'Oltremare e decente di marketing Raffaele Cercola si riuniranno a Ischia, insieme con numerosi altri esperti, per discutere dei temi strategici per favorire il turismo e della loro messa in atto secondo una logica integrata.«Riteniamo che il turismo sia uno strumento principe per lo sviluppo dell'economia e l'occupazione della Regione stessa» – spiegano il Presidente dell'associazione ex Consiglieri Regionali Filippo Caria e l'onorevole Vincenzo Cappello, già assessore regionale al Turismo e organizzatore della due giorni di studi. E aggiungono: «I Fondi Europei a disposizione non sono pochi, ma vengono utilizzati male e dispersi in iniziative frammentarie. Sarebbe il caso che la Regione scegliesse alcuni obiettivi di fondo per favorire l'industria turistica, primo fra tutti quello di garantire maggiori sicurezza e vivibilità. Basterebbe invitare i numerosi crocieristi a visitare il nostro territorio con un piano strategico complessivo».

28 ottobre 2008

Scuola: l'appello del mondo dell'associazionismo

Acli, Arci, Legambiente e altre organizzazioni 'Per una scuola capace di futuro'. La proposta di un Forum nazionale per un confronto realmente aperto e costruttivo Roma, «Pensiamo sia arrivato il momento di chiedersi quale sia il compito che l'Italia vuole affidare alla scuola, quale sia la sua responsabilità sociale. Per rispondere a questa domanda non si può procedere legiferando per decreti, ma è necessario lanciare una grande discussione con un metodo di larga condivisione che possa individuare obiettivi di qualità, su cui le tante risorse presenti nella scuola e nel territorio si possano impegnare, per mettere in campo gli strumenti, le azioni, il percorso per non lasciare le cose come stanno e per non tornare indietro».Questa la base dell'appello una 'Per scuola capace di futuro' lanciato dal mondo dell'associazionismo e attualmente sottoscritto da Acli, Arci, Legambiente, Anpas, Arci Ragazzi, Arci Servizio Civile, Auser, Cgil, Etzi Cisl, Forum Ambientalista, Lega Cooperative sociali, Isde, Lunaria, Mce, Movimento dei Consumatori, Movimento Difesa del Cittadino, Tavolo Della Pace, Uisp, Unieda.«E' importante - hanno dichiarato i promotori - che in questo momento l'associazionismo si metta in moto per rivendicare una nuova attenzione ai temi dell'educazione, dell'istruzione e della ricerca, nella convinzione che la crisi del sistema scolastico non possa essere risolta né guardando al passato né seguendo priorità di cassa. Vorremo, quindi, che si avviasse nel paese un confronto vero e serio sui nodi da sciogliere e sulle soluzioni possibili o auspicabili perché crediamo che rientri nella nostra responsabilità sociale provare a creare uno spazio utile in questo senso».L'appello, ancora aperto a raccogliere nuove adesioni, sottolinea alcuni punti fondanti, per i quali la scuola deve essere autorevole e seria, ma questo non passa attraverso la legittimazione di nuovi autoritarismi; è occasione fondamentale per educare alla cittadinanza attiva, per comprendere e per vivere la partecipazione e la condivisione dei valori fondamentali, unica condizione per motivare e rendere formativa l'ubbidienza e l'ordine; deve costruire strumenti e cultura capaci di consentire a tutti, per il prosieguo della loro vita, di sapersi inserire nel mondo che cambia e non può limitarsi a trasmettere nozioni e tecniche che rapidamente diventano desuete; è il terreno principale in cui i ragazzi si incontrano con gli altri, uguali e diversi, ed imparano la difficile arte del dialogo e del rispetto tra culture e tra persone. Non può trasformarsi per nessuno nel luogo della separazione, della prepotenza e della violenza.Mobilitare la società civile verso una nuova attenzione ed una nuova responsabilità per la riqualificazione della scuola italiana, questa quindi la finalità delle associazioni che hanno proposto l'organizzazione di un «Forum nazionale per la scuola» per coinvolgere le tante energie di cittadinanza che credono nel ruolo fondamentale della scuola e hanno voglia di impegnarsi nella sua riqualificazione.

Premiati gli animatori della VIVICLUB

Viviclub turismo-animazione-spettacolo

Presso il Galassia Park Hotel il Vividay, la giornata a cura della Viviclub che con sede a Pietrastornina in provincia di Avellino una delle zone più belle del Partenio, ha voluto ringraziare e premiare tutti gli animatori e tutte le strutture dove hanno dato il loro contributo per la stagione estiva 2008, che dopo ben 10 anni di assiduo lavoro oggi è riuscita con serietà e professionalità a gestire ben 14 strutture turistiche in Italia dando la possibilità a più di 100 animatori, in questa estate, e più di mille in questi anni, potendo esprimersi difronte a numerose platee acquistando quei due elementi, l’umiltà ed il rispetto, che sicuramente saranno parte integrante della loro vita.
Il Direttore della Viviclub, Gigi Salvati, che dopo ben 15 anni di animazione e spettacolo nel corso della serata ha ringraziato : gli animatori, le strutture turistiche, i Comuni di Pietrastornina e Pannarano dove la responsabile attività ludico-sociali Brunella Merolla ha potuto grazie a loro svolgere in modo serio e professionale il servizio di attività per i bambini dei Campi Estivi ;
inoltre Gigi Salvati ringrazia le Acli di Avellino per la disponibilità espressa in questi anni, il Presidente Nazionale del C.T.A. Acli il Prof. Pino Vitale, il Presidente Us. Acli Alfredo Cucciniello e la Dott. Rosanna Repole.
In particolar modo Gigi Salvati ringrazia i suoi team-manager : Salvatore De Falco, Titti Cillo e Renato Maffei per la loro grande professionalità
Al termine della serata dopo le premiazioni di ogni animatore, Gigi Salvati e Brunella Merolla insieme ai team-manager Salvo, Titti e Renato hanno il piacere di salutare e ringraziare per la partecipazione straordinaria al Vividay del Sindaco di Pietrastornina il Dott. Amato Rizzo che in compagnia della sua famiglia hanno voluto seguire questa manifestazione.
Infine la serata si conclude con l’anticipazione della notizia della VIVIACCADEMY per tutti coloro che intendono diventare capi-equipe e capi- animazione che nei prossimi mesi sarà presente in Italia.

27 ottobre 2008

Pace: a Olivero il premio Bonifacio VIII

Il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero ha ricevuto il premio nazionale Bonifacio VIII 2008, per l’impegno riconosciuto nella promozione di una cultura della Pace. L’istituzione del premio, promossa dall’Accademia Bonifaciana di Anagni, è nata nel 2003 in occasione del settimo centenario dello 'schiaffo' e della morte del pontefice Benedetto Cajetani, Bonifacio VIII, ideatore del primo Giubileo della storia della cristianità. Nel segno della pace e del perdono, il premio fu conferito il 1° ottobre 2003 a Papa Giovanni Paolo II Il riconoscimento al presidente delle Acli è stato consegnato ufficialmente domenica 26 ottobre, ad Anagni, nel corso di una cerimonia pubblica, da parte del presidente emerito della Pontificia accademia per la vita, mons. Elio Sgreccia, e del vescovo di Anagni-Alatri, mons. Lorenzo Loppa.

Michela Vittoria Brambilla da il via al decreto "vacanze per tutti"

E’ divenuto esecutivo, a seguito del parere favorevole della Corte dei Conti, il decreto varato dal sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al turismo, Michela Vittoria Brambilla, che stabilisce l’erogazione di “buoni vacanze” da destinare alle famiglie disagiate. Il contributo verrà erogato in proporzione al reddito e al numero dei componenti del nucleo familiare. Il dipartimento del turismo potrà stipulare convenzioni con soggetti che, indicati sia dall’Anci che dalle associazioni no-profit, siano di comprovata affidabilità per quanto riguarda trasparenza e funzionalità di gestione nell’erogazione di questi fondi. I bonus potranno essere utilizzati dalle famiglie per vacanze al mare, in montagna o di carattere termale in tutto l’arco dell’anno ad eccezione però dei periodi che vanno dalla prima settimana di luglio all’ultima settimana di agosto e dal 20 dicembre al 6 gennaio. “Stiamo già elaborando - ha detto il sottosegretario Michela Vittoria Brambilla, i regolamenti di attuazione di questo decreto in modo che gli strumenti necessari per l’erogazione di questi bonus possano essere operativi già dall’inizio del prossimo anno".

TURISMO: ALLUNGHIAMO LA STAGIONE A TUTTO L'ANNO

"Un gap va sicuramente recuperato: siamo primi per arrivi nel mese di agosto, in particolare nel Mezzogiorno, siamo sesti negli altri mesi. Questo significa che dobbiamo rendere fruibile il Mezzogiorno allungando la stagione". Lo ha detto il presidente della Confesercenti, Marco Venturi, a margine di un convegno organizzato a Napoli dalla sua organizzazione sui temi del Sud e del turismo. "L'attuale fase economica - ha aggiunto - si riflette su tutte le regioni, anche sulla Campania, e questo avra' effetti proporzionalmente anche sul Mezzogiorno, poiche' e' meno organizzato e risente dei problemi infrastrutturali che pesano sull'efficienza dell'azienda turismo". "Il nostro impegno - ha concluso - e' di allungare la stagione, di portarla a dodici mesi l'anno. E' l'unico modo per fare del turismo un volano della Campania e del Mezzogiorno".

22 ottobre 2008

Il CTA si incontra a Ischia

Una nuova leva per il turismo sociale nel mezzogiorno
Dal 24 al 25 ottobre si sono dati appuntamento a Lacco Ameno (ISCHIA) presso l’Hotel Grazia Terme più di 30 tra dirigenti e operatori del CTA provenienti dalle sedi CTA del centro sud.
La politica turistica del CTA, nuove prospettive per il turismo associativo, nel nuovo scenario del turismo in Italia, inquadramento e aggiornamento amministrativo – fiscale a sostegno di chi opera nel CTA, sono i temi al centro di questo incontro che si caratterizza come opportunità formativa dell’importante associazione turistica
promossa dalle ACLI: “Siamo convinti di poter dare inizio ad un nuovo percorso formativo della nostra Associazione, per un rinnovato impegno a fare più moderno il CTA, dice – Pino Vitale – Presidente Nazionale del Centro Turistico Acli- raccoglieremo la sfida della qualità per rendere la nostra associazione all’altezza della sfida che lo sviluppo del Mezzogiorno richiede”.
All’appuntamento di Ischia prenderà parte il presidente delle Acli di Napoli Pasquale
Orlando che illustrerà il progetto del Centro di Progettazione delle Acli del Mezzogiorno. L’incontro a Ischia si innesta anche il percorso di valorizzazione del turismo sociale
che vedrà a Salerno e Napoli in Novembre, un appuntamento nazionale promosso
con la Federazione Italiana di Turismo sociale che associa le principali associazioni
del settore.

Circolo culturale Acli - Luigi Vanvitelli

Lunedi 27 ottobre ore 17 Reggia di Caserta - sala Giunone
Seminario
Tutela e Valorizzazione del Patrimonio :
Orientamenti attuali per la valorizzazione
della Reggia Vanvitelliana
“Munera patrum”
- Doni dei Padri -

21 ottobre 2008

Appuntamento dal 24 al 26 ottobre a Rimini Fiera

TTG Incontri-TTI per decidere il futuro del turismo
Il turismo si prepara alla stagione invernale. Impazienti di lasciarsi alla spalle un’estate tiepida in termini di prenotazioni e propensione alla spesa dei turisti, le imprese del comparto si incontreranno dal 24 al 26 ottobre a Rimini Fiera per partecipare alla 45° edizione di TTG Incontri-TTI la principale fiera business to business del comparto, dove – in tre giorni di contrattazioni – si getteranno le basi della stagione turistica 2008-2009, sia per quanto riguarda il movimento degli italiani all’estero, che per quanto riguarda il movimento degli stranieri in Italia. Le trattative, per questo secondo aspetto, saranno all’interno del workshop TTI, dove sono attesi oltre 600 tour operator internazionali provenienti da 56 Paesi del mondo, in cerca di nuove idee e proposte da inserire sui cataloghi di viaggio che distribuiranno nei rispettivi mercati.

20 ottobre 2008

Onu: gente continuerà a viaggiare nonostante la crisi economica

Ci si aspetta che i turisti nel mondo diminuiscano quest'anno a causa dell'elevato prezzo della benzina, anche se il settore turismo è considerato fra i meno vulnerabili alla crisi finanziaria globale.
Francesco Frangialli, Segretario Generale dell'Organizzazione Mondiale del Turismo (WTO) delle Nazioni Unite, sostiene che la crisi finanziaria potrebbe provocare tagli sulle spese in viaggi e svago, ma che le persone nel mondo continueranno ancora a viaggiare.
"Siamo preoccupati, naturalmente", ha detto Frangialli ai delegati della United Federation of Travel Agents' Associations.
"Ma non entriamo in panico. L'esperienza ci insegna che il turismo è resiliente. Il bisogno di viaggiare, di andare in vacanza, è troppo forte nelle nostre società post-industriali", ha aggiunto.
"I consumatori americani ed europei stanno spendendo di meno nelle loro destinazioni", ha detto ancora Frangialli, sottolineando che si riducono le spese incidentali come i ristoranti, l'intrattenimento e le opzioni di trasporto.
"Questo ha reso popolare il soggiornare con parenti e amici in campeggi, case mobili o sistemazioni di turismo sociale".
Frangialli ha precisato che nel 2007 hanno viaggiato circa 900 milioni di persone e che ci si aspetta che questo numero superi la soglia di 1,1 miliardi nel 2010, crescendo lentamente dall'incremento del 6% nel traffico turistico registrato l'anno scorso.

Seminario di studi:Sfruttamento sessuale dei minori

In preparazione del III Congresso mondiale sullo sfruttamento sessuale dei bambini e degli adolescenti (Rio de Janeiro, 25-28 novembre 2008), UNICEF Italia ed ECPAT Italia organizzano il seminario di studi "Verso il III Congresso mondiale sullo sfruttamento sessuale dei bambini e degli adolescenti - Nuove emergenze, priorità di azione e responsabilità collettive nella lotta allo sfruttamento sessuale dei bambini e degli adolescenti". Nel seminario saranno esaminati gli impegni internazionali assunti dall'Italia nell'ambito della lotta alla prostituzione minorile, al traffico e allo sfruttamento sessuale dei minori, nonché il livello di protezione e assistenza offerto ai minori sul territorio italiano, con attenzione anche alla responsabilità sociale d'impresa. Il seminario si terrà presso l'Auditorium dell'UNICEF Italia in via Palestro, 68 a Roma.
PROGRAMMA
21 ottobre 2008 - Ore 9 -17.00
Ore 8.30 Registrazione partecipanti
Ore 9.00 Apertura dei lavori
- Vincenzo Spadafora - Presidente UNICEF Italia
- Marco Scarpati - Presidente ECPAT Italia
Sessione mattutina
Ore 9.40
Il panorama internazionale tra nuove emergenze e strumenti di protezione dei diritti dei
bambini e degli adolescenti
Marta Santos Pais – Direttore UNICEF Innocenti Research Center
Ore 10.00
Il rispetto degli impegni assunti dall’Italia a livello internazionale:
On.le Alessandra Mussolini - Presidente della Commissione parlamentare per l’infanzia
Ministero degli Esteri (in attesa di conferma)
Ministero per le pari opportunità (in attesa di conferma)
Ore 11.00 – 11.15 Coffee break
Ore 11.15 – 12.30
Tavola rotonda
Lo stato della legislazione italiana e le prospettive di miglioramento
Modera: Françoise Barner – Vicepresidente ECPAT Italia
Sen. Anna Maria Serafini – Relatrice della Legge n. 269/98 e Vicepresidente della
Commissione Parlamentare per l’infanzia
Maria Monteleone – Sostituto Procuratore della Repubblica presso il Tribunale di Roma
Serenella Pesarin – Direttore Generale della Direzione Generale per l’attuazione dei
provvedimenti giudiziari – Dipartimento Giustizia Minorile – Ministero della Giustizia.
Elvira D'Amato – Responsabile del Centro nazionale di contrasto alla pedopornografia on
line- Polizia postale e delle telecomunicazioni - Ministero dell'Interno
Ore 13.00 –14.00 Pausa Pranzo
Sessione Pomeridiana
Ore 14.00- 16.00 - Gruppi di lavoro
1. La responsabilità sociale d’impresa
Alfredo Ferrante – Direttore Divisione CSR – Ministero del lavoro, della salute e delle
politiche sociali
Roberto Corbella – Presidente ASTOI Associazione Italiana Tour Operator
Pierluigi Dal Pino – Direttore Rapporti istituzionali Microsoft Italia EMEA- LCA
Liliana Comandè – Direttore responsabile della rivista Travelling Interline
Gianluigi Me – Professore all’Università di Roma Tor Vergata – Dipartimento di
informatica, sistemi e produzione
2. Lo sfruttamento sessuale a fini commerciali e le sfide emergenti.
Marco Bufo – Coordinatore generale di On the Road
Cinzia Grassi – Coordinatrice del Comitato tecnico scientifico dell’Osservatorio per il
contrasto della pedofilia e della pornografia minorile
Ernesto Caffo – Presidente di Telefono Azzurro Onlus
3. Le strategie di cooperazione internazionale
Paola Viero - Esperta Senior referente per le politiche e le iniziative sui diritti dei minori –
DGCS Ministero degli Esteri -
Donata Lodi – Direttore Ufficio Stampa e Programmi sul campo - UNICEF Italia
Marco Scarpati – Presidente ECPAT Italia
Ore 16.00 - Presentazione dei documenti elaborati dai gruppi di lavoro e conclusioni
Marco Scarpati - Presidente ECPAT Italia
Vincenzo Spadafora - Presidente UNICEF Italia

19 ottobre 2008

Luigi Bobba: “ Il 5 per mille va usato per il suo scopo”

“Parte della copertura finanziaria del decreto salva-banche, il n. 155 del 9 ottobre 2008, è garantita attraverso il fondo del 5 per mille. Pur comprendendo la necessità e l'urgenza di prevedere garanzie adeguate a difesa dei risparmiatori, si tratta dell'ennesimo inaccettabile tentativo di ridurre o cancellare un fondo alimentato attraverso la libera decisione dei cittadini, che in questo modo non viene rispettata”. Lo afferma l’On. Luigi BOBBA, Vice Presidente della Commissione Lavoro della Camera: “Attraverso il 5 per mille i cittadini possono decidere di sostenere associazioni ambientaliste, di volontariato, di assistenza e di ricerca che svolgono un’utile servizio per la collettività - sottolinea l’esponente piemontese del PD - Eppure si tratta di un fondo dal quale vengono spesso prelevate risorse dallo Stato per coprire poste di bilancio straordinarie. Ritengo che questi tentativi di ridurre o cancellare in modo surrettizio questo fondo siano inaccettabili. Il fondo del 5 per mille deve essere utilizzato nel rispetto della volontà dei contribuenti per finanziare l’associazionismo e il volontariato”.

18 ottobre 2008

”IRPINIA INSIEME”

PUNTO PACE PAX CHRISTI AVELLINO PROMUOVE
”IRPINIA INSIEME” SETTIMANALE CATTOLICO
Sabato 25 ottobre 2008 – ore 18.30 Palazzo Vescovile – Avellino
Incontro - dibattito La pace come pratica di vita
Saluto del Vescovo S. E. Mons. Francesco Marino
Interverranno:
Ing. Filodemo Iannuzzelli Vice Presidente Nazionale di Pax Christi Italia
Prof. Mario Gabriele Giordano Direttore della rivista “Riscontri”
Momento Poetico
(Prof. M. Rosaria Di Rienzo – poetessa e scrittrice)
La buona stampa alimenta la bontà del cuore (Giovanni Luongo)
con On.le Francesco Pionati Giornalista
Padre Alfonso Limone odv già Missionario in Nigeria
Moderatore: dott. Fabio Festa, storico d’arte
Ospiti d’onore: Suor Margaret ( India),
prof. Doina Ghebea ( Romania), Jean Cloude Ndayishimiye ( Burundi),
Suor Andreina ( Filippine).

FIERA D’AUTUNNO: i prodotti della terra e la festa 17 18 19 ottobre/08PADULI (BN)

Torna a deliziare l’autunno un appuntamento significativo e particolarmente atteso:
la Fiera d’Autunno di Paduli in programma dal 17 al 19 ottobre.
Promosso e organizzato dall’associazione Hortus Latus, l’evento vedrà la partecipazione dell’Istituto comprensivo A. Manzoni e di molte associazioni che operano sul territorio come Lerka Minerka, WWF, Lipu, Slow Food, a confermare la capacità degli organizzatori di creare collaborazioni e fare rete puntando sempre allo sviluppo del territorio e delle sue risorse.
La Fiera d’Autunno giunge alla IV edizione con evidente energia e voglia di continuare un percorso iniziato con passione e tenacia che richiede un impegno serio e durevole da parte degli organizzatori e delle istituzioni.
L’idea della fiera d’autunno nasce dalla tradizione e deriva dalle mostre mercato che periodicamente si organizzavano per vendere il bestiame ed erano occasione per portare in paese i migliori frutti dell’orto, ma anche il pane e i prodotti caseari. Vere e proprie vetrine della cultura contadina, momenti importanti per la vita delle popolazioni locali che vivevano un forte legame con la terra e con la natura, le fiere di stagione significano ancora se l’obiettivo è quello di recuperare la memoria e valorizzare i prodotti del territorio, le delizie di stagione e la convivialità legata alla festa.
Il programma della manifestazione è molto interessante e prevede una mostra mercato di prodotti di qualità, assaggi, degustazioni itineranti, laboratori del gusto a cura Slow Food, ma anche escursioni in montagna, incontri tematici e buona musica.
Per coloro che amano passare un week-end con i sapori e le atmosfere d’autunno non potranno lasciarsi sfuggire l’appuntamento con la Fiera d’Autunno dal 17 al 19 ottobre a Paduli in provincia di Benevento.

"Sagra del vino e della cucina tipica di Procida"

Fervono i preparativi per la nona edizione della "Sagra del Vino e della cucina tipica di Procida", organizzata, come ogni anno, dall'Associazione "Vini e Vigneti" con i commercianti locali e la Pro Loco di Procida/UNPLI Napoli. Dolce, frizzante, amabile di colore bianco o rosso. Freddo? Al punto giusto, l'importante che sia vino di Procida. Vino, vino e ancora vino, questa sarà il leitmotiv di tutta la festa. Per la festa sono attesi migliaia di turisti da tutta Italia. Chi è venuto una volta, ci ritorna sempre volentieri. A differenza delle altre Sagre in giro per l'Italia, quella di Procida non è commerciale, e il vino diventa un mezzo per trascorrere qualche ora di allegria con parenti, amici e conoscenti in un'atmosfera di altri tempi.

16 ottobre 2008

Pompei diventa cantiere in attesa del Papa e del premier



La città è un grande cantiere. Lavori frenetici, pulizie che di norma o non si effettuano o si fanno con tutta tranquillità. Il sindaco D'Alessio segue tutto con grande scrupolo e ne ha ben donde perchè sono in dirittura d'arrivo due eventi straordinari: domenica mattina arriva Benedetto XVI che trascorrerà una giornata di preghiera e di incontro con i fedeli dentro e all'esterno della Basilica.
È previsto l'arrivo di ottantamila visitatori che troveranno accoglienza in una Pompei tirata a lucido ma, si spera, anche capace di smaltire senza affanni il traffico automobilistico e la sosta dei pullman turistici in arrivo da tutt'Italia.Dal Santuario agli Scavi. Il secondo evento è la visita, già due volte rinviata, del premier Silvio Berlusconi agli Scavi. A Roma, nel corso della presentazione del libro del cardinale Sepe, il ministro Bondi ha garantito che il Cavaliere verrà entro la fine di ottobre e farà annunci importanti per il futuro dell'area archeologica. Declamato l'annuncio, la fantasia si è subito messa in moto alla ricerca del probabile, anzi possibile, sponsor privato che dovrebbe accorrere al capezzale del gestore pubblico per risolvere i problemi di Pompei. La caccia a mister x, però, ha dato risultati modesti, anzi nessun risultato. Luigi Necco, portavoce del commissario Profili, è caduto dalle nuvole e ha detto che per il momento le priorità sono diverse e molto più urgenti di questa. «Domani (oggi, cioè) è previsto un incontro per scongiurare l'ipotesi di una «retrocessione» del sito di Pompei nell'elenco dei Beni europei da tutelare».Una grana nuova, quindi, che si aggiunge a quelle vecchie per le quali, com'è noto, si attende da tempo l'intervento economico del Governo e una discesa in campo del Capo dell'Esecutivo. «Berlusconi ha spostato la visita proprio per avere il tempo di studiare la situazione e fare un annuncio importante», ha affermato il ministro Bondi riferendosi ai contatti che il premier avrebbe con il nuovo mecenate. Il commissario Renato Profili, impegnato sul fronte della bonifica, pereferisce tenere i piedi ben saldi a terra: «Se sono rose fioriranno, dice, e l'apporto di un eventuale benefattore non potrà che essere accolto con entusiasmo ». Il nome, però, nessuno lo conosce. «Io non lo conosco, ma confido nella straordinaria capacità di Berlusconi di trovare soluzioni insperate ». Il pensiero, naturalmente, va al nome del miliardario americano Packard che con il suo apporto ha reso possibile la definizione di alcuni lavori alla Villa dei Papiri di Ercolano. La posta in palio, però, questa volta è molto più alta e il soprintendente Guzzo ha ricordato che per risolvere i problemi servono uno sull'altro 275 milioni di euro. «I progetti ci sono e le esigenze si conoscono, ha affermato Guzzo, ma i finanziamenti dove sono»? Si attendono risposte.

I risultati del sondaggio: Turismo in crisi, di chi è la colpa ?

Politica
(39%)


Prezzi
(25%)


Euro
(21%)


Operatori turistici
(7%)

Strutture vecchie
(7%)

15 ottobre 2008

Turismo Sportivo

Borsa del Turismo Sportivo, domani al via a Montecatini la 16ª edizione.
A Montecatini esperti a confronto su turismo in bicicletta, trekking, nordic walking, escursionismo, alpinismo. Paolo Bettini e Fausto De Stefani ospiti d’eccezione. Nella giornata di oggi anteprima con i convegni nazionali su cicloturismo e “Mobilità dolce” La Borsa del turismo sportivo di Montecatini, che prenderà il viadomani alle Terme Tettuccio, è preceduta da due appuntamenti di livello nazionale molto attesi dagli operatori del settore.

Caritas, allarme Italia:quindici milioni di poveri

L'ottavo rapporto sulla povertà nel nostro paese va oltre i dati Istat: 7,5 milioni di persone sono "ufficialmente" povere ma "altrettante" vivono la stessa emergenza, pur essendo sotto la soglia delle rilevazioni. Insufficiente l'effetto delle politiche sociali: Italia fanalino di coda dell'Europa insieme alla Grecia.

In Italia le misure contro la povertà sono le meno efficaci in Europa: se in alcuni paesi (come Svezia, Danimarca, Olanda, Germania, Irlanda), l'impatto della spesa per la protezione sociale riesce a ridurre del 50% il rischio povertà, da noi si raggiunge un magro 4%. Un record che l'Italia, nell'Europa dei 15, detiene insieme alla Grecia. Lo sostiene l'8/o Rapporto sulla povertà della Caritas Italiana-Fondazione Zancan - presentato oggi - che lancia l'allarme: "nell'Europa dei 15, l'Italia presenta una delle più alte percentuali di popolazione a rischio povertà". Il rapporto ricorda i dati Istat: il 13% degli italiani è povero, vive con meno di 500-600 euro al mese. Sono povere le famiglie con anziani (soprattutto se autosufficienti) ed è povero un terzo delle famiglie con tre o più figli; il 48,9% di queste vive al sud. Avere più figli aumento il rischio di povertà. Eppure non è così altrove. Ad esempio, in Norvegia con più figli il tasso di povertà si abbassa. Il nostro paese è al di sotto della spesa media per la protezione sociale. In realtà, la spesa aumenta ma per via della previdenza. Nel 2007, il pubblico ha erogato prestazioni a fini sociali pari a 366.878 mln euro, di cui il 66,3% per pensioni (+5,2% rispetto al 2006). Squilibrio più evidente se si considera l'incidenza sul Pil: la spesa per la previdenza incide per il 15,8% (15,6%), quella per la sanità per il 6,2% (6,4%), per l'assistenza sociale per l'1,9% (1,9%). Il rapporto suggerisce di riorientare e riqualificare le risorse.

Turismo: Premio a Riserva Naturale Lago Di Montepulciano

Un ambito riconoscimento per una delle riserve naturalistiche piu' importanti a livello nazionale.
Venerdi' 17 ottobre, alle 10.30, sara' assegnato il premio Touring Club Italiano alla Riserva naturale del lago di Montepulciano e per l'occasione sara' inaugurata anche la Torretta per le osservazioni naturalistiche realizzata dalla Provincia di Siena in collaborazione con Terna Spa e con il contributo della Regione Toscana e della Fondazione Monte dei Paschi di Siena.
Alla cerimonia di presentazione parteciperanno Claudio Galletti, assessore alle aree protette della Provincia di Siena, Luca Bonechi, vice presidente della Fondazione Monte dei Paschi, Edoardo Gambardella, responsabile Terna, Massimo Della Giovampaola, sindaco di Montepulciano, Federigo Sani, console Touring Club Italiano di Siena.
Il premio, ideato nel 2000, viene assegnato annualmente a realta' artistiche, culturali o ambientali tipiche della terra di Toscana che ben ne traducono e rappresentano nel mondo l'immagine di pregio di questa regione.

14 ottobre 2008

Turismo Velardi: missione Washington

Una delegazione di 10 persone. Una spesa di 214mila euro. Comincia domani, giorno in cui l´assessore regionale al Turismo parte per Washington, dove parteciperà alla convention della National Italian American Foundation (Niaf), l´associazione che rappresenta 26 milioni di italo-americani negli Stati Uniti. La Campania è la regione d´onore dell´edizione numero 33, stand, cena di gala, spot su schermo gigante, canzoni di Peppino Di Capri, eccetera. Una "Mission Possible" che Velardi ha dovuto difendere dai sospetti di sprechi, quello che lui definisce «un comprensibile sospetto generale e preventivo», in un clima di «persistente, sordo pregiudizio sui fondi impiegati nella promozione istituzionale». Pubblicato il dettaglio delle spese sul blog dell'Assessore, che non si trova invece sul sito Internet della Regione: 25mila euro di biglietti aerei, 1.500 di taxi, 16.890 di soggiorno in hotel, 36mila per la cena di gala, 2mila alla voce anticipazione cassa, 5mila per i pasti, 7mila e 500 per l´acquisto di 50 cravatte e 25 foulard da regalare agli ospiti, 11mila euro per l´acquisto di 2mila magliette omaggio ai partecipanti d´onore, 15mila euro per l´acquisto di 3.500 magneti (omaggio agli altri partecipanti), 24mila euro per l´acquisto di pagine pubblicitarie sulla rivista "Italy Italy" e poi - la voce più costosa - 70mila euro di contributo in favore di Niaf. Memore delle polemiche passate per la maxi delegazione regionale guidata da Sandra Lonardo al Columbus Day di New York («recente performance non particolarmente gradita dall´opinione pubblica regionale»), Velardi spiega che «il Columbus Day non ha niente a che fare con la convention della Niaf. Sono cose diverse, si svolgono in città e in date diverse». E aggiunge: «Si tratta di una promozione importante».

Turismo: un tour nei luoghi bandito Giuliano

Curiosità
Per rilanciare il turismo, un tour per i luoghi che hanno reso famoso il bandito Giuliano. L'idea e' del sindaco di Montelepre. 'Si potrebbe fare conoscere la storia del paese che diede i natali al bandito - spiega Giacomo Tinervia - non vogliamo osannare Giuliano ma ricordare chi ha dato la vita per lo Stato in quel periodo'. Il progetto prevede 'visite ai luoghi dove sono avvenute le stragi', e la visione di filmati d'epoca, oltre all'immancabile degustazione di prodotti tipici.

13 ottobre 2008

TURISMO. Flussi per preservare l'ambiente

Convegno internazionale su Turismo Sostenibile dal 14 al 19 ottobre a Montecatini Terme
Si apre domani il convegno internazionale MMV4-Monitoring and Management of Visitor Flows in Recreational and Protected Areas sul monitoraggio e gestione dei flussi turistici nelle aree protette, organizzato dall'Istituto di Biometeorologia del Consiglio nazionale delle ricerche di Firenze.Il convegno, che si svolge per la prima volta in Italia, vuole porre l'accento sull’importanza di una buona gestione delle politiche per un turismo responsabile nelle aree urbane e rurali, anche nella prospettiva dei cambiamenti globali in corso.
«Turismo sostenibile significa, in primo luogo, gestire correttamente i flussi turistici così da mitigare l’impatto sull’ambiente naturale e sull’economia locale», afferma Antonio Raschi, ricercatore Ibimet «Non possiamo più permetterci di ignorare la necessità di una programmazione che parta proprio dal monitoraggio dei flussi turistici, in Italia tuttora molto scarso, e scarsamente utilizzato ai fini di ricerca».“E’ evidente come la domanda di turismo ‘verde’ sia in aumento, almeno nel nostro Paese”, dice Raschi. “Questo è dovuto anche ai cambiamenti climatici in corso: le più alte temperature estive ci spingono a cercare refrigerio in campagna e in montagna, e flussi turistici più intensi, anche per escursioni brevi, richiedono una gestione più curata”. E le risorse del nostro Paese sono sfruttate solo in parte: “si pensi a tutto il potenziale indotto del settore, fatto di artigianato, di prodotti tipici ecc.”, prosegue il ricercatore. “Allo stesso tempo, la riduzione delle precipitazioni invernali sta obbligando a riflettere sulla programmazione delle stagioni sciistiche”.Nel corso del convegno, sarà anche presentata una ricerca dell’Ibimet svolta utilizzando i dati delle strutture ricettive per la rilevazione dei flussi turistici in Trentino, unica provincia italiana ad aver reso disponibile una banca dati in un arco temporale piuttosto ampio, dal 1982 ad oggi. “Abbiamo effettuato un’analisi del rapporto tra le presenze di turisti nel periodo invernale e l’andamento meteo degli ultimi 20 anni”, spiega Raschi. “Comparando i dati di temperatura, profondità media della neve e flusso turistico abbiamo notato che c’è una correlazione tra la media delle temperature massime della stagione e l’arrivo dei visitatori, nel senso che più l’aria è calda minore è l’afflusso turistico: ciò sarà dovuto, probabilmente, al fatto che i turisti non amano sciare nelle ore calde quando la neve è bagnata. Questo studio potrebbe servire, ad esempio, a pianificare le possibilità di crescita di alcune stazioni sciistiche. Se, come pare, nei mesi di marzo e aprile le temperature tendono a salire molto e la copertura nevosa a ridursi notevolmente, evidenziando una diminuzione degli sciatori, il buon senso (ovvero il senso ‘sostenibile’) dovrebbe suggerire cautela negli investimenti per nuove stazioni sciistiche intorno ai mille metri perchè sarebbero a rischio di operatività, soprattutto nella seconda metà della stagione”.La conferenza, che vede la partecipazione di numerosi ricercatori stranieri, vuole essere un momento di confronto tra le realtà e le esperienze italiane con quelle delle altre nazioni, in un'ottica di cooperazione su temi importanti quali gli effetti sociali ed economici della recreation ecology e turismo nelle aree verdi, la gestione, il monitoraggio e l'orientamento dei turisti, i conflitti fra visitatori e residenti, i rischi ambientali. “Il turismo è uno dei settori più importanti del nostro sistema economico”, conclude Raschi. “Ci auguriamo quindi che l’Italia voglia mantenere il passo delle vicine nazioni europee come anche di quelle oltre oceano. Ma per fare questo occorre stabilire delle norme precise sulla gestione dei dati dei flussi turistici ed investire di più nella ricerca”.

12 ottobre 2008

Università, il business degli affitti in nero per una camera singola 500 euro al mese

Canoni d´oro, alloggi fatiscenti, milioni di euro nascosti al fisco.
Con l´inizio dei corsi universitari si rimette in moto il grande business degli affitti in nero agli studenti fuori sede.
Un fenomeno di proporzioni sempre più vaste. E con dinamiche in continuo mutamento. Nel cuore della zona universitaria, per esempio, tra corso Umberto, via Mezzocannone, via Duomo e piazza Bellini negli ultimi anni si è sviluppata una rete di intermediari in grado di controllare anche più di cinquanta appartamenti l´uno. Il meccanismo è semplice: affittano dai proprietari ampie abitazioni per poi subaffittarle agli studenti e lucrare sulla differenza. Un duplice passaggio al nero. La spia di questo fenomeno sono gli annunci affissi nelle bacheche delle facoltà e nelle strade del centro: molto spesso offrono camere in condomini o palazzi diversi, ma il cellulare da contattare è sempre lo stesso. Un´organizzazione capillare dell´affitto illegale, insomma, per sfruttare ogni metro quadro disponibile nelle vicinanze delle sedi accademiche.A Napoli gli studenti fuori sede sono oltre 35 mila, in parte pendolari. La corsa al posto letto è partita: i prezzi sono saliti ancora anche se non raggiungono i livelli di Roma, Milano e Bologna. Per un letto in camera tripla si pagano 180 euro al mese, in doppia tra i 200 e i 250. Per le camere singole si oscilla dai 300 ai 500 euro. Studiare costa salato. Cartelli affissi in facoltà e siti internet specializzati, i canali di ricerca. Per alcuni però è più difficile trovare una sistemazione, seppur al nero: su molti avvisi si legge "no matricole, no Erasmus, no persone con animali". Sono queste le categorie considerate "a rischio".Da qualche mese sta cambiando anche la geografia degli affitti. Se il centro storico e Fuorigrotta, quartiere che ospita le facoltà di Economia e Ingegneria della Federico II, sono zone dove storicamente si concentrano gli studenti, ora anche a Chiaia vengono offerti appartamenti al nero. La dicitura "camera in palazzo signorile" sempre più spesso compare nelle offerte, sia cartacee sia on-line. E i prezzi, nel salotto della città, sono ovviamente proibitivi. Una camera singola arriva a costare anche seicento euro.La caccia agli evasori viene condotta dai finanzieri del primo gruppo del Comando provinciale. L´anno scorso le verifiche sono state 83 e hanno portato al recupero di 300 mila euro di imponibile. Il lavoro investigativo dei militari guidati dal tenente colonnello Ciro Natale è complesso. Si sviluppa su tre direttrici. Quella più sofisticata è l´analisi incrociata di una serie di dati di varia natura. Dal catasto ai depositi bancari, dall´anagrafe tributaria alle anomalie registrate nei consumi di acqua, elettricità, gas: ogni elemento può risultare prezioso per scovare chi affitta al nero. Gli accertamenti sul territorio rappresentano il secondo livello d´azione. Mentre il terzo canale passa dalle segnalazioni, spesso anonime. Non solo persone infastidite dalla rumorosa presenza di giovani, ma anche studenti che, una volta laureati, decidono di denunciare i vecchi padroni di casa. Quest´anno, inoltre, le Fiamme gialle si sono dotate di un altro strumento. Un´indagine sugli studenti fuori sede dell´ateneo federiciano: in 3600 hanno compilato un questionario con specifiche voci sulla dimora e sulla proprietà degli alloggi. Il 15 per cento del campione ha ammesso, o in qualche modo fatto capire, di occupare una stanza con un canone corrisposto al nero.

11 ottobre 2008

LAVORO: PIONATI (UDC), SCONCERTANTE DECISIONE SVILUPPO ITALIA

''E' sconcertante e lascia senza parole la notizia della messa in mobilita'

di 400 dipendenti di 'Sviluppo Italia''.
Lo afferma in una nota Francesco Pionati, portavoce nazionale dell'Udc. ''Il Governo sta facendo morire un'azienda che nella nostra terra ha consentito a migliaia di giovani, e meno giovani, di intraprendere un'attivita' lavorativa altrimenti impossibile: sarebbe ora che cambiasse radicalmente rotta nell'interesse dell'encomia del mezzogiorno'', dice ancora Pionati. ''In Campania, come succede spesso, la situazione e' ancora piu' disastrosa che nel resto d'Italia: ben 150 lavoratori sono in mobilita''', aggiunge il parlamentare. ''Incomprensibile e censurabile - in questo quadro - il comportamento della giunta regionale campana, che, invece di esercitarsi in un assurdo braccio di ferro con l'amministratore delegato di Sviluppo Italia, avrebbe fatto meglio a prodigarsi per cercare a Roma e Bruxelles i finanziamenti per nuove commesse, come hanno fatto le regioni d'Italia''.

RIFIUTI CAMPANIA :A che servono 5 inceneritori

Ora è pure ufficiale. Il quinto inceneritore servirebbe non solo a toglierci più velocemente dai piedi le pseudo-ecoballe, ma pure a dare una mano ad altre regioni prossime alla crisi. Berlusconi è certo della sua ricetta, ma si confermano le perplessità di alcuni ministri (di cui si diceva già ieri sera) e altre perplessità vengono dal Presidente della Repubblica, soprattutto sull’uso dello strumento decreto. Perché — ragiona Napolitano — o l’emergenza non c’è più e allora un decreto non è giustificato, e serve il normale (fastidioso, secondo alcuni) percorso parlamentare per introdurre eventualmente nuove norme, o invece l’emergenza c’è ancora, ma allora fin qui sarebbero state dette svariate palle. Insomma, la sostanza è questa, anche se le espressioni non sono proprio così esplicite.
Con l’occasione, oggi pomeriggio (11 ottobre) c’è un nuovo appuntamento dal Coordinamento dei Comitati Cittadini contro l’Incenerimento. Per una fiaccolata a Ponticelli. Si parte alle 17 da viale Margherita (lato via Argine) per arrivare a piazzetta San Domenico dove esperti di vario tipo forniranno informazioni sui danni legati all’incenerimento provoca e sulle alternative eco-compatibili.

Villaggi della Tradizione

Mercoledì 15 ottobre 2008 Presentazione della Guida “Villages of Tradition”
16 borghi della Campania in rete con i villaggi più belli di Spagna e Portogallo per un nuovo turismo rurale e ambientale

Insieme alla Galizia in Spagna e al Nord del Portogallo, la Campania rientra nel progetto di cooperazione transnazionale “Villages of Tradition”: un programma di valorizzazione e promozione di piccoli centri abitati inseriti in un contesto rurale di rilevante valore patrimoniale e con proprie caratteristiche che si esprimono nella tradizione dei mestieri, dei prodotti locali e nell'ambiente naturale. La Campania è capofila in Italia con 16 borghi afferenti ai 4 GAL (Gruppi di Azione Locale) regionali: Partenio Valle Caudina, Verde Irpinia, Alto Casertano e Colline Salernitane.Mercoledì 15 ottobre, ore 10.30, al Reale Yacht Club Canottieri Savoia di Napoli (Banchina di Santa Lucia, 13) viene presentata la Guida “Villages of Tradition” e viene fatto un bilancio del progetto varato nel 1997. Intervengono Giovanni Pignatelli della Leonessa Presidente G.E.I.E. Village of Tradition; Francisco De Calheiros Presidente di Ata Portogallo che presenterà il “Manuale di qualificazione” dei villaggi, e Maurizio Reveruzzi coordinatore Gal Partenio Valle Caudina che illustrerà la Guida. Partecipano inoltre Alfredo Bruno Autorità di Gestione Leader+ Regione Campania e Giuseppe Allocca Coordinatore A.G.C. Settore Primario Regione Campania che parleranno rispettivamente dell’esperienza e del valore aggiunto dei progetti di cooperazione in particolar modo nello sviluppo delle aree rurali. Modera il convegno il giornalista Rai Bruno Gambacorta.Primo significativo risultato del progetto è la Guida “Villages of Tradition” che descrive e racconta i 64 borghi selezionati a livello europeo per il valore e la qualità delle architetture, del paesaggio e del patrimonio di usi e costumi - dall’enogastronomia all’artigianato – nonché per la qualità dei servizi ricettivi, delineando così un suggestivo percorso di viaggio che lega storia, ambiente e tradizioni per itinerari nuovi all’insegna del turismo rurale ed ambientale. Il progetto vede insieme i Gal Europei di Italia, Spagna e Portogallo con il supporto del Programma Leader+. Obiettivo del progetto è la creazione di una rete ricettiva diffusa e la promozione di un “turismo dei villaggi”, un turismo consapevole che va oltre le solite rotte, che sa apprezzare l’atmosfera, la cultura e tutto quel patrimonio immateriale proprio dei piccoli borghi e della loro popolazione. Il programma di cooperazione prevede inoltre la valorizzazione e salvaguardia dei Villaggi della Tradizione e del loro patrimonio storico, culturale ed ambientale.

Premio Furore di Giornalismo

Taglia il traguardo della XIII edizione il Premio Furore di Giornalismo e
si fregia, quest'anno, dell'Alto Patronato della Presidenza della Repubblica.
Un riconoscimento prestigioso che premia l’impegno degli organizzatori.
La cerimonia di premiazione è fissata per le ore 20 di sabato 11 Ottobre presso il Fu–rore Inn e sarà condotta, come sempre, da Nino D'Antonio. In coda è prevista una degustazione di "identità golose" della Terra Furoris, innaffiate dai vini di Marisa Cuomo. Il drappello dei premiati di quest'anno è così composto: Daniela Bruzzone, giornalista romana di Rai e Globo Sport, per la sezione “Periodici Spofivi”; Laura Campo, della rivista tedesca “Adesso” di Monaco di Baviera, per la sezione “Stampa Estera”; Vinicio Coppola, della Gazzetta del Mezzo–giomo di Bari, per la sezione “Quotidiani Nazionali”; Laura Franco, de “Il Giornale - Mete d'élite”, per la sezione “Stampa Turistica”; Enzo Landolfi, di Telecolore - Salerno, per la sezione “Televisioni Locali”. Del resto la storia di questo premio annovera firme prestigiose: Donatella Bianchi, Attilio Romita, Beppe Bigazzi, Antonella Clerici, Bruno Gambacorta, Gianfranco De Laurentis, Vittorio Paliotti, solo per citarne alcuni.“Resta un dato: il Premio, più che assegnarlo, Furore Io riceve – spiega il sindaco Alfonso Avitabile - Nel senso che protagonisti della cerimonia non sono i premiati ma il paese. Una realtà in continua crescita anche grazie al contributo dei tanti amici giornalisti e che è diventata in pochi anni una delle destinazioni turistiche emergenti della Divina Costiera”.

10 ottobre 2008

“DEMOCRAZIA SOCIALE, DEMOCRAZIA POLITICA"

Convegno dei Cattolici Democratici ad Assisi che avrà
luogo nei giorni 10, 11 e 12 ottobre 2008.
Per rinnovare la ricca esperienza dello scorso anno abbiamo progettato un momento significativo sul piano culturale e politico, per la qualità e l’alto profilo dei relatori invitati a intervenire, impegnati in modi diversi nella cultura e nella società e per l’interesse e l’importanza delle tematiche proposte. Nel pomeriggio di venerdì 10 i lavori del Convegno saranno aperti dalla relazione dell’onorevole Beppe Fioroni. L’intervento del professor Mauro Ceruti delineerà il quadro entro cui leggere e interpretare i temi e le questioni che saranno affrontate durante le tre giornate. Il Convegno si svilupperà poi attraverso una prima tavola rotonda sul rapporto tra politica e religione. La giornata di venerdì si chiuderà quindi con l’Assemblea dei delegati di “Quarta Fase”. Nel pomeriggio, il grande sociologo francese Alain Touraine terrà una relazione sulla dialettica tra dinamiche sociali e processi di globalizzazione. Seguirà una tavola rotonda su democrazia sociale e democrazia politica, cui parteciperanno tra gli altri Raffaele Bonanni, Luigino Bruni, Andrea Olivero.È fissato nella giornata di domenica 12 il contributo dell’onorevole Dario Franceschini. Al dibattito generale saranno dedicate parte della mattinata e del pomeriggio di sabato e parte della mattinata di domenica. Crediamo che si tratti di un’occasione preziosa di incontro e confronto, in grado di offrire nuovi strumenti per leggere tematiche e dinamiche di grande attualità politica e per promuovereun reale dibattito capace di favorire cambiamenti nelle idee e nelle pratiche concrete.

Il Consiglio dei ministri torna a riunirsi nel capoluogo partenopeo

Premi a chi non lascia lavatrici per strada, assunzioni per i vigili del fuoco e straordinari per i militari. In galera chi sporca le strade.
Chi sporca le strade rischia la galera. E anche chi inquina le acque. Chi invece non lascerà lavatrici e lavastoviglie per strada sarà premiato in soldoni. Il governo si appresta a varare un nuovo decreto legge sui rifiuti che aumenta le pene per coloro che non rispettano l'ambiente.

09 ottobre 2008

Scuola, sciopero generale il 30 ottobre

Sindacati sul piede di guerra: "no" al maestro unico della riforma Gelmini
I sindacati bocciano la riforma Gelmini e proclamano lo sciopero della Scuola giovedì 30 ottobre proclamato. «Le sigle hanno registrato una risposta negativa rispetto alle loro rivendicazioni e hanno, quindi, deciso di promuovere una forte mobilitazione di tutto il personale». I sindacati hanno anche annunciato una manifestazione nazionale a Roma nella stessa giornata.Lo sciopero generale della scuola dunque si farà: la decisione era giunta già ieri durante l’incontro tra i segretari generali dei sindacati della scuola firmatari dei contratti - Flc-Cgil, Cisl Scuola, Uil Scuola, Snals e Gilda - che assieme rappresentano il 90 per cento degli iscritti al comparto scuola pari ad oltre mezzo milione di lavoratori.

Se il calcio fa sul serio

Una serata esemplare quella organizzata per Borgonovo.
È stata una grande serata quella di ieri sera dedicata a Stefano Borgonovo, con l’obiettivo di raccogliere i fondi per la sua Fondazione che fa ricerca sulla Sla. Una serata carica di positività in ogni senso. Primo, la positività comunicata dalla famiglia del giocatore, dalla moglie Chantal e dai suoi quattro figli, che hanno affrontato il dramma della malattia con lo slancio e l’affezione di chi ha passione per la vita. Quando il tessuto di una famiglia tiene, non tanto come valore ma come vissuto quotidiano, è in grado di trasmettere positività anche nelle contingenze più dure.Secondo, abbiamo visto un mondo del calcio umano, con le lacrime agli occhi, capace ancora di amicizie. Su tutti Roberto Baggio che ha dimostrato ancora di più di essere un fuoriclasse, nella naturalezza con cui è stato vicino a Borgonovo, lo ha portato per il campo, ha consolato i suoi ex compagni. Un calcio non isterico, capace di fermarsi e di guardarsi in faccia. Complimenti a Fiorentina e Milan che hanno voluto fare un gesto così.Terzo, il pubblico. Lo stadio di Firenze era pieno, in particolare le curve. E vedere il popolo degli ultras inventare cori per il loro campione in carrozzella mentre Baggio lo portava sotto la curva, è stato uno spettacolo spiazzante. Si capisce come tanti stereotipi sul pubblico del calcio siano dettati da una frettolosità e da uno snobismo. Invece è un pubblico pronto a riconoscere i valori, se qualcuno glieli presente.Quarto, quella di ieri è stata anche una bella serata di tv. Purtroppo ignorata dalle generaliste e colta solo da Sky. È stata una bella serata perché chi era al micorfono, e in particolare Massimo Mauro, parlava con competenza e inttelligenza della qeustione che avav mobilitato tanta genete e tanti campioni. Sapeva che era un’occasione unica per informare e per far capire le cose. E l’ha colta in pieno. Da ieri in tanti sappiamo molto di più su cosa sia la Sla, su cosa voglia dire essere malati si Sla, su cosa si può fare per loro.

UN RUOLO DA PROTAGONISTA PER IL TURISMO SOCIALE


di Pino Vitale
E’ tempo di turismo sociale.
E’ tempo di ribadire il primato dell’uomo e della promozione civile, della crescita culturale dei giovani e della tutela dell’ambiente.
Il turismo sociale - per sua stessa definizione - ha origine dalla dottrina sociale della Chiesa, dalla volontà di rendere tutti, senza nessuna distinzione, partecipi della gioia di vivere nella fratellanza e nell’armonia. Abolendo ogni steccato economico e lanciando un messaggio di pace e di speranza. Un turismo che non guarda solo ad avvicinare l’uomo alle bellezze naturali, ma che riesce anche a vedere la coscienza di ognuno di noi, a cercare all’interno di ogni persona un motivo di promozione, personale e collettiva.
Una riflessione sul valore della persona, sulla fatica che ogni uomo di buona volontà ha il dovere di compiere per aiutare gli altri, per donare una parte della propria vita per un progetto di speranza comune. Per conseguire alle generazioni future quel patrimonio di civiltà che la Chiesa ha saputo tutelare e, nello stesso tempo, ampliare. Oggi sono tante le facce del turismo sociale. In particolare, una delle più difficili – ma che regala soddisfazioni immense a chi lavora a questi progetti – riguarda il turismo per i disabili. Nell’aiutare la persona disabile si racchiudono le mille anime del turismo sociale: il volontariato, la promozione sociale, l’organizzazione di un turismo a misura d’uomo. Ma qui è indispensabile anche un impegno forte da parte delle istituzioni pubbliche, per poter creare questa offerta di servizi: dallo Stato agli enti locali, regioni, province, comunità montane, piani di zona, unioni dei comuni e comuni, tutti devono essere inseriti in questo circuito virtuoso. Il turismo sociale è lo straordinario volano che permetterà di far crescere l’occupazione nel mezzogiorno. E’ lo strumento sul quale scommettere, per aiutare i giovani a credere nella formazione, per indirizzare le nuove generazioni verso una prospettiva dove c’è la possibilità di vivere insieme agli altri costruendo un nuovo domani, senza dover abbandonare un territorio che ha davvero bisogno dei giovani.

Largo al turismo sociale

Piacenza- C’è nuova sfida per il territorio
Turismo sociale: è la nuova sfida del territorio piacentino di cui si è parlato venerdì scorso durante una giornata di studio organizzata dall’Università Cattolica del Sacro Cuore. Ma cosa si intende per turismo sociale? La risposta la dà Giuseppe Magistrali, piacentino, docente all’Università di Ferrara, autore di un libro appena pubblicato sull’argomento: “Alla base di tutto - dice - vi è la promozione del benessere e della felicità attraverso un altro turismo, portatore di principi universali di equità, sostenibilità e tolleranza; favorito da un’imprenditoria con anima sociale, che promuove l’accesso del maggior numero di persone alla vacanza, senza distinzioni di età, appartenenza culturale, disponibilità economica e capacità. Fondato sui valori della socializzazione della crescita della persona e del rispetto dell’ambiente - continua Magistrali - è fattore di coesione sociale e di arricchimento culturale. Esso si rivolge in particolare alla terza età, ai giovani, ai disabili. Comprende viaggi organizzati da enti no-profit, forme di volontariato in missioni nazionali o internazionali. E’ un turismo mirato soprattutto all’approfondimento delle relazioni umane”. Sono quindi riscontrabili quattro differenti attività: lo sviluppo di forme di turismo equo e solidale a livello internazionale con viaggi che siano occasioni di incontro e che permettano di far crescere esperienze cooperativistiche con una vocazione imprenditorial-sociale nel settore del turismo; lo sviluppo del turismo sociale a livello nazionale per progettare proposte adeguate a gruppi di persone con handicap, problemi psichici, minori a rischio; il turismo educativo e degli scambi giovanili in ambito nazionale, europeo e internazionale; infine l’ecoturismo che permetterebbe ricadute positive per i territori considerati marginali e in via di abbandono.La proposta portata avanti da Magistrali e da numerose altre realtà piacentine tra cui Università Cattolica, Cisl, Camera di Commercio, Diocesi, Svep, Confindustria e Confcommercio, è quella di creare un’Agenzia ad hoc composta di tre elementi: la promozione da affidare alle istituzioni; l’indagine scientifica con l’obiettivo ambizioso di creare un laboratorio nazionale e internazionale che studi e progetti formule di turismo sociale e, da ultimo, l’aspetto imprenditoriale, necessario a far marciare concretamente i viaggi. L’Agenzia sarebbe, dunque, un elemento di eccellenza per Piacenza che consentirebbe non solo di dare una vocazione turistica al territorio, ma che potrebbe fornire servizi a livello nazionale ed internazionale, costituendo per la città un elemento di indubbia eccellenza. Da qui l’interesse delle istituzioni, in primis la Provincia di Piacenza, ma anche il Comune capoluogo e quello di Borgonovo Val Tidone, per ora unico dei quarantasette Comuni rurali piacentini ad aver aderito al progetto. Secondo Sandro Busca, segretario provinciale della Cisl, “l’Agenzia va creata il prima possibile per tradurre quelle che per ora sono solo idee generiche in progetti concreti a cui tutti dovranno collaborare con proposte, risorse e know how”.

Weekend in piazza: mele per la ricerca

Sabato 11 e domenica 12 ottobre in 3.000 piazze italiane verranno distribuiti 320 mila sacchetti di mele per sostenere la ricerca sulla Sclerosi multipla. Anche quest'anno è il giocatore di calcio Gianluca Zambrotta (nella foto a fianco) il testimonial che inviterà tutti a recarsi nelle piazze. L'Associazione Italiana Sclerosi Multipla, che organizza l'iniziativa, compie quest'anno il suo quarantesimo anno di attività. Oltre a promuovere i diritti e aiutare concretamente le persone malate e le famiglie, finanzia, insieme a Fism, il 70% della ricerca scientifica sulla malattia.Per conoscere le piazze dove acquistare le mele e sostenere l'Aism telefonare allo 840502050. Ulteriori informazioni sui siti internet www.aism.it www.giovanioltrelasm.it

08 ottobre 2008

Scuola: studenti venerdi' in piazza

Nuova protesta contro la riforma Gelmini venerdi' 10 ottobre: scenderanno in piazza gli studenti in tutta Italia. 'L'approvazione del voto di fiducia alla Camera sul decreto Gelmini - osserva l'Unione degli studenti - rappresenta un ulteriore atto antidemocratico di un governo che elude le manifestazioni di dissenso e con violenza prova ad affermare il proprio autoritarismo. Per questo venerdi' porteremo in piazza tutta un'altra musica, in 70 manifestazioni'.

“Buoni Vacanza Italia: si riprende a viaggiare

Convegno ad Aosta
15 novembre 2008
“Buoni Vacanza Italia: si riprende a viaggiare. Nuove opportunità
per il turismo in Valle d’Aosta e nuove prospettive per l’Europa”

07 ottobre 2008

Governo- Berlusconi: Ragioniamo su viceministri Sanita' e Turismo

Politica:Il premier risponde su ipotesi di allargare la squadra di governo?
"Ci stiamo ragionando: abbiamo anche da fare viceministri in materie importanti che richiedono un'attenzione particolare, come il turismo e la sanità, che richiederebbero l'attenzione di chi ha ruolo da ministro". E' quanto ha sostenuto il premier Silvio Berlusconi in conferenza stampa a palazzo Chigi.

06 ottobre 2008

Scuola, il Governo pone la fiducia. Sindacati verso lo sciopero

Sciopero generale che però non potrà essere attuato prima della fine di ottobre (probabilmente il 31) poiché il 17 c'è già in programma, da prima dell'estate, quello dei Cobas.

Il Governo presenta un maxiemendamento al ddl di conversione del decreto Gelmini sulla scuola e pone la fiducia, l'opposizione insorge e parla di "violenza alla Costituzione", i sindacati, confederali e autonomi, si preparano allo sciopero. Per il governo il maxiemendamento è un "nuovo testo solo da un punto di vista tecnico", precisa il ministro dei Rapporti con il Parlamento Elio Vito, e non introduce "nuove norme o modifiche contrarie alla volontà espressa dalla Commissione". Fin dalla mattinata il segretario del Partito democratico Walter Veltroni si scaglia contro il governo: "Si parla di una riforma della scuola ma - dice in una intervista radiofonica - è una espressione sbagliata, non c'è nessuna riforma, ci sono solo 8 miliardi di tagli". Inoltre, accusa, "ormai il Parlamento è considerato una specie di camera di ratifica". Il ministro Vito si difende spiegando che la scelta della fiducia è dovuta "all'impossibilità di avere una data certa per l'approvazione". Dura la replica in aula del capogruppo democratico alla Camera, Antonello Soro, secondo il quale il governo fa "violenza alla Costituzione vigente", e anche la questione dei tempi non è altro che una scusa, visto che l'opposizione "non ha fatto ostruzionismo". Di tutt'altro avviso il ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini, che commenta: "Non è vero che non c'è stato ostruzionismo, perché il numero degli emendamenti è aumentato". Nella giornata di ieri c'è anche il giallo della copertura finanziaria: alla presentazione del maxiemendamento il presidente della Camera Gianfranco Fini annuncia una sospensione di un quarto d'ora della seduta della Camera, invece l'esame in commissione Bilancio si prolunga e la seduta riprende quasi quattro ore dopo. "Questo provvedimento - dice Gianluca Galletti dell'Udc - è in parte non coperto: si prevede il maestro unico che dovrà fare 2 ore in più e questo comporterà la necessità di un rinnovo contrattuale che avrà maggiori oneri per lo Stato. Per tutto il pomeriggio abbiamo chiesto alla Ragioneria dello Stato, al governo e alla maggioranza di quantificare questo maggiore onere per vedere se era compatibile con la copertura derivata dai tagli che prevede il decreto 112. Non lo sappiamo". Davanti a Montecitorio in giornata c'è stata anche la protesta dei coordinamenti, in prevalenza romani, di insegnanti, genitori, personale non docente, studenti delle scuole di specializzazione, movimenti e associazioni. Presenti al sit-in, chiamato 'salva la scuola', circa 250 contestatori, molte bandiere della Cgil, del Partito democratico e di Sd, e striscioni contro il ministro dell'Economia Giulio Tremonti e quello dell'Istruzione Mariastella Gelmini, ritratta in una effigie pseudoreligiosa e ribattezzata 'Beata Ignoranza'. Nel frattempo, sempre nella giornata di ieri, si sono mossi anche i sindacati firmatari del contratto che hanno confermato la volontà a scendere in piazza qualora il governo non dovesse cambiare linea di indirizzo: anche lo Snals, dopo la Cisl e la Uil, ha rotto gli indugi dei giorni passati minacciando il ricorso allo sciopero.

La storia aiuta il futuro del turismo il racconto di «Sereno Variabile»

La Rai punta su Salerno. Attraverso Sereno & Variabile, una delle trasmissioni più seguite della televisione pubblica, propone al resto d'Italia fatti, storie, luoghi e personaggi della Salerno turistica e culturale che gradualmente va affermandosi sul panorama nazionale. Il giornalista Rai Osvaldo Bevilacqua racconterà gli aspetti più caratteristici della città antica prima di spostarsi in due luoghi simbolo della provincia: Pertosa (per le grotte) e Montecorvino Rovella (raccontata la storia salernitana di Giulietta e Romeo). Organizzato dall'Ente Provinciale per il Turismo di Salerno, la puntata salernitana di Sereno & Variabile fu registrata lo scorso 16 settembre. Accompagnato dall'Amministratore EPT Gennaro Avella, il popolare Bevilacqua visitò il centro storico, la Cattedrale ed il Giardino della Minerva. "L'orto botanico della antica Scuola Medica Salernitana - spiega Avella - fu l'occasione per descrivere la traduzione del Regimen Sanitatis Salernitanum in cinese antico in via di realizzazione attraverso la collaborazione con l'Istituto universitario Orientale di Napoli. Nella odierna puntata di Rai 2 spazio anche alla storia del Duomo al Farmagourmet ed all'aeroporto. Tema caro ad Avella: "Il messaggio inviato alla platea nazionale - conclude - è chiaro: con il suo Costa d'Amalfi Salerno oggi ha una struttura capace di accogliere aerei che, auspichiamo, siano sempre più carichi di turisti».

Premio Mia Martini 2008

Tre serate di gara con ospiti eccezionali e una giuria di esperti.
Dal 9 all’11 ottobre Bagnara Calabra, città natia della grande Mia Martini, ospiterà la XIV° edizione del prestigioso Premio Mia Martini, ideato nel 1995 , anno della morte di Mimì, dal regista e patron della manifestazione Nino Romeo e organizzato dall’Associazione Cultura e Spettacolo di Bagnara Calabra con il patrocinio della Regione Calabria, Assessorato al Turismo, Provincia di Reggio Calabria e Comune di Bagnara Calabra in ricordo della grande artista scomparsa.Anche quest’anno, dopo innumerevoli selezioni in giro per l’Italia, 34 cantanti emergenti selezionati dal musicista e cantautore Mario Rosini insieme a Iskra Menarini, storica vocalist di Lucio Dalla e Andrea Direnzo, giornalista, critico e esperto di musica, si contenderanno l’ambito Premio Mia Martini Nuove Proposte per l’Europa in tre serate di grande gara.I finalisti arrivano da ben 12 regioni italiane: hanno cinque rappresentanti la Calabria, la Campania, l'Umbria, quattro artisti per il Lazio, tre per la Puglia, il Piemonte e le Marche, due per la Sicilia, e un solo cantante in gara per la Lombardia, il Veneto, la Valle D'Aosta la Toscana.La giuria che decreterà il vincitore tra i 34 emergenti in gara, sarà presieduta dal direttore del TG3 Antonio Di Bella, affiancato da esperti di musica e personaggi del mondo dello spettacolo i cui nomi saranno resi noti nei prossimi giorni.Oltre quello per gli artisti emergenti anche quest’anno una miriade di premi ad artisti di fama nazionale e internazionale, in questa edizione con un particolare omaggio a Napoli e alla sua tradizione musicale di cui Mia Martini è stata interprete più volte nel corso della sua carriera. E quindi riceveranno il “Premio speciale Mia Martini 2008” Eugenio Bennato, reduce dal successo dell’ultimo festival di Sanremo, Mirna Doris una tra le più belle voce di Napoli, Peppino Gagliardi che si è meritatamente guadagnato nel corso della sua carriera l’appellativo di Aznavour italiano, e ultima ma non ultima la siciliana Aida Satta Flores reduce dalla vittoria del Premio Lunezia 2008Riceverà il “Premio Mia Martini alla carriera” il grande Fausto Cigliano icona della tradizione canora partenopea e il “Premio Mia Martini Giovani” il promettente cantautore Rosario Morisco, rivelazione dell’ultimo festival di Sanremo . E per finire il “Premio Mia Martini 2008” andrà a un cantautore toscano da anni protagonista della scena musicale italiana : Marco MasiniNon mancheranno ospiti per un pubblico più giovane scelti tra i protagonisti della scena pop italiana: si esibiranno sul palco del Palatenda di Bagnara Calabra il duo Pquadro, gli Studio 3 e la giovanissima Verdiana attualmente in tournèe con lo spettacolo “Immensamente Mia” .Per gli amanti della musica etnica un grande momento con le note delle “Green Clouds” iinterpreti delle melodie celtico-irlandesi.La conduzione delle tre serata e stata affidata alla giovanissima, ma già affermata e amata attrice Eleonora Di Miele attualmente protagonista di “Cento vetrine” sopa opera di punta di Canale 5.

Columbus Day 2008, folta partecipazione irpina

L’Irpinia è pronta per l’imminente ricorrenza del Columbus Day 2008, che si terrà come tutti gli anni a New York, con una grande parata per le vie del centro di Manhattan, come per tradizione il secondo lunedì di ottobre, ovvero il giorno 13, in memoria del grande pioniere italiano che è stato Cristoforo Colombo. Sulle orme di Colombo, soprattutto nella prima metà dello scorso secolo, milioni di italiani emigrarono verso Ovest, in maggioranza diretti verso gli U.S.A., sfidando la sorte per fortuna altrove. La provincia di Avellino ancora una volta potrà ricongiungersi con i proprio cari e amici che hanno contribuito in maniera decisiva a far grande gli Stati Uniti; storie di persone semplici che dopo anni di successi e di distanza hanno voluto preservare quel legame con la propria patria. Anche quest’anno alle celebrazioni del Columbus Day sarà presente una delegazione in rappresentanza della Polizia di Stato italiana e davvero considerevole sarà la presenza della Questura di Avellino. L’ispettore superiore della Polizia di Stato in congedo, Alberto Caracciolo, originario di Lapio (AV), è colui che mantiene saldi i rapporti tra gli organizzatori del Columbus Day e la Polizia di Stato. Gli Irpini che parteciperanno al Columbus Day saranno: Alessandro Salzano, Dirigente della Sezione Provinciale della Polizia Stradale, Francesco Cutolo, Commissario Capo Dirigente della DIGOS di Avellino, Luigi De Prizio v. Sovrintendente della Polizia di Stato, originario di San Potito Ultra (AV), in servizio presso la Divisione Anticrimine della Questura di Napoli nonchè Segretario Regionale Co.I.S.P. Campania (responsabile Ufficio Stampa) e addetto stampa della Segreteria Nazionale CO.I.S.P. –Sindacato di Polizia, Generoso De Prizio Sovrintendente Capo della Polizia di Stato in servizio alla Squadra Mobile della Questura di Avellino nonché Segretario Provinciale COISP di Avellino, MANZO Antonio Assistente Capo della Polizia di Stato in Servizio presso la Sottosezione Polizia Stradale di Avellino Ovest Delegato Sezionale del COISP, Antonio Guerriero, Procuratore Capo presso il Tribunale di Sant’Angelo dei Lombardi e Franco Genzale Direttore dell’emittente televisiva Telenostra e del quotidiano Buongiornoirpinia di Avellino . Ma l‘Irpinia non avrà solo una funzione rappresentativa a New York il prossimo ottobre, ma c’è un po’ di Irpinia anche nell’organizzazione statunitense del Columbus Day. Pasquale e Vincenzo Ferrara, John Pasquarosa, Nick Salerno e Tony Lupina sono coloro che si occupano della parte organizzativa e logistica del Columbus Day ed in particolare dei rapporti con la Polizia di Stato. Sarà l’occasione per far riacquistare vigore ai legami con gli altri irpini che vivono negli States, tenendo saldo il rapporto con la terra natia, facendo rivivere anche se oltreoceano, riti, tradizioni, usi e costumi dell’Irpinia. Il rapporto tra l’Irpinia e il Columbus Day, dunque è da sempre molto stretto e anche quello tra Polizia di Stato e l’organizzazione di uno dei eventi più sentiti e suggestivi degli Stati Uniti. “E’ questo lo spirito più vero e significativo del Columbus Day.

TURISTA ITALIANO UCCISO IN COSTA RICA

Un turista italiano è stato ucciso a colpi di arma da fuoco in un albergo della Costa Rica da tre malviventi incappucciati che erano entrati nell'edificio per derubare i clienti. Secondo una fonte giudiziaria locale, i banditi hanno minacciato i clienti intimando, armi in pugno, di consegnare i loro valori. La vittima,di cui è stato reso noto solo il nome,Nicola, ha cercato di opporsi,ma gli aggressori l'hanno "freddato" sparandogli a ripetizione senza pietà.

Turismo: Camper, che ri-scoperta!

Cresce il trend degli amanti delle vacanze "senza hotel": caravan, roulotte, campeggio e turismo all'aria aperta stanno conquistando sempre più italiani. Sarà per via delle tasche sempre più vuote, sarà per quella voglia di sperimentare una vacanza diversa, adatta soprattutto alle famiglie, ma il turismo in camper e caravan sta conquistando sempre più italiani. Solo nel Bel Paese si contano ormai circa 5 milioni di turisti "senza hotel".

04 ottobre 2008

Razzismo: in migliaia in corteo a Roma

IMMIGRATI SFILANO A ROMA PER DIRE BASTA RAZZISMO
In testa immigrati di Castel Volturno e Milano, anche cinesi
'Stop al razzismo'. E' quanto scritto sullo striscione che apre il corteo antirazzista partito da piazza della Repubblica a Roma. In testa al corteo ci sono un centinaio di immigrati di Castel Volturno, con in mano le foto dei sei ragazzi trucidati dalla Camorra. Ci sono anche gli immigrati di Milano, di recente teatro di violenze a sfondo razzista. Alla manifestazione stanno partecipando alcune migliaia di persone. Tanti africani, ma anche cinesi e italiani.

SCUOLA: Cisl,si va allo sciopero generale

Anche la Cisl va verso lo sciopero generale della scuola. Lo ha annunciato il segretario generale Raffaele Bonanni in occasione della manifestazione dei quadri e dirigenti che si è tenuta questa mattina a Roma. "Se non si vuole che la Cisl faccia lo sciopero il governo si faccia sentire con un nuovo programma per la scuola che deve essere una scuola di tutti". ''Al contrario di miei colleghi, io non proclamo scioperi perche' questa e' cosa che fanno le categorie, ma fin da ora posso dire che si va allo sciopero e, se non si vuole questo, il Governo si faccia sentire con un nuovo programma per la scuola che non e' un'azienda, ma che deve essere un'istituzione al servizio di tutti''.

UNICEF - L'Orchidea cosi preziosa, che può salvare la vita a un bambino



Sabato 4 e domenica 5 ottobre 2008 porta a casa con te l'Orchidea dell'UNICEF, il fiore così prezioso che può salvare la vita di un bambino.

In quasi 1.300 piazze italiane, diecimila volontari dell'UNICEF saranno pronti a offrirti, a fronte di una donazione minima di 15 euro, un esemplare di orchidea phalaenopsis, l'unica pianta fiorita in questo periodo dell'anno. L'iniziativa avrà anche un risvolto sportivo: tutti gli stadi di calcio di serie A e B il 4 e 5 ottobre saranno palcoscenico di un invio collettivo. dello SMS solidale 48548 (2 € da fisso e mobile). Le donazioni ai banchetti e lo SMS solidale contribuiranno a finanziare progetti UNICEF di lotta alla mortalità infantile in 6 Paesi africani: Benin, Repubblica Democratica del Congo, Ghana, Guinea Bissau, Senegal e Togo.

Motus 2008 16-19 ottobre

Settimana della Vita Collettiva Roma : 16-19 ottobre 2008
Mostra Internazionale di tecnologie, prodotti, e servizi per comunità, scuole,
ospedali, case di cura e di riposo, enti socio-assistenziali, turismo sociale,
alberghi e pubblici esercizi.

03 ottobre 2008

Turismo religioso:al via la 4° edizione

Sono migliaia i pellegrini che ogni anno partono alla volta degli itinerari turistico-cultural-religiosi. Un vero business per la nostra nazione ricca di mete cristiane. Per questi motivi la Spazio Eventi ha pensato bene di ideare una Borsa interamente dedicata al Turismo Religioso, la prima a livello mondiale. Così Aurea, questo il nome riservato all’iniziativa, è giunta già alla quarta edizione, arricchendosi, di volta in volta, di sempre nuove iniziative. Anche quest’anno, infatti, la manifestazione che aprirà i battenti il 25 ottobre prossimo nella sede del Centro Congressi della Chiesa di San Pio a San Giovanni Rotondo, si avvarrà della collaborazione di importanti istituzioni legate al settore turistico come la Bit 2008 (Borsa Internazionale del Turismo) e lo Spi (Segretariato dei Pellegrinaggi Italiani). Oltre 100 espositori provenienti, tra gli altri, da Israele, dalla Palestina e dai tre importanti Santuari nazionali di Loreto, Siracusa e Pompei, i più importanti tra i Tour operator italiani come l’Opera Romana Pellegrinaggi e l’Unitalsi, e 6 delle Regioni italiane, Emilia Romagna, Lazio, Campania, Umbria, Abruzzo e Puglia parteciperanno all’evento clou della manifestazione, ovvero il workshop. Un momento di confronto tra gli operatori dell’offerta e i buyers provenienti dal territorio nazionale ed estero e che mette al centro il sentimento religioso ma “rappresenta allo stesso tempo - come ha sottolineato Franco Fasano consigliere d’amministrazione dell’Enit nel corso della conferenza stampa di presentazione della manifestazione - un obbligo per le autorità locali di creare le condizioni e i servizi per accogliere il flusso turistico religioso”. Un mercato decisamente in crescita, quello del turismo religioso, come dimostrano i dati del Bit Lab, l’osservatorio permanente sull’immagine all’estero del settore turistico italiano, che vedono l’Italia cristiana richiestissima dal mercato tedesco e statunitense e come testimoniano i numeroso articoli editi dal Financial Times e l’Indipendence che hanno fatto riscoprire affascinanti borghi medievali ormai dimenticati. Ma i pellegrini del terzo millennio, seppur mossi dalla fede e dalla voglia di ripercorrere gli antichi itinerari dei luoghi sacri, hanno oggi esigenze più articolate che vanno dalla ricerca culturale, al rispetto per l’ambiente e al grado di accoglienza. Ecco dunque il vero scopo che si propone Aurea – Borsa del Turismo Religioso e delle Aree Protette: soddisfare, grazie anche all’intermediazione degli amministratori locali, le esigenze dei nuovi turisti religiosi. Anna Leila Marino

La crisi è un'illusione ottica: in Italia si assume

Ecco in quali settori
Addetti alla contabilità, infermieri, disegnatori hanno buone possibilità di trovare impiego.
La crisi economica e finanziria sta imperversando e flagellando i mercati, ma il mondo del lavoro non sembra risentirne, stando a quanto dice il raporto Unioncamere. I dati della Commissione Europea parlano di un aumento della disocuppazione nell'Eurozona, eppure ci sono settori in Italia immuni dalla recessione. Anzi le richieste si moltiplicano a tal punto che è difficile far fronte a tutte. Un'indagine di Unioncamere, riferita alle assunzioni del 2008, fa luce sulle categorie non inflazionate in cui c'è discrepanza fra domanda e offerta. Il fabbisogno occupazionale cresce per amministratori, contabili, progettisti e tecnici informatici. Le figure che hanno registrato una maggior crescita, in termini percentuali negli ultimi anni, sono quelle che si occupano di contabilità, revisione e imposte, insieme ai “soliti” ingegneri (progettisti software). Se per i contabili e gli amministratori va dai 12mila ai 16mila posti annui (44mila assunti nell'ultimo triennio), l'ambito culturale e umanistico è fermo al palo (per queste cassi di laureati rimane il pubblico impiego o l'adattamento ad altre professioni). Si tratta quindi di settori piuttosto floridi in cui fare recruitment, caratterizzati dalla dinamicità ed efficienza. La tendenza fotografa l'andamento generale del mercato del lavoro più o meno in linea con la fornitura delle attitudini. I mestieri dove c'è più movimento rimangono quelli dove non serve un'alta specializzazione. Il discorso allora si sposta anche sulle professioni low skills. Gli ambiti che prevedono una bassa qualificazione professionale sono a caccia di forza lavoro. L'Italia rimane un paese che ha bisogno di 67mila commesse e 43mila donne delle pulizie. Se è prevedibile il calo degli esperti del marketing e della comunicazione, che godono di miglior sorte quando l'economia va a gonfie vele, rimane alta la richiesta per i lavori dove non serve un particolare percorso formativo (come nel caso dei muratori).Cala il silenzio sui salari bloccati ai livelli degli anni 90 e sulla tipologia contrattuale dei nuovi assunti. Sui salari l'associazione che raggruppa le Camere di Commercio italiane avrebbe potuto fornire qualche indicazione in più. Manca una saldatura tra il mondo del lavoro e l'Università? E' un dato da valutare per un paese che vuole migliorare e confrontarsi con la competitività. Il futuro va inequivocablmente nella direzione dell'ICT: soprattutto in ambito tecnico-informatico e amministrativo ci vorrà un'alternanza. È prevista una crescita della richiesta del 30% nei prossimi 5 anni.

Profit e non profit: nuove prospettive per il turismo sociale

Flv Player