Translate

23 maggio 2017

CENTRO TURISTICO ACLI


Salerno, “Strada facendo verso un turismo generativo”: incontro tra CTA
SALERNO. Appuntamento a Salerno, per il Centro Turistico Acli Nazionale, che riunirà tutte le sedi della Penisola per lanciare una nuova forma di turismo, denominato “Turismo Generativo”. Si incontreranno, presso il Grand Hotel Salerno, dal 25 al 27 maggio p.v., operatori, dirigenti, volontari e giovani under 30 dell’Associazione di Turismo Sociale delle Acli per concludere un percorso di formazione volto a valorizzare la conoscenza e lo sviluppo del territorio attraverso azioni di promozione sociale.
«Il turismo sociale proposto dal CTA – afferma Pino Vitale, Presidente Nazionale dell’Associazione – si veste di una nuova connotazione: rispondere ai bisogni, anche di ordine economico e sociale, delle comunità, non soddisfatti né dal mercato né dalle Istituzioni». All’incontro parteciperanno esperti del turismo profit e no-profit, del mondo del lavoro, della chiesa, Accademici, nonché dirigenti nazionali delle Acli.
Il Presidente Nazionale CTA, inoltre, anticipa le proposte della grande associazione turistica delle Acli. “In una stagione turistica in leggera ripresa si parla nuovamente di turismo sociale, vale a dire un turismo fondato sui valori della socializzazione, della crescita della persona e del rispetto dell’ambiente”.
«Il CTA continua Vitale – ha voluto coinvolgere anche la componente più giovane dell’Associazione, perché, in tempi di crisi, si mostra più sensibile ai temi dell’inclusione sociale». Le giornate si concluderanno con un Convegno Nazionale, dal titolo “Strada Facendo: verso un Turismo Generativo”, che si svolgerà, presso il Museo Diocesano “San Matteo”, sabato 27 maggio alle ore 09:30.

Salerno 23 maggio 2017

26 aprile 2017

Montoro e Monteforte: patto tra sindaci contro l’illegalità



Comitato per la sicurezza e l’ordine pubblico in Prefettura ad Avellino. Forze dell’ordine convocate allo stesso tavolo per affrontare l’emergenza criminalità che si sta vivendo in Irpinia, in particolare a Montoro e a Monteforte Irpino. Sindaci nel mirino: incendio all’abitazione ed all’auto di Mario Bianchino, lettere minatorie a Costantino Giordano ed ai consiglieri di maggioranza Tomeo e Renzulli. I due primi cittadini hanno chiesto un  rafforzamento dei controlli sul territorio e dei presidi delle forze dell’ordine. A Montoro manca un commissariato di polizia, nonostante siamo nel terzo comune più grande dell’Irpinia. A Monteforte, invece, sarebbe necessaria la caserma dei carabinieri. Richieste alle forze dell’ordine ma anche una sorta di patto di ferro stesso tra i due sindaci che questa mattina, dinanzi la prefettura, si sono salutati calorosamente, mettendosi anche d’accorso sui prossimi appuntamenti.

2017 anno ONU Internazionale del Turismo sostenibile.

Il 2017 è stato individuato dall’ONU come anno internazionale del turismo sostenibile ma il 45% degli italiani ritiene che il governo debba impegnarsi di più per questa sfida per il futuro dell’ambiente e della nostra economia».
Questa scelta è stata maturata il 4 dicembre 2015, quando è stata adottata la risoluzione che riconosceva l’“importanza del turismo internazionale, e in particolare la designazione di un Anno internazionale del turismo sostenibile per lo sviluppo, nel promuovere il tema fra il maggior numero di persone possibile, nel diffondere consapevolezza della grande patrimonio delle varie civiltà e nel portare al riguardo un miglior apprezzamento di valori intrinsechi delle diverse culture, contribuendo così al rafforzamento della pace nel mondo”.

20 aprile 2017

Lettera del Presidente Nazionale del Centro Turistico Acli, Giuseppe Vitale, al Sindaco di Lampedusa e Linosa, Giusi Nicolini, per il riconoscimento ricevuto con il Premio Houphouet-Boigny per la Ricerca della Pace dell'Unesco.


   Gentilissimo Sindaco,





è con grande piacere che, congiuntamente a tutti i Nostri soci, Le esprimo, le più sentite felicitazioni per il prestigioso riconoscimento attribuitoLe con il Premio Houphouet-Boigny per la Ricerca della Pace dell’Unesco.                                                                                         La Presidenza del Centro Turistico Acli, da sempre, si impegna per far sì che il turismo sociale diventi uno strumento, che coniughi gli aspetti culturali a quelli di collaborazione ed integrazione sociale.

Grazie alla collaborazione avviata con il Progetto “I Love Lampedusa”, abbiamo raggiunto l’importante obiettivo di avviare il Turismo di Cooperazione, che promuove l’Isola come territorio di accoglienza.                                                                                                               Il nostro augurio, così come il nostro impegno, in qualità di Associazione Specifica delle Acli, è quello di rilanciare la cultura del viaggio come riscoperta della cultura e della solidarietà umana. Si tratta di quei valori che ci rendono tutti fratelli, in quanto esseri umani, e ci devono far desiderare la pace e la fine delle sofferenze di quanti, in cerca di una vita migliore, la perdono al largo del Mediterraneo.




La ringraziamo per l’esempio di grande umanità che ci offre ogni giorno e Le rinnoviamo, con affetto ed orgoglio, la piena collaborazione della Nostra Associazione per quanto vorrà fare in futuro.


Il Presidente Nazionale CTA
                                                                                       
Giuseppe Vitale






08 marzo 2017

Voucher, dal “buono lavoro” al “lavoro buono”

      
Rossini: “Più limiti al suo uso, più dignità al lavoro”

Roma, 8 marzo 2016 - Il mondo del lavoro è profondamente cambiato negli ultimi decenni. In questo quadro, il tema dei voucher rappresenta solo un aspetto di una questione più ampia, che va affrontata nel suo complesso. In particolare, vanno ripensati anche gli altri istituti relativi al lavoro occasionale.
“Certamente – afferma Roberto Rossini, presidente delle Acli - il voucher, così come si presenta oggi, appare uno strumento sbilanciato a favore del datore di lavoro. Occorre recuperare la ratio originale della norma e utilizzare questo strumento solo per il lavoro realmente occasionale ed accessorio, anche per far  uscire allo scoperto il nero”.
“La nostra proposta – aggiunge Santino Scirè, consigliere di presidenza con delega al lavoro -  consiste nel distinguere due tipi di voucher: uno per attività a favore di privati e uno per le imprese e gli enti pubblici. Nel primo caso dovranno essere utilizzati solo saltuariamente, con limitazioni circa la durata per entrambe le parti. Per le imprese – aggiunge l’esponente delle Acli – chiediamo che il ricorso al voucher non risulti economicamente più conveniente e in nessun modo concorrenziale rispetto ad altri tipi di rapporto di lavoro”.
L’interesse primario delle Acli è vigilare affinché ogni intervento sul lavoro sia ispirato alla tutela dei lavoratori e all’affermazione di un lavoro giusto e dignitoso: “Di riforma in riforma – riprende Rossini -  la figura del lavoratore sembra progressivamente sparire. Per trovarlo nell’articolato della legge occorre arrivare al terzo comma. Le norme sul lavoro devono partire dal lavoratore.  

Per questo – conclude il presidente - un argomento delicato ed importante come quello dei voucher non può essere deciso da un referendum. Il rischio è dividere il già fragile mondo del lavoro. Riteniamo che sia quanto mai urgente che la politica faccia un’assunzione di responsabilità e il Parlamento, in virtù delle sue prerogative, intervenga a dirimere la questione riformando l’istituto”.

Festa delle Donne 2017


“Le donne sono i veri architetti di questa nostra società”.

(H.B. Stone)


Profit e non profit: nuove prospettive per il turismo sociale

Flv Player