Translate

31 agosto 2008

Letteratura. Il Premio Campiello a Benedetta Cibrario

Con il suo primo romanzo, “Rossovermiglio”, Benedetta Cibrario ha vinto il Premio Campiello, ottenendo 94 voti. Il secondo posto è andato a “Sole ed ombra” di Cinzia Tani con 86 voti. Dietro di loro “Louise. Canzone senza pause” di Eliana Bouchard, “Nel cuore che ti cerca” di Paolo Di Stefano e “La zona cieca” di Chiara Gamberale.

30 agosto 2008

Belfast, i turisti dell'Ira


Irlanda del Nord - Usciti dal carcere, gli ex militanti cattolici e protestanti fanno da guida ai tour sui luoghi della guerra civile che ha insanguinato il paese per trent'anni. "Offriamo la possibilità di conoscere la storia direttamente dalla voce di chi ne è stato protagonista" dice William Smith, fondatore dei Red hand commandos, gruppo paramilitare unionista. Queste associazioni, impegnate nella diffusione di "political tour" nel loro quartiere, hanno la convinzione che il turismo possa servire a riconciliare gli opposti schieramenti dando visibilità e sostegno alla comunità locale. "Il turismo è un indicatore di normalità, un barometro che a Belfast segna bel tempo" afferma Gerry Lennon, direttore del Belfast visitor & convention bureau, sddisfatto per i 7 milioni di turisti che nel 2007 hanno visitato la capitale dell'Ulster.Foto: turisti davanti a uno dei murales protestanti di Hopewell Crescent.

ISCHIA E IL CINEMA


Ischia e il cinema è il titolo del libro che sarà presentato sabato 30 dal Garden Club Isola d’Ischia nel giardino di Villa Sena. Il libro è nelle librerie, fresco di stampa, edito dai fratelli Valentino, e farà lieti quanti amano l’isola.Raffaele Mattera, cultore di storia e cose ischitane, ci racconta la storia di Ischia dalla seconda metà del secolo scorso ad oggi, la storia di un incredibile miracolo turistico, dei suoi protagonisti, di tanti ospiti illustri, e lo fa seguendo il filo conduttore dei ben 32 films che sono stati girati sull’isola. Non a caso lo spazio maggiore del libro è lasciato alle foto, tutte molto belle, alcune assolutamente inedite, che testimoniano al meglio questo percorso e che ritraggono i tanti personaggi, i molti eventi che hanno creato un legame assai forte e singolare fra Basta sfogliare il libro per rivedere i protagonisti di questa storia: da Angelo Rizzoli a Luchino Visconti; da Gina Lollobrigida ad Anna Magnani, a Romy Schneider, a Sophia Loren; da Liz Taylor e Richard Burton a Burt Lancaster, a William Holden, A Rod Steiger, a Rex Harrison , a John Wayne, a Gregory Peck, a Antony Quinn, a Yul Brinner; da Charlie Chaplin a Hitchcok, a Fellini, a Vittorio De Sica, a Peppino Patroni Griffi; da Totò a Jack Lemmon, a Peter Sellers, a Walter Chiari; da William Walton a Maria Callas, a Von Karajan, a Mario De Stefano; da Mina a Peppino di Capri, a Fred Bongusto; da Onassis e Jackie Kennedy allo Scià di Persia, a Gianni Agnelli; da Silvana Pampanini a Soraja, a Marta Marzotto…Il libro è arricchito di preziosi camei: di Valerio Caprara, il noto critico cinematografico, “Qui Cleopatra si innamorò di Marc’Antonio”; diVittorio Paliotti “Ischia, il cinema e le canzoni”.Benedetto Valentino racconta l’ambiente che si creò in particolare intorno a Angelo Rizzoli in “Ischia tra gossip e mito”;Raffaele Mattera descrive invece “L’isola di Luchino”;Daniele Morgera ricorda gli eventi realizzati ad Ischia “ Dal Premio Angelo Rizzoli ai giorni nostri”.Completa il libro una precisa e corposa appendice documentaria.Alla serata, che sarà coordinata dal giornalista Ciro Cenatiempo, parteciperanno amici dell’isola, volti noti del mondo della cultura e dello spettacolo ed alcuni testimoni di eccezione della storia che il libro descrive.

Festa del Pd: c'è Bossi, Berlusconi no


Alla festa del Pd non c'è posto per Berlusconi


Ci saranno Giulio Tremonti ed Umberto Bossi, Gianfranco Fini e Sandro Bondi, ma... per vedere sul palco della festa nazionale del Pd il premier Silvio Berlusconi, il grande avversario (e vincitore) delle ultime elezioni politiche, si dovrà attendere almeno un altro anno.

FARNESINA, ANCHE TURISTI ITALIANI BLOCCATI A PHUKET

Almeno un centinaio di turisti italiani sono bloccati nell'isola thailandese di Phuket. Lo ha riferito la Farnesina. Le operazioni dell'aeroporto sono ferme da ieri per alcune proteste antigovernative. Il console italiano, Francesco Cavaliere, ha rassicurato: "Si tratta di una protesta pacifica, senza disordini o incidenti". Circa 100 voli sono stati cancellati, tra i quali 25 su rotte internazionali. Numerosi turisti hanno preferito prendere la strada di Bangkok, a circa 800 chilometri di distanza, e da li' proseguire per il rientro nei Paesi di provenienza. Da ieri e' rimasto chiuso anche il vicino aeroporto di Krabi mentre ha riaperto, dopo una breve sospensione, quello di Hat Yai.

Bassolino:Dare un futuro alla scuola


Sono giorni di grande preoccupazione per chi ha a che fare con il mondo della scuola. Alla più importante delle nostre istituzioni viene chiesto, giustamente, di rinnovarsi e di recuperare terreno sul fronte della qualità, delle strutture e dei servizi offerti ai giovani, avendo però sempre meno risorse a disposizione. Non c'è ancora alcun dato definitivo, ma è scontato che, per effetto delle decisioni del precedente e dell'attuale governo, ci saranno ingenti tagli di organico nel sistema scolastico.
Solo per quanto riguarda la Campania, potrebbero essere oltre tremila i posti in meno tra insegnanti, bidelli, personale amministrativo. Una riduzione di personale significativa, che toccherà soprattutto i precari, e quindi coloro che sono più deboli sul mercato del lavoro. Una situazione delicata. Perché un conto è razionalizzare il sistema scolastico, ridurne gli sprechi, intervenire sulle inefficienze. Un altro è metterne in crisi le fondamenta e impedirgli di compiere quel recupero di competitività che tutti auspichiamo. Penso che su questo fronte serva una riflessione seria da parte di tutti. Negli scorsi mesi, la Regione ha stanziato 100 milioni di euro per diverse iniziative nel campo dell'istruzione pubblica, grazie ai quali il Ministero può impiegare circa 800 insegnanti. Altri 300 milioni, è decisione di questi giorni, sono stati destinati alla costruzione o alla ristrutturazione di edifici scolastici presenti sul nostro territorio (uno stanziamento pari a tre volte quello nazionale nello stesso settore). Ma anche a livello nazionale è necessario un grande impegno per modernizzare e potenziare il sistema scolastico.Nelle prossime ore, insieme all'assessore Gabriele, chiederemo un incontro al ministro dell'Istruzione Gelmini, per fare il punto della situazione campana e per decidere insieme quali correttivi mettere in atto, a partire già dalla prossima finanziaria. Di grande importanza sarebbero iniziative e interventi dei parlamentari campani, così da sensibilizzare direttamente parlamento e governo su questo grande tema. La scuola ha il compito di costruire il futuro del nostro Paese. Per questo dev'essere compito di noi tutti fare in modo che la scuola abbia un futuro."

Alitalia, Cozzolino: aprire un tavolo di confronto


È necessario aprire subito un tavolo di confronto tra il Governo, la Regione Campania, il Comune di Napoli, le parti sociali e i nuovi vertici di Alitalia per discutere e trovare la migliore soluzione in vista del riassetto di Capodichino, Atitech e Alitalia Servizi". Così ha dichiarato l'assessore regionale all'Agricoltura e alle Attività Produttive Andrea Cozzolino.
"La questione Alitalia va affrontata e risolta in tempi rapidi, anche attraverso scelte difficili, ma dobbiamo evitare di buttare via il bambino insieme all'acqua sporca", prosegue Cozzolino. "In queste ore è in gioco il posto per oltre mille lavoratori e il Mezzogiorno, le famiglie e la nostra economia non si possono permettere un colpo così duro. Il rischio è, anche, quello di mettere in discussione un patrimonio di professionalità e di competenze su cui, in questi anni, abbiamo investito importanti risorse come Regione Campania, ottenendo risultati e riconoscimenti importantissimi sul mercato aereo internazionale. Dobbiamo, nel modo migliore, tutelare e salvaguardare l'esperienza di Capodichino, che grazie a una lungimirante e strutturale riorganizzazione all'inizio degli anni '90, oggi è diventato uno degli scali italiani più attivi e dinamici", ha concluso Cozzolino.

29 agosto 2008

India: le Acli aderiscono al digiuno della Chiesa indiana

Andrea Olivero: «Come cittadini e come cristiani non possiamo rimanere spettatori del male»
Le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani aderiscono alla giornata di digiuno e preghiera programmata per domenica 7 settembre dalla Conferenza episcopale indiana in reazione alle gravissime violenze nei confronti dei cristiani nello Stato dell'Orissa. Una forma di protesta pacifica e non violenta scelta coraggiosamente dai vescovi nel solco della tradizione indiana del dharna, per richiamare l'attenzione della comunità nazionale e internazionale sulle tragiche vicende di queste ore e pregare insieme - nelle parole del cardinale Varkey Vithayanthil - "per l'armonia tra le religioni e la pace in India".«Le violenze di questi giorni contro le comunità cristiane non possono essere passate sotto silenzio - afferma il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero -. E' in gioco, in questo grande Paese e in tutto il mondo, la libertà di vivere e manifestare la propria fede religiosa, contro ogni fondamentalismo. Gli omicidi, le distruzioni di chiese e le razzie in conventi e abitazioni, che hanno spinto decine di migliaia di persone ad abbandonare i propri villaggi, ci mettono di fronte ad una violenza cieca, che può essere arrestata solo da un intervento forte del governo indiano, fino ad oggi assente, che deve essere richiesto con forza da tutta la comunità internazionale. Infine la comunità cristiana, ovunque sia presente, deve sentirsi chiamata a condividere le sofferenze dei propri fratelli perseguitati».«Le Acli - continua Olivero - si sono sempre schierate a fianco di chi lotta pacificamente per affermare la propria identità e la propria fede, dai tanti migranti nel nostro Paese fino ai monaci birmani. Chiedono quindi ai propri associati e a tutti i cittadini che condividono i valori della pace e della libertà di unirsi al digiuno promosso dalla Conferenza episcopale indiana per la giornata di domenica 7 settembre. Un gesto di forte valenza sociale, perchè attraverso la propria personale testimonianza si chiede un cambiamento della realtà, un atto di giustizia, ed al contempo si esprime la vicinanza e condivisione con le vittime della violenza. Come cittadini e come cristiani non possiamo rimanere spettatori del male: il digiuno e la preghiera sono per noi atti concreti, politici e spirituali, per dare testimonianza, anche in questo momento buio per la Chiesa indiana, della nostra speranza».

Thailandia, fermi aerei e treni


BANGKOK - Violente proteste

I manifestanti che stanno cercando di sovvertire il governo thailandese hanno attaccato oggi il quartier generale della polizia a Bangkok, mentre in tutta la capitale dilagano le proteste contro il primo ministro Samak Sundaravej, che hanno causato l'interruzione di gran parte dei servizi aerei e ferroviari.
La polizia ha caricato la folla di 2.000 persone con quello che sembrerebbe gas lacrimogeno, durante le proteste che hanno suscitato timori di gravi violenze e di un intervento militare a meno di due anni dal colpo di Stato del settembre 2006.
I manifestanti hanno anche costretto gli aeroporti a chiudere nelle destinazioni turistiche di Phuket e Krabi e nella città meridionale di Hat Yai, lasciando a piedi centinaia di passeggeri.
I dipendenti delle ferrovie in sciopero hanno fermato il 30% dei servizi in tutto il Paese, e gli operatori delle linee aeree e dei porti sono stati spinti dai loro superiori a prendere dei congedi per malattia.
A Bangkok, dove i manifestanti occupano da martedì scorso l'area dove ha sede il primo ministro, alcuni dei consiglieri di Samak lo stanno spingendo a imporre un governo di emergenza, hanno detto due fonti governative.
Samak tuttavia, che guida un governo di coalizione eletto lo scorso dicembre, non ha voluto essere eccessivamente duro con l'Alleanza del popolo per la democrazia (Pad), che ha avviato la sua campagna di protesta il 25 maggio.
"Non lascerò. Se volete che me ne vada, fatelo con la legge, non con la forza. Questo è imbarazzante davanti al resto del mondo", ha detto Samak.
L'imposizione dello Stato di emergenza permetterebbe al governo di dispiegare l'esercito per disperdere i manifestanti, anche se il capo dell'esercito Anupong Paochinda ha detto che la situazione non lo garantisce.
"Un colpo di Stato non risolverebbe niente. Danneggerebbe l'immagine del Paese e peggiorerebbe la situazione", ha detto, quasi due anni dopo che un colpo di Stato che ha deposto il premier Thaksin Shinawatra e che non ha alleviato le divisioni nella società

28 agosto 2008

Scuola, governo reintroduce il voto in condotta


Occhio alla condotta!

Da settembre torna nelle scuole il voto in condotta. Lo ha deciso oggi il Consiglio dei ministri, come annunciato in una conferenza stampa dal ministro dell'Istruzione Mariastella Gelmini.
"Torna il voto in condotta. Il cinque in condotta comporta la bocciatura", ha detto Gelmini illustrando il decreto legge approvato dal Cdm.
"La valutazione della condotta del comportamento fa media", ha precisato il ministro.
"Gli studenti saranno valutati certamente in base ai risultati conseguiti nelle singole materie, ma anche con riferimento ai comportamenti tenuti", ha aggiunto Gelmini, spiegando che si tratta di una "risposta necessaria e anche molto urgente al moltiplicarsi degli episodi di bullismo" recentemente registrati nelle scuole.

TORNANO ANCHE EDUCAZIONE CIVICA E VOTI IN PAGELLA

Ma col nuovo anno scolastico torneranno anche l'educazione civica - che si chiamerà "Cittadinanza e Costituzione" - e i voti in decimi per le singole materie.
"Cittadinanza e Costituzione" comprenderà "l'educazione ambientale, alla salute e l'educazione stradale", ha spiegato il ministro, soffermandosi in particolare su quest'ultimo punto: "Riteniamo che per educazione alla Costituzione e alla cittadinanza si intenda anche la prevenzione degli incidenti stradali" che tanto spesso coinvolgono giovanissimi.
La disciplina, come precisa un comunicato di Palazzo Chigi, viene introdotta in via sperimentale nelle scuole dell'infanzia e del primo e secondo ciclo, e punta a "una presa di coscienza sui comportamenti collettivi civilmente e socialmente responsabili".
"Crediamo che nella scuola serva chiarezza ... quindi ritorniamo ai voti accompagnati dai giudizi, che però avranno una valenza diversa, ovvero di essere esplicativi del risultato conseguito", ha proseguito Gelmini, sottolineando che il ritorno dei voti in pagella è stato fortemente voluto, oltre che da lei, dal ministro dell'Economia Giulio Tremonti
Gelmini ha parlato di "tre provvedimenti molto importanti ... che ci aiutano a ripristinare un ordine e una chiarezza" tra i banchi.

PRESTO IL "MODULO" SARA' UN RICORDO

Gelmini ha poi confermato la volontà di tornare nella scuola elementare al maestro unico, archiviando così l'esperienza del "modulo".
"Il Cdm ha espresso parere favorevole a questa misura", ha detto il ministro, spiegando che verrà presentata "all'interno del piano programmatico sulla scuola per applicare la Finanziaria che con il ministro Tremonti stiamo ultimando proprio in queste settimane".
Secondo il governo il provvedimento, soprattutto nei primi tre anni di elementari, "risponde all'esigenza pedagogica ... che i bambini abbiano nel maestro unico un punto di riferimento".
Il ministro dell'Istruzione, da ultimo, ha ricordato che "continua la battaglia contro il caro-libri". per aiutare le famiglie.
"Abbiamo ribadito la volontà ferma di suggerire che la riedizione dei libri avvenga laddove strettamente necessario... C'è un forte incentivo da parte del governo alle case editrici" in questo senso, ha spiegato Gelmini.
"Si è ipotizzata una durata di tre, quattro o cinque anni entro i quali i libri non possono essere cambiati", ha detto ancora il ministro. Nel comunicato di Palazzo Chigi si parla invece di un periodo di "almeno cinque anni".

27 agosto 2008

Vacanze eco-educative

Quattro giorni di nel Rifugio della Forestale a Pietraroia (BN).
Dal 28 al 31 agosto presso il Rifugio della Forestale a Pietraroia, si terrà la prima edizione delle “Vacanze Eco-Educative… con l’asino alla ricerca dei fossili”. L’iniziativa è stata organizzata dall’Associazione Escursionistica Naturalistica “Lerka Minerka” e dall’Associazione per il Recupero della Relazione Uomo Animale “la Cinta onlus”. Saranno svolte attività a contatto con gli animali e la geologia dei parchi e delle oasi del territorio sannita. La partecipazione è aperta ai ragazzi di età compresa tra gli 8 e i 14 anni.
Per informazioni 347/8896433 http://www.lerkaminerka.com/ - 330/812870 http://www.lacintaonlus.org/ .

Venezia, al via Mostra del Cinema dedicata a egiziano Chahine

Debutta domani con un parterre di eccezione la 65esima Mostra del cinema di Venezia, dedicata allo scomparso regista egiziano Youssef Chahine, che vedrà in passerella per la sua inaugurazione George Clooney e Brad Pitt, protagonisti del film di apertura fuori concorso "Burn After Reading" dei fratelli Coen.
L'Asia potrebbe aggiudicarsi il Leone d'oro per il miglior film per il quarto anno con tre film in gara, compreso il cartone animato di Hayao Miyazaki "Ponyo on the cliff by the sea", già campione d'incassi al botteghino giapponese, mentre l'Italia ha quattro film in competizione sui 21 in gara al festival, ormai considerato dai critici un trampolino di lancio delle pellicole verso gli Oscar.
Intanto in Laguna si lavora agli ultimi preparativi, con la nuova scenografia -- ancora a firma del premio Oscar Dante Ferretti, con tre Leoni d'oro in volo verso quello che sarà il futuro palazzo del cinema -- per accogliere pubblico e film, di cui 49 in prima mondiale.
Il direttore della Mostra, Marco Muller, ha annunciato di voler dedicare il festival all'egiziano Chahine, scomparso a luglio a 82 anni, con una proiezione il 31 agosto a mezzanotte del suo film del 1958 "Cairo station".
"È stato uno dei grandi del cinema", spiega Muller sul sito della Biennale, ricordando che nel 2007 il regista partecipò in concorso alla mostra. "Lo abbiamo abbracciato lo scorso anno, quando ci ha portato a Venezia "Heya fawda": non sapevamo che sarebbe stata l'ultima volta, l'ultimo suo film. Senza di lui il cinema del `resto del mondo' è già più povero. A lui è dedicata la 65esima Mostra".
FILM IRANIANO "SORPRESA"
Come ormai da tradizione, oltre alle pellicole già annunciate a luglio, alla Mostra ci saranno anche due film "sorpresa". Il primo, annunciato venerdì scorso, sarà "Khastegi" (Tedium), opera prima del regista iraniano 39enne Bahman Motamedian, nella sezione "Orizzonti".
La pellicola è ambientata a Teheran e racconta la storia di sette transessuali iraniani e le loro vicissitudini nel vivere la loro condizione in Iran.
"Fare un film sui transessuali e sui problemi che devono affrontare in Iran è stato tutt'altro che facile. Più mi accorgevo che mi stavo allontanando dal mio ruolo di regista per assumere quello di chi si unisce alla lotta dei protagonisti, più capivo che la mia stava diventando una sorta di sfida", spiega il regista. "Khastegi è un film sulla 'nostra identità' nel senso più ampio del termine".
Tra gli altri ospiti di eccezione nei 10 giorni di mostra, che si concluderà il prossimo 6 settembre, ci saranno il regista portoghese Manoel de Oliveira, che compie 100 anni quest'anno, e Mario Monicelli, che presenterà due cortometraggi.
Fuori concorso arriverà anche il documentario dedicato allo stilista Valentino di Matt Tyrnauer, dal titolo "Valentino: l'ultimo imperatore", mentre Emmanuelle Beart sarà protagonista dell'horror di Fabrice Du Welz "Vinyan".

26 agosto 2008

Estate: È boom di ordinanze creative

L'Indipendent ha appena finito di prendere in giro l'Italia per i divieti estivi, disposti dai sindaci dopo il via libera ricevuto dal minsitro dell'Interno Maroni che si scopre sarà realizzato perfino un'osservatorio Anci, con tanto di sito, per monitorarli tutte. Sì, perché quello che è legale in alcune città è vietato in altre e le multe possono essere salate. interessato tutta Italia, da Nord a Sud. Dai tosaerba ai parei, dai lucchetti dell'amore e alla richiesta di informazioni
Ecco alcune delle ordinanze che hanno fatto più scalpore



A Capri, Positano, Ravello, Firenze e Venezianon si può mangiare per strada. Il pasto è consentito solo ai tavolini del bar op del ristorante, con multe fino a 500 euro.Sempre a Capri, Venezia, Taormina, Forte dei Marmi, Diano Marina e Riccione chi gira senza pareo o senza maglietta può trovarsi a pagare dai 25 ai mille euro. A Lucca non si può dare da mangiare ai piccioni (multa fino a 500 euro). A Vicenza, l'ultima in ordine di tempo, sarà vietato sedersi sulle panchine espressamente riservate da cartelli agli anziani, ai quali andrà comunque ceduto il posto su semplice richiesta, così come a genitori con bambini in età prescolare, donne in gravidanza, disabili. Proibito, inoltre, il bivacco, inteso come ''utilizzo dello spazio quale luogo di propria dimora, anche occasionale''. Oltre al divieto di sdraiarsi sulle panchine, sarà vietato ''sedersi in modo disordinato o improprio, appoggiandovi, ad esempio, i piedi''. Per i trasgressori multe da 25 a 500 euro. A Brescia, l'amministrazione comunale ha annunciato "tolleranza zero" su prostitute e clienti. Tra le misure che entreranno in vigore nei prossimi giorni c'è il divieto di contrattare prestazioni sessuali sulle pubbliche vie (ammende fino a 500 euro), sulll'esempio di Verona.
A Sanremo un'ordinanza del sindaco vieta non solo le contrattazioni, ma anche la richiesta di informazioni alle prostitute per strada (con multe da 100 a 500 euro). Sanzioni anche per chi chiede denaro seduto o sdraiato in spazi pubblici con animali o minori al seguito.
A Forte dei Marmi il sindaco ha deciso di vietare l'uso del tagliaerba nel pomeriggio e durante il weekend. A Positano sono vietate le feste private coi fuochi d'artificio, tranne il sabato. A Ercalea guai a costruire castelli di sabbia, perché «ostruiscono il passaggio»: da 25 a 250 euro. A Genova non si può passeggiare con una bottiglia di bevanda alcolica in mano, tra i carrugi del centro storico. Firenze ha deciso di fare guerra ai lucchetti dell'amore: vietato metterli "su muri, lampioni, recinzioni, barriere di protezione ai monumenti o altri elementi di arredi urbano oggetti ricordo, fotografie, manifesti''. A Eboli baciarsi in auto può costare fino a 500 euro. A Roma chi verrà sorpreso a imbrattare i muri dovrà cancellare non solo la sua scritta, ma anche altre dieci. A Quagliano (Na) dal 29 agosto sarà vietata la vendita di bevande alcoliche dopo le 22 nel weekend. Per i trasgressori multe da 25 a 500 euro, mentre gli esercenti rischieranno di vedersi sospendere l'attività commerciale dopo tre violazioni.

EVENTI:Albertazzi e Brignano ad "Avellino Notti di Cinema"

Occhi puntati sulla città di Avellino per la serata inaugurale di "Avellino Notti di Cinema", dal 23 al 30 agosto, l'evento organizzato dal Maestro Nunzio Areni direttore artistico della manifestazione, dal Sindaco di Avellino, dott. Giuseppe Galasso e dall' Assessore alle Attività Produttive, avv. Nicola Micera. "Ad Avellino si respira un'area di vera partecipazione della città" –ha commentato Giorgio Albertazzi nell'ambito della sezione "Avellino Incontri" – "si vede che gli avellinesi vogliono che il Corso Vittorio Emanuele sia la strada della cultura"."Con Giorgio faccio gli spettacoli a "scrocco". "-scherzosamente ha concluso Enrico Brignano. L'incontro è terminato con la consegna del "Premio Notti di Cinema", un dipinto del Maestro irpino Giovanni Spiniello dal titolo "La danza della gioia". I due protagonisti della serata di apertura di "Avellino Notti di Cinema" hanno poi messo in scena "Il Diavolo e l'Acqua Santa", in esclusiva sul "Palcoscenico Notti di Cinema", che ha registrato il tutto esaurito in platea. Mariangela Melato e Michele Placido sono i nomi attesi per il secondo appuntamento con "Avellino Notti di Cinema". La serata inizierà con la sezione "Avellino incontri", prevista alle 19.30, nell'ambito della quale i due attori si concederanno alla platea e riceveranno il "Premio Notti di Cinema". Il cartellone continuerà all'Arena del Corso, alle 20.30, con la proiezione di Come tu mi vuoi per la regia di Volfango De Biasi con N. Vaporidis, C. Capotondi, G. Steigerwalt, film simbolo del più recente cinema italiano. Alle 21.30 Gran Soirèe per "Odio e Amo Spoon River" con Michele Placido e Mariangela Melato, diretti da Renato Giordano. Due glorie nazionali del nostro teatro porteranno in scena sul "Palcoscenico Notti di cinema" un opera tratta dal testo dello scrittore americano Edgar Lee Masters. I due grandissimi interpreti saranno accompagnati dalle musiche dal vivo di Gabriele Coen, Stefania Tallini, Andrea Avena, Luca Caponi.Sempre all'Arena del Corso è prevista la proiezione, alle 23.00, di Il caso Thomas Crawford, il legal trhiller con A. Hopkins, R. Gosling, D. Strathairn, per la regia Gregory Hoblit.

Vacanze:il souvenir di viaggio è sempre più goloso

I vacanzieri italiani e stranieri scelgono sempre di più di portare in valigia un ricordo goloso del periodo di ferie trascorso nel Belpaese. Tra i souvenir più apprezzati, da gustare al rientro a casa con parenti e amici, la mozzarella di bufala e il limoncello campani, il formaggio veneto Asiago, il pecorino sardo, il prosciutto San Daniele delle montagne del Friuli, il vino Barolo piemontese e la fontina valdostana. Il ricordo goloso da buongustai non è amato solo dagli italiani, ma anche dagli stranieri che nel 45% dei casi mantengono vivo il ricordo dell'Italia con un acquisto da portare in patria, fatto tra l'ampia scelta di cibo e vino Made in Italy. Ad essere particolarmente attratti dalle specialità alimentari nostrane sono i cittadini svedesi (70%) e americani (58%). Sembrano invece gradire meno le delizie italiane cinesi (31%) e russi (28% per cento) che preferiscono acquistare articoli di moda.

25 agosto 2008

Curiosità:Lo scandalo delle Pro loco


Pro loco, scandalo che non c'è

Un articolo del Venerdì di Repubblica e la dura replica del presidente dell'Unpli Claudio Nardocci
Un titolo che è un attacco in piena regola, all’interno di un ampio servizio sul turismo uscito sul Venerdì di Repubblica nei giorni di Ferragosto. Sarebbero troppe, a detta dell’estensore dell’articolo: “Tra Apt, pro loco, consorsi per la valorizzazione di questo o quel territorio ce ne sono più di 12mila. In pratica è come se ogni tre alberghi (in tutto sono 33mila) ci fosse una struttura di public relazion pagata con fondi statali o degli enti locali”. Peccato che le Pro loco non siano affatto “pagate con fondi statali”. «Noi non siamo enti pubblici, siamo associazioni di volontariato e piu’ precisamente di promozione sociale», spiega Claudio Nardocci, presidente dell’Unpli, l’organismo che riunisce il 95% delle Pro loco italiane. «Tutti e ripeto tutti i soci che operano nelle Pro Loco e nell’UNPLI sono volontari! Gli scarsi, scarsissimi contributi che riceviamo dagli Enti Pubblici, sono sempre ed esclusivamente legati a progetti e a manifestazioni da realizzare per raggiungere gli scopi che Le ho già citato».Per Nardocci, e non solo per lui, l’articolo del Venerdì ha avuto l’effetto di una bomba, arrivata nel pieno della stagione estiva, quando le 6mila pro loco italiane e i migliaia di volontari che ci lavorano sono al lavoro in ogni angolo di Italia per valorizzare piccoli centri, organizzare sagre, eventi, tutelare monumenti e tradizioni. Un danno di immagine notevole (e infatti l’Unpli si prepara ad azioni legali contro Repubblica), ma soprattutto un attacco percepito come profondamente ingiusto, a poche settimane dall’esclusione dell’Unpli dalla Conferenza nazionale del Turismo. Tanto da spingere Nardocci a prendere carta e penna e scrivere una lettera aperta all’autore dell’articolo. «Le nostre Associazioni», scrive Nardocci, «operano da più di un secolo in tutta Italia, non solo nel settore turistico ma anche in ambito culturale e sociale, rappresentando, in alcuni casi, l’unico punto di aggregazione esistente nelle piccole e piccolissime località italiane. Le Pro Loco contano attualmente oltre 600.000 soci. Noi, per sostenere la cultura del territorio e tutelare il patrimonio culturale e immateriale del nostro bellissimo Paese non riceviamo compensi».
«Nei bilanci delle circa 20.000 iniziative che organizziamo ogni anno», sottolinea Nardocci, «non sono mai quantificate oltre 7.000.000 (7 milioni) di ore lavorative che servono a realizzarle. Lo sanno bene Comuni, Province e Regioni che, assillati dall’ormai atavica mancanza di soldi, cercano la nostra collaborazione per moltiplicare l’efficacia dei fondi disponibili. Da una ricerca da noi effettuata, dati alla mano, si rileva che mediamente, per ogni 1.000 euro di contributo, la Pro Loco riesce a mettere in moto un’iniziativa del costo di 10.000 euro.«E questo sarebbe uno scandalo?», domanda Nardocci, «600.000 persone che si impegnano gratis per il proprio paese!? Lo scandalo è quello di fare di ogni erba un fascio o quello di sparare nel mucchio perché costa meno fatica. Non pensando che in un attimo si distruggono anni di duro lavoro. Siamo inseriti nell’Osservatorio Nazionale delle Associazioni di Promozione Sociale insieme ad ACLI, F.I.Tu.S.,ENDAS,LEGAMBIENTE ecc.. anche Loro danno scandalo? Certo in una società dove ognuno pensa solo al denaro, lavorare gratis per gli altri fa un po’ notizia ma di quanti di questi scandali positivi avrebbe urgente bisogno il nostro paese?».
Per il turismo italiano, scrive Nardocci, «non servono solo i grilli parlanti, servono soprattutto i sette nani».I “nani” delle Pro loco, vale la pena di ricordarlo, organizzanoo ogni anno circa 20.000 manifestazioni, iniziative, convegni, sagre a cui partecipano milioni di persone, si impegnano nella tutela del patrimonio culturale immateriale del nostro paese, riconosciuto dall’Unesco nell’anno 2006 patrimonio dell’umanità. Dove sarebbe lo scandalo?

Acli, 41° Incontro di studi 11-13 Settembre-Perugia

DESTRA E SINISTRA DOPO LE IDEOLOGIE

Nei giorni 11-13 settembre 2008 le Acli terranno a Perugia, il loro 41° incontro nazionale di studi sul tema: "Destra e Sinistra dopo le ideologie. Dalla democrazia rappresentativa alla democrazia d'opinione". Che cosa vogliono dire destra e sinistra all'inizio del XXI secolo e dopo il tramonto delle ideologie? Siamo dinanzi a mutazioni semantiche e a nuove prospettive di significato oppure una simile interpretazione è viziata per qualche ragione? Le Acli non prendono le mosse da una tesi precostituita, ma muovono dalla percezione diffusa che antichi equilibri siano diventati instabili, che sia aumentata l'onda di oscillazione e la fluidità, e che pertanto le tradizionali categorie del pensiero politico abbiano bisogno di una verifica pubblica e di una ridefinizione non faziosa e non autoreferenziale.Il prossimo incontro sarà il primo di una nuova serie che, dopo quelle precedenti di Vallombrosa, sul tema generatore della globalizzazione, e quella di Orvieto sul binomio "Bios & Polis", cercherà ora di approfondire le ragioni dell'esodo culturale cui è chiamato il pensiero post-ideologico avviando l'indagine sulle res novae che già prefigurano gli inediti scenari del futuro.In questo periodo di imprevedibili e profondi cambiamenti che sollecitano il sistema politico italiano a rivedere le basi della rappresentanza e a nuovi assetti istituzionali, le Acli vogliono interrogarsi sul futuro della democrazia e sulla possibilità di una rinnovata e più fattiva partecipazione dei cittadini alla vita democratica.

Napoli: Turista Tedesca Violentata In Spiaggia

Un minore di 18 anni e' stato fermato dalle forze dell'ordine in quanto ritenuto uno dei presunti stupratori della turista tedesca di 25 anni rapinata con il fidanzato e violentata su una spiaggia di Torre Annunziata nel napoletano.

17 agosto 2008

Papa ad automobilisti: guidate con responsabilità




CITTA' DEL VATICANO - Papa Benedetto XVI oggi ha invitato gli automobilisti a una maggiore responsabilità per evitare incidenti.


"Non dobbiamo abituarci a questa triste realtà", ha esclamato il Pontefice prima dell'Angelus riferendosi ai gravi incidenti stradali che riempiono le pagine di cronaca.
"Occorre certo maggiore senso di responsabilità. Anzitutto da parte degli automobilisti, perché gli incidenti sono dovuti spesso all'eccessiva velocità e a comportamenti imprudenti", ha detto Benedetto XVI, sottolineando che "troppo prezioso ... è il bene della vita umana e troppo indegno dell'uomo è morire o ritrovarsi invalido per cause che, nella maggior parte dei casi, si potrebbero evitare".
"Condurre un veicolo sulle pubbliche strade richiede senso morale e senso civico. A promozione di quest'ultimo è indispensabile la costante opera di prevenzione, vigilanza e repressione da parte delle autorità preposte".
Papa Ratzinger ha aggiunto che "i cristiani devono prima di tutto fare un esame di coscienza personale sulla propria condotta di automobilisti. Le comunità inoltre educhino tutti a considerare anche la guida un campo in cui difendere la vita ed esercitare concretamente l'amore del prossimo".

Gossip:Abramovich a cena da Berlusconi

Canzoni napoletane sul mega yacht

'Oci ciornie' e gli immancabili classici della tradizione napoletana da 'O sole mio' di Enrico Caruso a 'O Marenariello'. Ieri, nella sua residenza di Porto Rotondo, Silvio Berlusconi ha cenato con il magnate russo, Roman Abramovich, in vacanza sulla Costa Smeralda per qualche giorno a bordo del maxi yacht 'Le Grand Bleu'. A fare da colonna sonora della serata, raccontano, la voce di Mariano Apicella, il cantautore partenopeo di casa a villa 'La Certosa'.
Apicella, ha intonato alcuni pezzi del suo repertorio già collaudato con il leader del Pdl. Tra i brani scelti, anche 'Nel blu dipinto di blu' di Domenico Modugno, da tutti conosciuta come 'Volarè. In onore dell'ospite, il musicista ha accennato alla chitarra 'Oci Ciornie' (Occhi neri), la celebre canzone popolare russa che diede il titolo al film diretto nel 1987 da Nikita Michalkov con Marcello Mastroianni e Silvana Mangano. Un omaggio musicale, assicurano, molto apprezzato dal presidente del Chelsea.
In anteprima, Berlusconi ha voluto far ascoltare ad Abramovich le canzoni del nuovo cd che sta scrivendo a quattro mani con Apicella in questi giorni di relax nella residenza affacciata sul Golfo di Marinella. L'album dovrebbe uscire entro Natale: il titolo è ancora top secret, in cantiere ci sono 14 brani e uno diventerà la sigla di uno spot per una soap tv su Mediaset.Per 'Oci ciornie' si tratta di un bis, visto che Berlusconi e Apicella la cantarono per Vladimir Putin, ospite del premier per la prima volta in Sardegna nell'estate del 2003.
Questa sera, però, il presidente del Consiglio farà un blitz a Milano per recarsi al 'San Sirò dove si giocherà il trofeo di calcio 'Luigi Berlusconi' che vede impegnato il team rossonero. Il leader del Pdl ieri ha cenato in Costa Smeralda con il magnate russo Roman Abramovich. Il presidente del Chelsea è stato invitato dal premier allo stadio per l'appuntamento di oggi.

L'anguria diventa un lusso, prezzi alle stelle


Ferragosto tempo di vacanze, di caldo e della tradizionale fetta di anguria. Il 'must' dell'estate con le sue poche calorie nelle giornate torride e' pero' quasi un 'lusso' in citta' come Firenze. Il capoluogo toscano guida infatti la classifica dei prezzi all'ingrosso del frutto bianco-rosso-verde con una quotazione di 28 centesimi al chilo. Vale a dire quasi il 50% in piu' rispetto a citta' come Verona, dove per lo stesso chilo di ''cocomero'' all'ingrosso sono necessari poco piu' di 15 centesimi. La fotografia arriva dall'osservatorio prezzi del ministero dello Sviluppo Economico che fotografa l'andamento dei prezzi nei mercati all'ingrosso delle principali citta'. E mostra, per l'anguria, una geografica variabile di quotazioni: dai 28 centesimi al chilo di Firenze, si passa ai 25 di Padova e Torino per scendere, pian piano, fino ai 20 centesimi di Roma e Milano fino ai circa 15 di Verona. Con una consolazione nel confronto europeo: le fette di anguria italiane sono comunque molto piu' convenienti di quelle del resto d'Europa. Lo stesso chilo di frutto a Parigi - e sempre sul mercato all'ingrosso - costa infatti 1 euro mentre a Barcellona ci vogliono 63 centesimi, ad Amburgo 55 cent, a Monaco 62 ed a Lione 70 centesimi. Ma se il caro-anguria spetta a Firenze, Torino guida invece la classifica dei prezzi piu' alti per un'insalata di frutta estiva: meloni e pesche nella citta' piemontese sono al top dei mercati all'ingrosso italiani, con quotazioni che per i meloni toccano i 70 cent al chilo all'ingrosso. Vale a dire poco meno del doppio di Roma (40 centesimi). Cosi' come le pesche: 1,1 euro al kg contro gli 80 cent di Roma e Verona. Anche sul fronte delle insalate, il primato dei costi piu' alti spetta a Firenze. E non solo per i tradizionali 'pomodori' ciliegini che vedono il capoluogo fiorentino al top dei mercati all'ingrosso esaminati nella rilevazione di Mr Prezzi con 1,8 euro al chilo contro i 85 centesimi di Milano e Roma. La citta' e' sui massimi anche per carote, finocchi, lattuga e peperoni. Il 'top' dei prezzi per questi ultimi cosi' come per i finocchi, e' comunque di Rimini (rispettivamente 1,25 e 1 euro al chilo) mentre il primato del costo della 'cappucina' spetta a Torino e Bergamo con 1 euro al cilogrammo.

16 agosto 2008

Campagna informativa contro alcol e droga durante i concerti di Cristicchi e Venditti


Tutto pronto per i due eventi clou del Ferragosto Avellinese.

Per i concerti di Simone Cristicchi, previsto sabato 16 agosto
alle ore 21, e Antonello Venditti, previsto domenica 17 agosto,
sempre alle ore 21, il Comune di Avellino, di concerto con il
Comando Provinciale dei Vigili urbani e le Forze dell’ordine
ha predisposto un piano per il corretto svolgimento dei due
eventi che richiameranno in città migliaia di visitatori.

Grave lutto, scompare Giovanni Pionati

Scompare Giovanni Pionati, padre del portavoce nazionale
dell'Udc Francesco Pionati.
Testimone della storia irpina
Un pezzo di storia che nemmeno la sua scomparsa può cancellare. Giovanni Pionati resterà per sempre il sindaco dell'emergenza, l'amministratore coraggioso che nella malanotte del terremoto scese in strada per soccorrere i suoi concittadini finiti sotto le macerie. Grande protagonista di una stagione troppo breve, lui uomo di cultura prestato alla politica negli anni in cui la dc era maggioranza assoluta e la città era assediata dalle emergenze del dopo terremoto, tra famiglie senza tetto e commercianti sfrattati.

Cronaca: Dorme su materassino, salvato

Si addormenta su un materassino perdendosi in mare, un giovane salernitano e' stato ritrovato dalla guardia costiera.Il bagnante, di 22 anni, era a Marina di Camerota, con una comitiva di amici che dopo 2 ore dall'ultimo avvistamento hanno dato l'allarme. Il giovane e' stato recuperato, confuso e impaurito, a 200 metri dalla costa. 'E' stato fortunato -ha detto il comandante della guardia costiera- con una corrente piu' forte il materassino sarebbe finito in mare aperto.'.

De Crescenzo: festa per gli 80 anni

Fedele al motto 'soprattutto mare e amicizia', Luciano De Crescenzo, 80 anni il 16 agosto, festeggera' lunedi' sera a Lacco Ameno, a Ischia. Sara' in piazza Santa Restituta, con gli amici di sempre Renzo Arbore, Marisa Laurito, Luigi De Filippo, Piergiorgio Odifreddi e Giulio Giorello. Ingegnere, filosofo, scrittore, regista, il suo primo libro e' stato Cosi' parlo' Bellavista (1977) e nel 1984 e' diventato il primo dei suoi 4 film. In vent'anni De Crescenzo ha pubblicato una trentina di libri.

Mare: campani primi per infrazioni

Secondo la classifica di Legambiente dell'illegalita' in mare, i piu' indisciplinati in Italia sono i campani, seguiti da pugliesi e liguri.
La Campania nel 2007 ha infatti messo a segno 507 infrazioni accertate, con 497 tra persone denunciate e arrestate e 52 sequestri. Seguono la Puglia, con 446 infrazioni, 457 denunce e 53 sequestri e la Liguria, con 429 verbali, 708 denunce e 279 natanti sequestrati. La piu' virtuosa e' la Basilicata, seguita dal Molise.

D'Alessio,salvate 7 persone in mare


Li ho visti per caso. Mi sono voltato al momento giusto, per vera fortuna', dice Gigi D'Alessio riguardo al salvataggio di 7 naufraghi. 'Sono stati salvati da Dio', racconta al telefono il cantante: ieri, al largo di Capo Tindari, e' affondato un piccolo gozzo cabinato con a bordo sette persone, cinque bambini con il padre e la madre, che sono state tratte in salvo dallo yacht su cui stanno passando alcuni giorni di vacanza l'artista e la sua compagna Anna Tatangelo.

MA STIAMO SCHERZANDO ?

BOSSI, ICI VA RIPRISTINATA PER ASSICURARE AUTONOMIA ENTI LOCALI

Reintrodurre l'Ici abolita dal govero al fine di assicurare agli enti locali fonti autonome di finanziamento. E' l'idea che il ministro delle Riforme Umberto Bossi ha lanciato, sottolineando che i comuni "hanno bisogno di trovare altri modi per fare i soldi". Bossi rivendica la necessita' di "fare l'autonomia finanziaria". perche' "attualmente il sistema e' centralizzato", mentre "ogni ente deve essere responsabile di quello che spende,tenendo conto dei soldi che ha e non di quelli che non ha".

15 agosto 2008

BUON FERRAGOSTO A TUTTI

In una giornata notoriamente vacanziera come quella


di oggi desidero rivolgervi i miei più sinceri


auguri di Buon Ferragosto

Sacconi : "Paniere per i pensionati"


La proposta del ministro del Welfare :
Reazione positiva dai sindacati


Un nuovo paniere per tutelare le pensioni minime. E' la proposta del ministro del Welfare Maurizio Sacconi. "Stiamo pensando - ha detto in un'intervista a Italia Oggi - di sganciare le pensioni dal tasso di inflazione ad oggi applicato e di legarle ad una inflazione nuova. Ovvero alla crescita dei prezzi di un paniere di beni e servizi ad hoc, quelli di cui effettivamente fanno consumo i pensionati di quella fascia. Ci sono già simulazioni dell'Istat". Sacconi indica la tutela dei pensionati con un basso reddito come una priorità, ma parla anche della possibilità di accordi sindacati-imprese per dare sussidi a chi resta senza lavoro: "Il tema degli ammortizzatori sociali è tra i primi punti dell'agenda dell'autunno. E non è però detto che debbano essere solo finanziati con soldi pubblici". Le reazioni dei sindacati: bene per Cisl e Uil. La proposta è stata accolta positivamente sia dalla Cisl che dalla Uil. Per il segretario generale della Cisl, Raffaele Bonanni: "E' un bene che il ministro voglia allestire un paniere ad hoc per i pensionati. Quando ci sarà il confronto valuteremo nel merito, ma la proposta in sé va nella direzione auspicata da diverso tempo dal sindacato e dalla commissione istituita per vagliare questa ipotesi, in modo che i pensionati possano essere risarciti di ciò che perdono con l'inflazione". Il lavoro della commissione, secondo il leader sindacale, dovrebbe andare incontro alle esigenze degli anziani che non solo hanno consumi diversi da tutti gli altri e sono penalizzati dal rialzo delle tariffe dei beni di prima necessità, ma hanno anche altre difficoltà: "Sono gli unici che recuperano ben poco di ciò che l'inflazione sottrae". La svalutazione economica, infatti, penalizza i più indifesi, i pensionati e i precari: "E' un fatto - ha concluso Bonanni - di ingiustizia ed emergenza sociale, all'interno della quale matura anche un meccanismo regressivo economico con i consumi ridotti al lumicino".
Sulla stessa linea il segretario confederale della Uil Paolo Pirani."Un'apertura interessante" da parte del governo, rispetto, tra l'altro, "ad una nostra richiesta da tempo avanzata". "La questione di un nuovo paniere per i pensionati - ha commentato Pirani - da tempo è stata posta dalle organizzazioni sindacali di categoria. Da parte del governo c'è sempre stata una certa ostilità". E' ovvio che vogliamo vedere nel merito come viene costruito e quindi serve - ha concluso - un confronto con le organizzazioni sindacali e con l'Istat". Cgil: bene, ma agire subito anche sul fisco. "Non è più tempo di proporre, bisogna agire subito sulle pensioni minime anche sul fronte fiscale". Morena Piccinini, segretario confederale della Cgil, va al sodo. Per lei l'idea è positiva ma "il ministro dovrebbe prendere atto che le pensioni nel 2008 sono rivalutate al 1,6% e l'inflazione è oltre il 4%, e il 6% per i beni di prima necessità. Dunque si dovrebbe partire da qui". Non c'è molto tempo: "Sarebbe necessario - sottolinea la sindacalista - che i pensionati già in corso d'anno fossero messi in condizione di avere una difesa del loro potere d'acquisto. Stanno già pagando il prezzo di un'inflazione molto più elevata rispetto a quella riconosciuta". Sono anni infatti che il sindacato richiede che ci siano criteri di valutazione del paniere che tengano conto della variazioni dei prezzi sui beni di prima necessita. Ma per la Cgil bisogna ricordarsi anche dell'altro grande problema: quello fiscale. "Le pensioni soffrono sia per la ridotta valutazione sia per l'eccessivo peso fiscale, anzi per la sperequazione che c'è tra il reddito da lavoro dipendente e il reddito da pensione" continua il segretario confederale. Per la Piccinini "i pochi provvedimenti che il governo ha fatto in materia fiscale come la detassazione degli straordinari e del premio di risultato, pur parziali e insufficienti, riguardano solo il lavoro dipendente e non incidono sulla condizione dei pensionati".

OLIMPIADI: 500 MANIFESTANTI TIBETANI ARRESTATI A KATHMANDU

La polizia ha arrestato almeno 500 esuli tibetani che protestavano davanti a un edficio dell'ambasciata cinese a Kathmandu. Lo riferiscono la stessa polizia e alcuni testimoni.
I manifestanti hanno spiegato che intendevano sfruttare i Giochi Olimpici di Pechino per mettere in luce gli abusi nel loro Paese.''Il mondo deve aprire gli occhi di fronte alla sofferenza dei tibetani piuttosto che focalizzarsi sulle Olimpiadi di Pechino'', ha detto all'Afp Wangchuk Tsering, 28 anni, prima di unirsi alla protesta.''Continuero' a protestare a meno che la Cina non garantisca i diritti umani in Tibet'', ha aggiunto.Ci sono state proteste pro-Tibet quasi ogni giorno a Kathamandu dalla repressione nela regione controllata da Pechino causata dai violenti scontri di marzo.Circa 1.000 tibetani si erano radunati di fronte all'ufficio visti. Meta' sono stati arrestati, mentre gli altri sono stati dispersi .

Italiani, poche vacanze in patria

Solo il 75% degli italiani, contro l'86% degli spagnoli e l'83% dei francesi, sceglie il proprio Paese per trascorrere le vacanze. Il dato, elaborato da Eurostat, la dice lunga sulla scarsa conoscenza turistica che gli italiani hanno del Belpaese. E le associazioni turistiche corrono ai ripari. "Occorre che l'Enit-Agenzia del Turismo promuova l'Italia anche agli italiani".
Per quanto riguarda le regioni a maggiore densità abitativa i più "infedeli" questa estate sono i piemontesi. Solo il 2,9% di loro, infatti, è rimasto in Piemonte per le vacanze, mentre il 97,1%, come l'hanno scorso ha preferito altre regioni, con in testa la vicina Liguria. Seguono nella classifica dell'infedeltà regionale i lombardi che passeranno le vacanze nella loro regione solo per il 6,7%. I laziali che rimarranno a casa sono invece il 13,6%, mentre l'86,4% ha preferito spostarsi, in particolare in Toscana. Stesso atteggiamente anche per i campani: l'85,8% di loro è andato fuori dai confini regionali, in particolare in Puglia, mentre il 14,2% ha preferito non spostarsi. Tra i più "fedeli" alla loro terra questa estate troviamo i toscani. Solo il 29,6% di loro è andato fuori i confini regionali, indirizzandosi in gran parte verso la Sardegna, mentre il 70,4% è rimasto a godersi le proprie spiagge e le proprie località d'arte. Seguono a distanza i siciliani. Oltre la metà di loro, il 55,2%, è rimasto a casa. Per prenotare la propria vacanza estiva, il 23,1% di vacanzieri,si sono rivolti alle agenzie di viaggi. Le prenotazioni via internet, tuttavia, seguono a breve distanza con il 22,7% delle preferenze. Leggeremente meno utilizzata, 20,2%, la telefonata diretta ai gestori delle strutture ricettive come alberghi, residence, agriturismi e campeggi. Il restante 17,9% non ha neppure perso tempo a telefonare: è andato nella propria casa delle vacanze o in quella di parenti e amici.

14 agosto 2008

FERRAGOSTO: A NAPOLI ACCOGLIENZA TURISTI E GUIDE GRATIS


Un servizio di accoglienza per i turisti presenti a Napoli nel weekend di ferragosto e visite guidate gratuite in centro, anche in lingua straniera, per chi volesse conoscere il patrimonio storico-culturale del capoluogo campano. E’ l’iniziativa ‘Welcome’, prevista per i giorni 15,16 e 17 agosto, realizzata dal Comune di Napoli in collaborazione con le associazioni ‘Progetto Museo’, ‘L’associazione napoletana Beni Culturali e Ambientali’, ‘Il canto di Virgilio’ e i volontari della Protezione Civile. Il programma prevede punti di accoglienza presso piazza del Gesu’, piazza San Gaetano e piazza del Plebiscito, dove circa 50 tra volontari e guide turistiche, per lo piu’ laureati in Beni culturali, distribuiranno materiale con l’indicazione degli orari di apertura di musei, siti di interesse artistico e monumentale, ristoranti, pizzerie, gelaterie aperti durante il fine settimana di ferragosto. I volantini, gia’ distribuiti in tutti gli alberghi di Napoli, saranno consultabili anche all’aeroporto di Capodichino, al porto, nelle stazioni e nei taxi cittadini. Per quanto riguarda le visite guidate, invece, saranno tre gli itinerari seguiti dai giovani volontari, spiegati in italiano, spagnolo e inglese, che mireranno a far conoscere la Napoli borbonica e quella dei Decumani. ‘E’ un’iniziativa d’accoglienza - spiega Valeria Valente, assessore comunale al Turismo e ai Grandi Eventi - che promuove il patrimonio di Napoli citta’ d’arte. L’anno prossimo proveremo a coinvolgere in questa rete anche i negozi destinati allo shopping e all’artigianato tipico’. ‘E’ un benvenuto cordiale - aggiunge il sindaco di Napoli, Rosa Russo Iervolino - per presentare la cultura del popolo e della nostra tradizione. In una societa’ globalizzata e sempre piu’ massificata, il turista che viene a Napoli vuole soprattutto riscoprire la tradizione. E’ dunque - conclude - un progetto culturalmente corretto e di grande rilievo’. Oltre ai tradizionali concerti alla Rotonda Diaz sul lungomare Caracciolo, che quest’anno vedranno le esibizioni della Nuova Compagnia di Canto popolare il 15 agosto e di Enzo Gragnaniello il 16, sono previsti momenti di animazione con gli interpreti della tammurriata e della tarantella nelle tre piazze coinvolte nell’iniziativa.

Famiglia Cristiana: "Speriamo non rinasca il fascismo".

La replica al Pdl: "Non siamo cattocomunisti, ma è giusto criticare"

Governo: "Toni da manganellatori"

Sulla sicurezza il settimanale torna all'attacco dell'esecutivo: "Indecente la proposta di prendere le impronte digitali ai bambini rom" .

Giovanardi (Pdl): "Una campagna ideologica senza precedenti"


Non si placa lo scontro tra 'Famiglia cristiana' e il Governo Berlusconi. Dopo il botta e risposta dei giorni scorsi sulle misure varate dall'esecutive in tema di sicurezza, il settimanale dei Paolini torna all'attacco sempre sullo stesso argomento.
Famiglia Cristiana auspica "che non si riveli mai veroil sospetto", emerso dal rapporto dell'organizzazione Esprit, "che stia rinascendo da noi sotto altre forme il fascismo". "Abbiamo definito 'indecente' la proposta del ministro Maroni sui bambini rom -scrive il settimanale- perché da un lato basta censirli, aiutarli a integrarsi con la società civile in cui vivono marginalizzati, ma dall'altro bisogna evitargli la vergogna di vedersi marcati per tutta la vita come membri di un gruppo etnico, considerato in potenza tutto esposto alla criminalità. Se ne sono accorti in tutta Europa, dove resta vivo l'orrore della discriminazione sociale delle minoranze: quella foto del bimbo ebreo nel ghetto di Varsavia con le mani alzate davanti alle Ss è venuta alla memoria come un simbolo. Per questo il Parlamento di Strasburgo e il Consiglio europeo hanno protestato".Il settimanale catttolico replica anche all'accusa, fatta da alcuni esponenti del Pdl, di essere cattocomunisti o criptocomunisti. ''Critichiamo l'attuale governo, come abbiamo fatto con tutti i governi, anche democristiani, quando ci sembrava giusto e cristiano farlo'', mette in chiaro, facendo riferimento "all'ira incontenibile di un politico, Giovanardi (Dc, poi Udc, ora Forza Italia e sottosegretario). Parlando di Famiglia Cristiana con un quotidiano 'in rete', egli ha detto queste incredibili parole: 'La maggior parte dei suoi articoli sono faziosi, usano un linguaggio degno dei centri sociali, come il Manifesto e Liberazione. Contesto il diritto di quel settimanale a essere venduto in chiesa e nelle parrocchie. Non rappresenta la vera dottrina della Chiesa e i cattolici se ne sono accorti. Insomma, si è convertito in un organo cattocomunista".Del Colle rinvia al mittente l'accusa. "No, onorevole. Non siamo cattocomunisti. Tantomeno 'criptocomunisti', come dichiarato dal loquacissimo Gasparri e da altri politici (Rotondi, Bertolini, Quagliariello), senza argomenti''. ''Secondo Giovanardi non rappresentiamo la 'vera dottrina della chiesa'. Nessuna autorità religiosa ci ha rimproverato nulla del genere. E lui non ha nessun titolo per giudicarci dal punto di vista teologico-dottrinale. Siamo stati, siamo e saremo sempre in prima linea su tutti i temi eticamente 'irrinunciabili': divorzio, aborto, procreazione assistita, eutanasia, 'Dico', diritti della famiglia; abbiamo condannato l'inserimento dei radicali nelle liste del Pd. E ora basta''Dura la risposta del governo. "Di fascista oggi in Italia -dice Carlo Giovanardi del Pdl- ci sono soltanto i toni da manganellatore che 'Famiglia Cristiana' consente di usare a Beppe Del Colle. Per fortuna gli argomenti usati e le immagini evocate si squalificano da sole, mentre rimane il rammarico che un settimanale che entra in tutte le Parrocchie italiane tenti di coinvolgere una parte del mondo cattolico in una campagna connotata da pregiudizi e livore ideologico senza precedenti".

13 agosto 2008

Cronaca


"Togliere a un disabile la possibilità di ballare significa
privarlo di una parte di vita"

Antonio Guidi: "Il Billionaire? A piazza Navona non mi hanno fatto entrare al bar" L'ex ministro della Famiglia ha commentato la denuncia del disabile 'cacciato' dalla nota discoteca .
“L'estate è il momento in cui si ha più voglia di vivere, e togliere a una persona disabile la possibilità di andare a ballare significa privarlo di una parte della vita”. Lo ha dichiarato l'ex ministro della Famiglia e Solidarietà Sociale, Antonio Guidi, commentando la denuncia di un giovane disabile a cui, sabato scorso, sarebbe stato impedito l'accesso al ‘Billionaire’, il noto locale in Costa Smeralda. “Conoscendo Briatore e la sua sensibilità sono sicuro che non era presente e, comunque, sono certo che sarebbe stato contrario a un simile atteggiamento'”, ha aggiunto Guidi, che ha anche raccontato di essere stato recentemente protagonista di un episodio analogo: “Quindici giorni fa mi hanno impedito di entrare in un bar di piazza Navona. Avevano paura che non camminando bene potessi danneggiare i tavolini”.“Questo tipo di razzismo sotto pelle deve essere combattuto con ogni mezzo - ha esortato Guidi - E io, come nuovo delegato alle Politiche della Disabilità del Comune di Roma, sto monitorando, in tutta Italia, gli episodi di discriminazione verificatisi. Episodi vergognosi, gravissimi e perseguibili. Sto predisponendo un piano ad hoc per la Capitale. Mi batterò affinché tutte le barriere architettoniche vengano abbattute e posso assicurare che entro l'anno prossimo le spiagge saranno attrezzate per permettere ai disabili di arrivare fino al bagno asciuga. Sto, inoltre, ripensando, come feci anni fa, a corsi per bagnini, perché siano preparati ad accudire al meglio i disabili. Già per Natale, inoltre, dovrebbe essere attivo un numero verde a cui i disabili possono telefonare per segnalare eventuali episodi di discriminazione”.

IL Ministro La Russa: Il Turismo lo si conquista con i Porti con Il Golf e con i Casino'


"Penso che un casino' per ogni regione, partendo da Taormina, in Sicilia,
dove per altro il casino' gia' c'era, siano una fonte d'attrazione del turismo.
Oggi il turismo lo si conquista con i porti, con il golf e con i casino'".
Lo ha detto il ministro della Difesa, Ignazio La Russa, in un'intervista
rilasciata all'emittente televisiva 'Antenna Sicilia'.

12 agosto 2008

Stop ai siti Internet che fanno da mediatori.


Linea dura
Ryanair:biglietto da noi o annulliamo il volo


Secondo le agenzie 12mila prenotazioni sono a rischio

Prenotazioni cancellate e biglietti rimborsati. Per molti è una conseguenza del caro petrolio («Sono all'ultimo giro di boa»). Ma per la compagnia low-cost è la fine di una guerra «contro chi non rispetta le tariffe». Così Ryanair dalle parole passa ai fatti. E chiude la partita contro i siti Internet che «si servono del web per scaricare informazioni sui voli e vendere biglietti anche se non autorizzati».
È linea dura su tutti i fronti. Al punto che la compagnia si dice pronta a «lasciare a terra tutti i passeggeri che non hanno prenotato direttamente sul nostro sito». Solo in Italia si stima che siano 12 mila le persone a rischio nella settimana di Ferragosto. «Una follia, vorrebbe dire creare il caos», sottolinea Flavio Avateneo, presidente dell'Associazione italiana agenti di viaggio autotutela. «Altro che tariffe gonfiate, questa è una trovata pubblicitaria», sostiene, invece, Andrea Giannetti, presidente Assotravel. Ma la compagnia di Michael O'Leary non ci sta. E da Dublino non accenna a passi indietro: «Basta, non si è rispettata la policy di Ryanair, ora sono tutti a rischio». E il provvedimento, annunciato una settimana fa, è stato reso esecutivo ieri. Alessia Viviani, responsabile marketing per il Sud Europa, spiega che «riguarda tutti. Dalla Francia alla Germania e ovviamente l'Italia».
Comunque, rassicura, «l'annullamento avverrà via email. E il rimborso sarà sulle carte di credito con cui si è pagato il biglietto». Si parla di circa «mille prenotazioni sulle 20 mila fatte ogni giorno in tutta Europa». Fiato sospeso un po' per tutti: associazioni, agenti di viaggio e passeggeri. C'è anche chi è scettico, anche perché «potrebbero esserci sanzioni penali ». Per Alberto Corti, direttore Federviaggio: «Ci sono troppi rischi a lasciare a terra i passeggeri ». D'accordo anche Mario Bevacqua, presidente Uftaa, la federazione mondiale per i rapporti tra compagnie e passeggeri: «Se arrivano a tanto vuol dire che sono in overbooking. Ci sono anche delle normative europee. Non possono farlo». Solo il fatto di aver «limitato la scelta del consumatore fa riflettere ». Anzi, per Luigi Maderna della Fiavet «fanno gli agenti di viaggio senza avere la licenza ». E per Fabrizio Stefanelli, avvocato specializzato in turismo del foro di Milano, ci sono «gli estremi per azioni legali». Sono già tutti pronti alla guerra.

Piano di Zona A5 - Soggiorno Anziani


L'Istituzione Sociale Baianese Vallo di Lauro

Piano di Zona A 5
Organizza un soggiorno climatico per 200 ultra 65enni
residenti nei comuni dell'ambito A5 dal 7 settembre al 20 settembre 2008.

Le domande di partecipazione andranno ritirate e protocollate presso
i comuni di residenza entro il 25 agosto 2008 ore 12.00.

Per ulteriori informazioni telefonare al numero 081-8257855




Un satellite per proteggere Pompei


Controllo satellitare e nuovo sistema di illuminazione pubblica: ecco le prime iniziative del commissario straordinario per l'area di Pompei. Stipulato un accordo con l'Agenzia aerospaziale italiana per l'utilizzo del satellite Venere per la videosorveglianza. Saranno quindi aperti al pubblico monumenti e case finora negati ai visitatori.Da lunedi'a disposizione dei turisti 20 fontanelle dislocate in vari punti degli scavi mentre i bagni chimici saranno sostituiti con 20 bagni con acqua corrente.

11 agosto 2008

Scherma: Vezzali `Emozione mai vissuta`


Valentina urla, l`oro è suo

Pechino (CIN), 11 agosto - Nonostante sia abituata a questi palcoscenici, Valentina Vezzali e` molto emozionata. “A ridosso delle Olimpiadi ho sentito tanta pressione - ha detto la tre volte campionessa olimpica - molte emozioni forti e mi e` venuto il dubbio di smettere prima. Poi, al villaggio olimpico, ho parlato con Barazzutti e mi ha detto ‘ci sono persone che non si tirano mai indietro ed altre che lo fanno’, allora ho deciso che dovevo andare avanti”.E l’azzurra l’ha fatta davvero al meglio, conquistando una straordinaria medaglia d’oro: “Ho dato tutta me stessa, anche se mi spiace di non aver ripetuto la finale tutta italiana di Atene. Pero` sono davvero contenta per Margherita. E’ davvero difficile realizzare che cosa sono riuscita a fare”. A 41’’ dalla fine, la Vezzali era sotto di una stoccata, paura di perdere? “Ci sono momenti in cui sei in trans, ci sei solo tu e l’avversaria. Non ho pensato a niente, non mi sono nemmeno accorta di essere partita a 4’’ dalla fine per dare la stoccata decisiva. Credo che nel momento in cui hai paura, la stoccata la prendi. Non avevo mai provato un’emozione cosi` in vita mia”.

A MONDRAGONE 'CALICI SOTTO LE STELLE & NOTTE BIANCA D'ESTATE'

Ritorna anche quest'anno, ma in una veste del tutto nuova ''Calici di Stelle & Notte Bianca dell'Arte'', il tradizionale appuntamento estivo di Mondragone ideato dal Movimento Turismo del Vino, in collaborazione con l'associazione nazionale Citta' del Vino, l'associazione ''Le Strade del Vino in Terra di Lavoro'' ed il Touring Club Italiano che permettera' di vivere una serata all'insegna del buon vino, dell'arte e della musica.
La citta' di Mondragone (CE) possiede caratteristiche e prodotti veramente inimitabili che rappresentao la ricchezza turistica ed economica della citta'.
Inneggiando a Bacco, in una delle notti piu' suggestive dell'anno, il 9 agosto a partire dalle 20.30, verra' offerta ai turisti la possibilita' di godersi ''la pioggia di lacrime di San Lorenzo'' in compagnia di un vino di qualita' lungo un percorso enogastronomico prestabilito che attraversera' l'intero centro storico a partire da Piazza Umberto I.

10 agosto 2008

Vacanze, vietati i massaggi in spiaggia "Ambulanti impreparati ..."


Vuole un massaggio?" Adesso e' vietato, si rischia la multa
Niente massaggi estetici o terapeutici da parte di soggetti ambulanti sulle spiagge perche' spesso mancano requisiti elementari di igiene e chi li pratica fa uso di unguenti e balsami di provenienza non accertata che mettono a rischio di infezioni. E' quanto prevede un'ordinanza del sottosegretario al Welfare con delega alla salute Francesca Martini. Il provvedimento, firmato mercoledi' scorso, durera' fino alla fine della stagione balneare in corso. L'intervento ministeriale viene motivato in considerazione del fatto che ''ogni attivita' con effetti diretti sulla salute deve essere svolta solo da operatori in possesso di adeguata e comprovata preparazione e competenza''. Per questo chiedo la collaborazione dei Sindaci dei Comuni interessati e di tutti i gestori di stabilimenti balneari''. ''In questi ultimi anni nei litorali c'e' stata una vera e propria esplosione del fenomeno dei massaggi in contrasto con le norme igieniche: i massaggi estetici devono essere attuati da professionisti abilitati e in contesti adeguati autorizzati dalle Asl''.

09 agosto 2008

«Social card per promuovere il turismo a prezzi scontati»

Una «social card» per i turisti. Questa è la ricetta che propone il presidente della Commissione Industria, Commercio e Turismo al Senato, Cesare Cursi, per valorizzare le bellezze artistiche del nostro Paese.

«Agevolare un turismo culturale a prezzi sociali - afferma Cursi - darebbe grande giovamento a tutta la filiera del turismo collegato». Perché l'Italia, che detiene il 90% dei tesori artistici mondiali, non riesce a trarne un beneficio economico? «Il meccanismo è inceppato. Città come Roma e Firenze con difficoltà ripagano dagli introiti diretti appena le spese di gestione». Ma abbassare i costi non comporterebbe incassi inferiori? «Non credo. Gli ultimi dati Istat certificano 95,8 milioni di arrivi turistici in Italia e una crescita del 4% nel 2007 della componente straniera. La nostra bilancia commerciale turistica, sempre nel 2007, ha realizzato un attivo di 10 miliardi di euro. Sarebbe difficile trovare altri settori dell'industria italiana in grado di realizzare un simile risultato». Insomma, c'è il mercato ma l'offerta italiana resta rigida. «Esatto. Sta cambiando il modo di fare vacanze. La spesa pro capite è in calo ma cresce il numero dei visitatori. Bisogna rendere più flessibile e meno costosa l'accoglienza. Basta un dato a fotografare la situazione di stallo». Quale? «A fronte di quasi un 90% di turisti che si mostra fortemente interessato a notizie sul nostro Paese, poi solo il 36% decide effettivamente di prenotare una vacanza in Italia. Siamo molto cercati ma poco comprati». E gli italiani quanto spendono per una vacanza? «Nel primo semestre 2008 gli italiani hanno speso in media 488 euro per 4,4 notti di soggiorno in Italia ovvero il 17,2% in meno rispetto al 2007. Così preferiscono le vacanze all'estero e sono disposti a spendere anche un po' di più: in media 1.077 euro per una settimana». Quindi ritiene che in Italia il rapporto costi-benefici per il turista non sia concorrenziale? «È così. Roma, Venezia e Firenze rappresentano l'80% delle richieste del nostro Paese ma poi il turista, soprattutto se straniero, ha difficoltà a muoversi con pacchetti agili a motivo delle infrastrutture, della logistica e dei servizi offerti». Quanta ricchezza potenzialmente non viene raccolta? «Attualmente viene disperso quasi il 12% del Pil. Con una programmazione sistematica di questo settore abbiamo un tesoro che vale il 17% di Pil. Dobbiamo recuperarlo». La competenza in tema di Turismo è in concorrenza con quella delle Regioni. Che atteggiamento si aspetta da parte di quest'ultime? «Senza dubbio costruttivo e di grande collaborazione. Lo scorso 21 giugno a Riva del Garda è stato siglato dal Sottosegretario con delega al Turismo, Michela Brambilla e i rappresentati delle Regioni, il "Patto tra Stato e Regioni". La Brambilla ha dimostrato competenza, entusiasmo e capacità di scelta: questo lascia ben sperare per le sorti di questo comparto così prezioso per l'economia nazionale». Torniamo al ruolo delle Regioni. Abdicheranno a favore del governo centrale le scelte in materia di indirizzo turistico? «Assolutamente no, ma così deve essere. Il dettato costituzionale attribuisce loro specifiche competenze che non possono essere messe in discussione. Ma quando lo stesso presidente Errani, che ancora una volta conferma doti di intelligenza e lungimiranza, dice che "non è più tempo di avere venti politiche di promozione turistica l'una diversa dall'altra", ritengo che ci siano tutti i presupposti per intavolare un confronto serio».

Un italiano su due sogna l'amore


Meta' degli italiani esprimera' per la notte di San Lorenzo il desiderio di un amore duraturo. E' quanto emerge da una ricerca dell'Associazione Donne e Qualita' della vita, che ha chiesto a 530 uomini e donne di eta' compresa tra i 18 e i 45 anni cosa sogneranno durante la notte delle stelle cadenti.Un italiano su due (49%) aspira a un amore duraturo, il 32% desidera la ricchezza, seguita dai sogni di successo (27%).

MANTOVA E NAPOLI GEMELLATI NEL SEGNO DEL VOLONTARIATO

Il Presidente dell’AMM Onlus Daniele Marconcini incontra Maria Amendola, fondatrice dell’Associazione ABRADERE di Napoli per un gemellaggio nel volontariato sociale.

Daniele Marconcini Presidente dell’Associazione dei Mantovani nel Mondo Onlus ha incontrato a Napoli Maria Amendola , fondatrice del sodalizio ABRADERE e insegnante elementare di “frontiera” nei quartieri difficili della Napoli orientale per iniziare una collaborazione al fine di collaborare per creare un modello di volontariato ,atto a sviluppare azioni civiche e sociali positive. Un gemellaggio tra Mantova e Napoli che consolida il clima di amicizia che l’AMM ha da anni con l’Associazione Amici della Campania e delle Isole del Golfo ,presieduta da Carlo Muccio residente a Cassano d’ Adda (MI) che raccoglie i residenti di origine partenopea in Lombardia, recentemente ospite a Mantova.
“Questa collaborazione nasce dalla vocazione, insita nel sodalizio virgiliano “ spiega Marconcini “ di aiutare altre organizzazioni a crescere e a creare attività di volontariato per migliorare socialmente l’ambiente in cui si vive e per creare un senso civico e di solidarietà nelle persone. La nostra attività a favore degli italiani all’estero, si lega infatti a molte iniziative che svolgiamo sul territorio per promuovere cultura,tradizioni ma soprattutto valori legati alla storia civile e democratica del nostro paese e delle nostre comunità. A tal fine abbiamo sviluppato un nostro modello di volontariato che mettiamo a disposizione di altri sodalizi per aiutarli a crescere ( e per creare un clima di confronto su una realtà multiculturale che accomuna oramai tutta l’Italia ).Siamo quindi onorati di essere stati chiamati a collaborare con una organizzazione di volontariato napoletana che si propone “di intervenire nel disagio sociale, contro ogni forma di esclusione promuovendo attività miranti a sensibilizzare l’opinione pubblica sul tema della solidarietà, sostenendo l’accesso a percorsi di formazione professionale anche attraverso l’ausilio di Enti specializzati e di collaboratori dell’associazione e di esperti esterni.”
Maria Amendola spiega che “la parte orientale di Napoli comprende tre quartieri (Barra, San Giovanni a Teduccio e Ponticelli ) tra più popolari della città con una popolazione che ha vissuto e che vive in condizioni di abbandono e marginalità . Una realtà circondata da una totale indifferenza che alimenta atti illegali nati spesso da sensi di rabbia e di rancore, nei confronti di chi dovrebbe dare oneste e serie risposte a chi è “meno fortunato”e che alla fine fa diventare molti giovani senza futuro, facili prede della criminalità organizzata come la camorra.. Una indifferenza che avvolge i cittadini onesti in “ una rete” di solitudine in cui le istituzioni appaiono lontane ed impotenti. Il corpo sociale della zona orientale di Napoli è costituito da un proletariato che da una fascia di operai specializzati che degrada, attraverso fasce intermedie, a strati che vivono nell’illegalità.”
Sempre Maria Amedola evidenzia che “questi quartieri rappresentano, nella già difficile realtà della condizione minorile nella città di Napoli, una delle zone a più alto rischio di devianza e di coinvolgimento criminoso dei minori che vi abitano. La fascia più disagiata della popolazione nutre una forte diffidenza nei confronti delle istituzioni, considerate incapaci di offrire risposte ai bisogni delle persone; tra i preadolescenti risultano molto diffusi modelli di comportamento aggressivi e di sopraffazione che ricalcano quelli dei giovani più “rispettati” nei quartieri, già inseriti in attività criminose. Le condizioni di marginalità e degrado nelle quali vivono le famiglie sono spesso accettate con una sorta di fatalismo che rafforza nei ragazzi la convinzione che l’illegalità sia l’unica opportunità a loro disposizione per costruirsi una vita che abbia “successo”, che sia cioè sottratta agli stenti economici e ad un quotidiano senso di inferiorità nei confronti degli altri ceti sociali. Complessivamente si può affermare che, in questo contesto, il bisogno principale dei ragazzi sia, da un lato, la presenza di modelli di riferimento positivi, adulti in grado di comunicare costruttivamente con loro, solidi punti di riferimento necessari per avviare percorsi di crescita alternativi; dall’altro, esperienze ed attività culturali e sociali “alternative”, che per loro natura si contrappongono allo stile di vita condotto da tanti ragazzi in ambienti in cui vige permanentemente un clima di prepotenza e violenza. Sono convinta “ conclude Maria “ che un intervento solo sui minori sarebbe inutile, necessitando, invece, intervenire, soprattutto, sulle famiglie e sui cittadini tutti “ .
“Grazie a Maria e al marito Enzo Gallo” ha ribadito Daniele Marconcini “ho avuto modo di vedere una realtà di cittadini onesti che nella loro quotidianità si battono contro l’inerzia istituzionale (e contro i pregiudizi preconfezionati ) per dimostrare che esiste una Napoli diversa ,fatta di valori morali e senso civico espressione di un cultura millenaria di cui l’Italia deve essere orgogliosa. Ho visto anche una città che ha reagito alla “crisi della spazzatura” con orgoglio ,impegnandosi nella raccolta differenziata e facilitando le operazioni di pulizia che ad oggi appaiono concluse. Il mio invito agli italiani all’estero è quello di difendere Napoli dalla denigrazione,pur essendo consapevole che le responsabilità devono essere evidenziate e colpite e che qualcosa deve finalmente cambiare non solo a Napoli ma in tutta la Campania. Sono testimone della gentilezza e della cortesia che mi sono state riservate come ospite e turista ,da parte di tutti i napoletani che ho incontrato e della bellezza di Napoli .Ritengo che il mondo dell’emigrazione e degli italiani all’estero debba e possa interessarsi di quell’Italia che attende e che vuole un riscatto sociale ,adoperandosi affinchè le istituzioni regionali,affrancate da un centralismo spesso inefficiente possano dare la loro collaborazione in nome di un federalismo solidale che unisca le comunità nella difesa della legalità e della crescita civile.”.
Di questa esperienza vorrei infine ricordare il mio pellegrinaggio alla Santuario della Madonna di Pompei,a cui erano e sono devoti molti emigranti lombardo – veneti ,anche grazie alla particolare venerazione di Don Luigi Guanella (1842-1915) originario di Sondrio ,le cui opere benefiche sono ancora presenti in Sud America.Una devozione fortemente alimentata dalla famosa “Supplica alla Regina del Santo Rosario di Pompei scritta, nel 1883, da Bartolo Longo (fondatore del santuario )con il titolo “Atto d’amore alla Vergine”. Essa viene recitata solennemente due volte l’anno, alle ore 12 dell’8 maggio e della prima domenica d’ottobre, richiamando migliaia di pellegrini, provenienti da tutta Italia e dall’Estero , dove è letta contemporaneamente da milioni di fedeli in diverse parti della terra, da New York a Buenos Aires, da Toronto a Sidney, da Johannesburg a Caracas. Per la cronaca esiste un piccolo Santuario dedicato alla Madonna di Pompei : si trova a Silverira Martins, “Quarta Colonia italiana “ a Rio Grande do Sul dove arrivarono nel 1877 ben 50 famiglie mantovane e che visitai nel 2000.Lo costruì un emigrante trevigiano di nome Guerra agli inizi del ‘900 ,a seguito di un voto che lo portò in Italia a visitare il Papa e poi per anni e anni a costruire da solo questo piccolo Santuario,caro ai nostri emigrati mantovani e lombardo-veneti.

V edizione di "Luoghi fuori luogo"


EVENTI
Letino – "Luoghi fuori luogo", è un evento rivolto alla ri-scoperta di luoghi, concreti o solo immaginati sul filo di un racconto, luoghi evocati e fatti rinascere, luoghi dimenticati, luoghi domestici, luoghi della memoria, luoghi di voce e di luce, luoghi che cercano un loro luogo...Aggrappato a un lungo sperone di roccia sul versante a nord del massiccio del Matese, primo impatto con l'Appennino meridionale, a 1050 metri di altitudine, sorge il borgo di Letino (Caserta), il più alto della Campania, che nel nome ricorda antiche migrazioni di Traci e sul territorio ospita le sorgenti del fiume Lete. Territorio ancora legato ad attività agricole e di pastorizia, Letino è stato teatro di episodi di brigantaggio in chiave antisabauda nel 1861 e dell'insurrezione anarchica degli internazionalisti, capeggiati da Carlo Cafiero ed Errico Malatesta, che nel 1877 occuparono il Municipio di Letino nel nome della Rivoluzione Sociale, proclamando decaduta la Monarchia Sabauda. Nel corso del mese di Agosto l'estate nel piccolo borgo, assumerà anche quest'anno caratteri di novità, in linea con gli obiettivi di promozione turistica, ma anche di salvaguardia del territorio e delle radici storico-culturali delle popolazioni locali. Le tradizionali attività folcloristiche (religiose, conviviali, musicali), nei secolari e ricchissimi costumi indossati dagli abitanti, saranno affiancate e arricchite da spettacoli teatrali, proiezioni, concerti, presentazione del Centro di Didattica Ambientale, festeggiamenti per il Centenario della Costruzione della Diga di Letino, una delle più antiche dighe in pietra presenti in Italia, mostre fotografiche, quella in collaborazione con l'Enel di Luigi Spina sarà una anteprima sulla ricerca che l'artista sta realizzando sulla wilderness del paesaggio appenninico, degustazioni e incontri culturali. Un itinerario che si snoda soprattutto attraverso la musica del sud proponendo quest'anno un concerto di grande valore artistico (Nuova Compagnia di Canto Popolare) e un gemellaggio con la musica salentina degli Ariacorte e un omaggio al grande Giorgio Gaber con un lavoro di Mario Faticoni.L'evento sta acquisendo nel tempo una riconosciuta pregevolezza per la qualità degli spettacoli di teatro e di musica legata alla tradizione popolare e alle contaminazioni con diversi generi contemporanei. Si pone l'obbiettivo di diventare punto di riferimento nel panorama culturale regionale, quale festival dei teatri fuori dai teatri e della musica della socialità e della conoscenza. La manifestazione produce un indotto di presenze sul territorio attestandosi su un livello qualitativo dell'offerta culturale di grande valore per la valenza degli attori coinvolti. Le precedenti edizioni hanno ospitato diversi personaggi del mondo culturale quali: il regista Ugo Gregoretti; i giornalisti Valentino Parlato ed Ermanno Corsi; gli attori Ascanio Celestini, Mario Perrotta, Pierluigi Tortora; Teatro per ragazzi con il Collettivo teatrale Bertolt Brecht e il Cento RAT - Teatro dell'Acquario; Teatro Fuori dai Teatri con La Nuova Complesso Camerata e il Silence Teatro; Musica della tradizioni con Eugenio Bennato; Marcello Colasurdo & Paranza; Paolo Capodacqua; Il Tratturo. Il festival vede coinvolta la partecipazione di tutta la comunità letinese che punta molto su questa iniziativa per garantire un flusso di turismo soprattutto extra territoriale puntando su una nuova cultura dell'accoglienza.

Profit e non profit: nuove prospettive per il turismo sociale

Flv Player