Translate

31 dicembre 2008

CONTRO LA POVERTA’ E LA FINE DI TUTTE LE GUERRE IL PRIMO GENNAIO NAPOLI MARCIA PER LA PACE

Combattere la povertà, costruire la pace. Il messaggio scelto da papa Benedetto XVI in occasione della giornata mondiale della pace racchiude anche lo spirito della marcia della pace che si terrà a Napoli il 1 gennaio. Promossa dall’arcidiocesi di Napoli e dalla la comunità di Sant’egidio, il programma della manifestazione è stato presentato questa mattina nella sede della curia partenopea dal delegato arcivescovile don Tonino Palmese , direttore dell’ufficio Giustizia e pace. Napoletani, ma non solo. Al corteo di persone, che partirà da piazza del Gesù per raggiungere il Duomo dopo aver attraversato il centro storico , parteciperanno anche altre etnie. Come ha spiegato il rappresentante della comunità di sant’egidio, Antonio Mattone, alla marcia della pace parteciperanno anche le comunità rom di Scampia.

HAPPY NEW YEAR

30 dicembre 2008

Il nuovo cd di Berlusconi e Apicella

Sarà in vendita molto probabilmente tra Capodanno e l'Epifania ma i tempi sono ancora tutti da definire. Silvio Berlusconi e Mariano Apicella (il menestrello di Arcore) - ormai è ufficiale - lavorano in questi giorni al nuovo cd (il terzo dopo “Meglio ‘na canzone” e “L’ultimo amore”) che, se non ci saranno colpi di scena, sarà incentrato, ancora una volta, sull’amore, un tema - lascia intendere il musicista partenopeo - molto caro al Cavaliere.

Pompei:Capodanno, ingresso gratuito

Apertura straordinaria ed ingresso gratuito il 1 gennaio nei siti archeologici di Pompei, Ercolano, Oplontis, Stabia e Boscoreale. Dopo il successo dello scorso 25 dicembre si replica quindi per Capodanno con i consueti orari di visita dalle 8,30-17,00 (ultimo ingresso 15,30). Continuano per tutto il periodo delle feste le iniziative dedicate ai bambini; ai piccoli visitatori viene donato il calendario didattico di Caius che racconta la vita quotidiana degli antichi Pompeiani.

Turismo: a Napoli disastroso calo negli alberghi

"La situazione e' assolutamente disastrosa. Siamo passati dall'ottanta per cento di presenze registrate nei nostri alberghi due anni fa a meno del cinquanta per cento contate quest'anno". Lo dichiara in un'intervista al 'Mattino' Sergio Maione, amministratore delegato di tre grandi alberghi a Napoli, il Vesuvio, l'Excelsior e il Majestic. "In quanto alle presenze per le feste di Natale -aggiunge Maione- per quanto ci riguarda, questo e' l'anno peggiore dal 1998 in poi. E questo sara' il primo capodanno senza veglione". "Le prenotazioni, esigue, ci hanno indotto ad annullare il progetto. Eppure era una tradizione che andava avanti da oltre quindici anni". "Voglio comunque precisare che la crisi non e' soltanto napoletana -aggiunge- La recessione nazionale influisce negativamente sul turismo su tutto il Paese. A questo dobbiamo aggiungere le problematiche della nostra citta' che risente ancora dello scotto per lo scandalo rifiuti". "E' un miracolo se siamo arrivati alla fine del 2008 in una situazione in cui le strutture hanno resistito -conclude Maione- E il 2009 si prospetta addirittura peggio. I segnali sono pessimi, le prenotazioni quasi inesistenti".

Il presidente delle Acli è in Terra Santa




«La vera questione da porsi non è di chi sono le colpe o le ragioni, ma chi sono oggi le vittime». Il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero interviene sulle tragiche vicende di Gaza direttamente dalla Terra Santa, dove si trova in questi giorni per un pellegrinaggio e per seguire il cantiere di alcuni progetti delle Associazioni dei lavoratori cristiani in sostegno alla popolazione. A Gerusalemme ha incontrato il parroco latino padre Ibrahim Faltas. A Betlemme, da dove parla, Padre Pierbattista Pizzaballa, custode di Terra Santa.«L'impressione da qui - dice Olivero - è che ancora una volta, proprio quando la situazione sembrava rimettersi sulla buona strada, qualcuno torna a far prevalere la logica della guerra. In queste settimane stavano infatti riprendendo i pellegrinaggi, si stava quindi riattivando l'economia, ed ecco che di nuovo si riprende a combattere. E' chiaro che qualcuno la pace non la vuole».«Se ci mettiamo a cercare le colpe le troviamo da tutte le parti - continua il presidente delle Acli - ma la vera questione da porsi per capire cosa fare è chi sono le vittime, non quali sono le ragioni. E in questo caso, guardando a Gaza, le vittime sono i più poveri, persone che vivono in un milione e mezzo dentro 30 km quadrati. Che oggi stanno subendo la violenza della guerra senza avere nessuna responsabilità e nessuna colpa». «Questo deve essere detto con chiarezza - insiste Olivero - oggi c'è una popolazione che subisce bombardamenti indifferenziati. Le guerre e le operazioni chirurgiche non esistono. Quando si lanciano bombe dal cielo si uccidono i civili come i militari combattenti».Il presidente delle Acli racconta di due città «fantasma», Gerusalemme e Betlemme: «È tutto chiuso qui, i negozi dei quartieri sia arabi che cristiani sono serrati, ogni segno di festa per il natale è stato spento o tolto, in segno di lutto e di tristezza».Quindi l'appello, «a tutti», per il cessate il fuoco «immediato», «perché si torni a ragionare e non a combattere». «Ma un appello particolare va fatto a Israele - aggiunge -, che da Paese democratico qual è ha una responsabilità in più nel cercare con ogni mezzo la pace e nel portare avanti una trattativa con metodi certamente rigorosi, che non possono però essere le bombe lanciate dal cielo...»

28 dicembre 2008

Berlusconi: due ministri in piu' - Turismo e Sanità

Nessun aumento nell'organico del governo ma due 'promozioni' di Sottosegretari (Turismo e Sanita') al rango di ministri. Lo ha annunciato il premier Berlusconi incontrando i giornalisti a palazzo Grazioli. I sottosegretari alla sanita' Ferruccio Fazio e al Turismo Michela Vittoria Brambilla, diventeranno prossimamente ministri nelle rispettive competenze e tutto cio'-ha spiegato-''senza aumentare il numero dei componenti della squadra di governo che rimarranno in totale 60''.

25 dicembre 2008

Il Papa, appello per i bambini

«No a maltrattamenti, abusi e violenze». E poi sul Medio Oriente: «Pace in Terra Santa, cessi l'odio» Benedetto XVI dalla finestra del suo studio dopo aver acceso il lume della pace.
Nel giorno di Natale, il pensiero del Papa va alle violenze in Terra Santa e soprattutto ai bambini maltrattati, feriti, vittime di pornografia e della guerra. Benedetto XVI invita a pensare ai «bambini rifiutati», a «quei bambini di strada che non hanno il dono di un focolare domestico», ai «bambini che vengono brutalmente usati come soldati e resi strumenti della violenza», ai «bambini che mediante l’industria della pornografia e di tutte le altre forme abominevoli di abuso vengono feriti fin nel profondo della loro anima». Il Pontefice, nella tradizionale messa di mezzanotte per la festa del Natale, presieduta nella Basilica di San Pietro, mette in guardia dagli abusi verso i più piccoli. «Su ogni bambino c’è il riverbero del bambino di Betlemme - dice Ratzinger, rivolgendosi a migliaia di fedeli radunati nella basilica vaticana -. Ogni bambino chiede il nostro amore. Pensiamo pertanto in questa notte in modo particolare anche a quei bambini ai quali è rifiutato l’amore dei genitori. Ai bambini di strada che non hanno il dono di un focolare domestico. Ai bambini che vengono brutalmente usati come soldati e resi strumenti della violenza, invece di poter essere portatori della riconciliazione e della pace. Ai bambini che mediante l’industria della pornografia e di tutte le altre forme abominevoli di abuso vengono feriti fin nel profondo della loro anima».

24 dicembre 2008

AUGURI



I migliori Auguri di Buon Natale




e Felice Anno Nuovo






Pino Vitale




il frutto del silenzio è la preghiera,


il frutto della preghiera è la fede,


il frutto della fede è l'amore,


il frutto dell'amore è il servizio,


il frutto del servizio è la pace.


(Madre Teresa di Calcutta)




23 dicembre 2008

Benigni mette Berlusconi all'inferno

NEWS
BENIGNI: PER BERLUSCONI UN GIRONE 'AD PERSONAM'

All'Inferno Roberto Benigni ci metterebbe non poche persone. Sicuramente gli 'intercettati' e i 'corrotti', gli 'ignavi' e i 'bigotti' e anche Silvio Berlusconi per il quale, dice, andrebbe creato un "girone ad personam". L'attore e regista lo dice in una intervista all'Espresso, che la pubblica nel numero in edicola domani. Il pretesto per questa intervista è Tutto Dante, una serie di dvd tratti dallo spettacolo con cui Benigni ha riempito le piazze d'Italia e che dal 29 dicembre saranno in vendita con Repubblica e L'espresso. All'inferno anche la tv volgare e soprattutto gli ignavi: "L'ignavia è il più grave dei peccati. Gli ignavi sono rifiutati perfino dal demonio. Satana non li vuole perché i dannati, gli assassini direbbero 'io sono meglio di loro'. Quando vediamo gli orrori alla tv, il vero orrore è la nostra indolenza". Walter Veltroni, meglio di Berlinguer? "Berlinguer andava bene. Adesso c'è Veltroni e va bene Veltroni. Non si può mica rifare Berlinguer". E Brunetta? chiede L'Espresso: "Mi fa schiantare dal ridere. Quando lo vedo in tv, mi viene la voglia di entrarci dentro e mettermi accanto. una maschera, per come esprime i concetti, non per l'aspetto fisico. un testo teatrale". Verso l'attuale ministro della pubblica istruzione Mariastella Gelmini mostra pena. " impegnata in una lotta impari. Le facce dei ragazzi sono sacre. Non si può non stare coi ragazzi". Berlusconi in quale girone lo metterebbe? "Un girone ad personam. Fatto con una legge solo per lui. Confesso, tempo fa volevo fare uno spettacolo in cui Dante mi avrebbe guidato all'inferno. A pensarci bene, a Berlusconi potrei fargli fare il giro di tutti quanti: dei lussuriosi, dei barattieri, dei simoniaci, dei bugiardoni, dei bischeroni. Sta bene dappertutto. un protagonista". Infine, a chi stringerebbe Dante la mano a Montecitorio? "Il parlamento racchiude il 10 per cento del peggio, l'80 per cento di mediocrità. E il 10 per cento del meglio. A quel 10 per cento stringerebbe la mano".

Settimana corta: giudizio positivo delle Acli

La proposta del Governo. «Ma la solidarietà tra i lavoratori non può essere calata dall'alto»Roma, 23 dicembre 2008 - Le Associazioni cristiane dei lavoratori italiani giudicano positivamente la proposta del ministro del Lavoro Maurizio Sacconi di introdurre in Italia lo strumento della 'settimana corta' per fronteggiare la crisi economica e la perdita dei posti di lavoro. «L'idea di individuare degli strumenti di garanzia e di solidarietà per contenere le ricadute occupazionali della crisi economica in corso va accolta certamente con favore». Così Maurizio Drezzadore, responsabile del dipartimento Lavoro delle Acli, secondo il quale «è necessario definire da subito le misure adeguate per sostenere sia il reddito dei lavoratori ad orario ridotto, che i loro versamenti contributivi».«Ma la solidarietà tra i lavoratori non può essere calata dall'alto - ammoniscono le Acli - Determinanti saranno gli accordi e le garanzie offerti al livello di contrattazione territoriale e aziendale, anche sulla base delle specifiche esigenze dell'organizzazione del lavoro e del personale. La riduzione o la rimodulazione dell'orario di lavoro sono scelte e decisioni che vanno prese azienda per azienda e nell'ambito di patti di solidarietà condivisi fra gli stessi lavoratori».

22 dicembre 2008

NATALE. Arrivano le microvacanze

Breve, intensa e che duri almeno una notte. Gli italiani non rinunciano alle ferie e per il Natale 2008 si afferma un nuovo stile low cost che spinge ad ottimizzare il tempo e il denaro disponibili nel segno della ''microvacanza''. Uno stile di vacanze descritto con cifre e statistiche nel primo dossier sulle "Microvacanze a chilometri zero", un nuovo stile low cost per queste festività che verrà presentato oggi, a Roma, alle 10,30, presso Centro Congressi Palazzo Rospigliosi.
Per la prima volta, il dossier fotografa dunque i numeri di una nuova forma di turismo che sta crescendo nelle preferenze degli italiani con previsioni boom per le prossime festività natalizie. Enogastronomia, cultura e ambiente sono i punti di forza della vacanza Made in Italy a chilometri zero della quale verranno presentate anche alcune opportunita' concrete.

21 dicembre 2008

I tre segreti di Pulcinella

I pochi pensieri suggeriti a Pulcinella dal presente ciclone giudiziario ruotano tutti intorno al suo famoso «segreto».
Il primo, riguarda il significato dell'espressione che lo designa.
Il secondo, il bisogno di lodarne una nuova interpretazione.
Il terzo, il proposito di onorare gli eventi in corso con una filastrocca degna del loro rango.
Registro questi pensieri nella forma vereconda che mi sembra opportuno attribuire, in questa circostanza, alla parlata notoriamente scurrile della maschera acerrana.
1. Mi pare che a scatenare questa buriana siano state la scoperta e la rivelazione di qualcosa che in fondo tutti, in città, hanno sempre saputo, vale a dire la presenza dell'intreccio politica-affari-camorra in quasi ogni ramo e settore della pubblica amministrazione. Stando così le cose, io, Pulcinella citrullo, potrei anche sostenere, a buon diritto, che gli arcani finalmente disvelati sono soltanto un classico esempio del segreto che porta il mio nome. So che affermando questo rischio di passare per un grossolano cafone, ma più grossolani e cafoni di me credo che siano coloro che credono che tutti i segreti appena scoperchiati fossero veri segreti.
2. Il tentativo più ardito e toccante di formulare e lanciare una nuova interpretazione del significato dell'espressione «segreto di Pulcinella » è stato compiuto proprio in questi giorni da un mio vecchio fan. Questo mio fan è il signor Bruno Leone, l'ottimo guarattellaro che da circa trent'anni, nei suoi spettacoli, sulla scena del suo teatrino, affiancando il suo volto alla mia maschera, mi presta la sua voce opportunamente resa chioccia, come si conviene, da quello speciale aggeggino che gli esperti del mio ramo chiamano «pivetta». Questa sua nuova interpretazione il signor Leone l'ha enunciata in un'intervista rilasciata in occasione dei festeggiamenti che gli sono stati tributati giovedì dalla fondazione Premio Napoli nell'ambito della rassegna «Voci della città ». A suo parere, dunque, l'espressione «segreto di Pulcinella», che ha sempre avuto il significato di cosa – benché taciuta, negata o nascosta per pudore, convenienza, ingenuità, stoltezza, ipocrisia, conformismo e simili – perfettamente nota, avrebbe un senso, una funzione e uno scopo del tutto diversi. Essa infatti – sempre a suo parere – non ci invita affatto, come potremmo credere, a sfatare l'importanza di quei supposti segreti che in effetti (come quelli spifferati in questi giorni dai nostri procuratori) erano da un pezzo di pubblico dominio. Ci invita al contrario a scoprire (udite, udite) «l'importanza delle cose che non sono importanti». E quali sarebbero queste cosette prive di importanza delle quali urge scoprire l'importanza? Sono quelle alla quali (aprite bene le orecchie) «soltanto l'amore convince a dar peso». Interpretazine non meno originale che (almeno per me) lusinghiera, giacché mi autorizza a rivelare che il mio vero, grande segreto è quello di essere, per la potenza del mio messaggio amoroso, un alunno di San Paolo.
3. (Boomerang) Si rivelò fatale per la gauche culturale di questa capitale e per la sua epocale battaglia contro il Male la Questione Morale

18 dicembre 2008

5 x mille: Il governo riammette gli esclusi

Nel Milleproroghe la riapertura dei termini per le iscrizioni. Il governo riapre la porta agli esclusi dal 5 per mille. Oggi infatti in Consiglio dei ministri è stato approvato il decreto Milleproroghe che contiene la riapertura dei termini per le organizzazioni escluse in un primo momento per motivi formali. Soddisfatta il sottosegretario al Welfare Eugenia Roccella: «Mi sono assunta da subito l’impegno di accelerare le procedure per l’accreditamento dei contributi», ha fatto sapere in una nota, «e infatti entro la metà di settembre la maggior parte delle associazioni hanno ricevuto la quota loro spettante». Il Sottosegretario aveva anche confermato, in occasione di una conferenza stampa il 13 novembre scorso, l’intendimento del governo di metter a punto una misura per superare l’esclusione di diverse associazioni dal contributo per carenze formali.
Oggi la conferma: «Anche in questo caso l’impegno è stato mantenuto», dice la Roccella, «con lo schema di decreto legge cosiddetto “mille proroghe” che contiene tra le altre una disposizione che consente alle associazioni escluse di integrare la documentazione mancante e quindi di poter essere iscritte nelle liste dei beneficiari». Come tutti sanno, l’iniziativa del 5 per mille ha incontrato nel corso di questi anni uno straordinario favore da parte dei cittadini: solo nel 2006 15 milioni di contribuenti hanno indicato 21mila enti beneficiari (onlus, associazioni di promozione sociale, organizzazioni di volontariato, cooperative sociali, associazioni sportive e culturali) per un ammontare complessivo di circa 300 milioni di euro.

16 dicembre 2008

Convegno Nazionale:1948 il sogno dei diritti umani - 2008 un vento di velato razzismo

Potenza, 19 dicembre 2008., ore 18,00. Ridotto del Teatro Stabile

Saluti: S.E. Agostino Superbo Arcivescovo di Potenza
Vito De Filippo Presidente Giunta Regionale
Pino Vitale Presidente Nazionale CTA
Leonardo Braico Presidente Regionale ACLI
Antonio Corbo Vicepresidente Vicario ACLI Provinciali di Potenza

Introduce : Filippo Pugliese Presidente Comitato Nazionale CTA

Interventi: Mario Marazziti Presidente Comunità di S. Egidio
Ennio Ielpo Docente
Rocco Pezzano Giornalista de "Il Quotidiano"
Nino Falotico Segretario Regionale CISL
Antonio Russo Presidenza Nazionale ACLI
Francesco Casella Assessore Politiche Sociali Comune di Potenza
Norberto Tonini Comitato Mondiale Etica del Turismo

Con il patrocinio del Comune di Potenza

12 dicembre 2008

Andrea Olivero, portavoce unico del Forum del terzo settore

Andrea Olivero è Portavoce Unico del Forum del Terzo Settore. Lo ha eletto oggi l’Assemblea nazionale del Forum del Terzo Settore riunita oggi a Roma. Olivero sostituisce Vilma Mazzocco e Maria Guidotti che erano state elette poco più di due anni fa (il 16 maggio 2006). Andrea Olivero è stato Membro del Coordinamento nazionale del Forum del terzo Settore dal 2006, lo stesso anno in cui divenne Presidente nazionale delle Acli. Con la scelta del Portavoce Unico il Forum del Terzo Settore vuol dare un forte segnale di coesione, proprio nel momento in cui la società appare sempre più frammentata e fragile.

11 dicembre 2008

Festività e crisi

Natale e Capodanno, turismo in calo del 20%
Meno turisti a Roma per le prossime festività di Natale e Capodanno.
Dopo quattro anni di segno più la domanda turistica negli alberghi della
Capitale crolla quest'anno, rispetto allo stesso periodo del 2007, del 19,43%
per quanto riguarda il periodo dal 23 al 28 dicembre e del 15,90% per quello
dal 29 dicembre al 3 gennaio 2009.

10 dicembre 2008

Il Centro Turistico Acli di Caserta per la raccolta differenziata


Sport e disabili, a Napoli poco impegno

Libro bianco sullo sport, divulgato dalla Commissione Europea l’anno passato è un dichiarato intento di utilizzare lo sport come creatore di inserimento sociale, e riafferma inoltre l'importanza della attività sportiva. Riprendendo la Convenzione ONU sui diritti delle persone con disabilita ribadisce con forza l’utilizzo delle attività sportive come mezzo di integrazione per le persone disabili . il Parlamento sollecita l'inserimento delle attività sportive e programmi nelle azioni finanziate dal Fondo Sociale Europeo allo scopo di conseguire l'inclusione sociale dei gruppi svantaggiati, in più si rafforza l’idea di rendere le strutture sportive accessibili a qualsiasi disabilità, lo sport continua ad essere un principio incoraggiante di una novità culturale verso i disabili.Purtroppo c’e sempre l’eccezione che conferma la regola, anche questa volta l’anomalia parte da Napoli,poche manifestazioni sportive sono sorte in città a favore dei disabili, con il risultato che quelle poche società, associazioni, enti e chi si vuol impegnare in questo settore viene poco agevolato, con sacrifici enormi manda avanti quel minimo che si riesce a fare. Se visitiamo il sito web del comune di Napoli, leggiamo che per il mese di ottobre e novembre non si è fatto niente, è non ce niente in programma per il mese di dicembre , l’unica nota positiva per il mese di novembre e da segnalare 1° Forum Nazionale del Turismo Sociale Per lo sviluppo sostenibile del turismo sociale in Campania tenutosi il 22 Novembre 2008 presso l' Hotel Ramada. Notizia quasi passata ignorata per molti ma no per tutti visto che su napoli.com c’era un articolo più allegato programma del forum, forse a Napoli il Libro bianco sullo sport divulgato dalla Commissione non è ancora arrivato ,sarà colpa delle poste ? non credo, ma di certo sappiamo che questa nuova cultura della Disabilità per un integrazione reale non è mai arrivata nella nostra città, non se ne vede nemmeno l’ombra .l’assessorato allo sport del comune di Napoli è ora che si impegni di più su queste tematiche che non risolveranno certamente tutti i problemi, ma di sicuro sarà un buon punto di partenza per affrontare questioni che da troppo tempo si fa finta di non vedere, Giocando s'impara, ma se non inizieremo, mai impareremo a giocare.

09 dicembre 2008

TURISMO. Ecco i Viaggi del Goel

Nasce un tour operator cooperativo per il turismo responsabile

Il consorzio sociale GOEL (http://www.consorziosociale.coop/), nato nella Locride insieme a mons. Bregantini, presentare I Viaggi del Goel, il tour operator Turismo responsabile, che lancerà da oggi la propria offerta su tutto il territorio nazionale. Con I Viaggi del Goel, si vuole proporre un modo nuovo di pensare alle vacanze, attraverso un'offerta di turismo responsabile per gruppi, scuole, associazioni e famiglie, per una vera conoscenza della Locride e della Calabria, terra con un grande patrimonio storico e naturale, ma spesso conosciuta solo per gli episodi di cronaca. Oggi però esprime tante iniziative di sviluppo, e dove è forte l'impegno di giovani contro le mafie, per la costruzione di una società e di un'economia diversa. Gradualmente il Tour operator collaborerà con altri territori e altre realtà di cambiamento, a nord come a sud, accomunate dall'idea di fare del turismo un'occasione di crescita e maturazione sociale. Con i Viaggi del Goel, oltre a conoscere i protagonisti di questa storia, è possibile godere di una vacanza ricca di storia, cultura, natura, ma anche di divertimento, relax e buona cucina, ospitando i viaggiatori presso le strutture alberghiere interamente gestite dalle stesse cooperative sociali del consorzio: hotel 3 stelle, casa per ferie, camere in autogestione, ecc.
I pacchetti, le strutture, la proposta complessiva, sono già disponibili all'indirizzo internet: http://www.turismo.responsabile.coop/. C'è anche un numero verde (800 913540) e una mail: agenzia@turismo.responsabile.coop

07 dicembre 2008

Dal turismo dei parchi al turismo nei parchi

Convegno
"Dal turismo dei parchi al turismo nei parchi"
giovedì, 26 giugno 2008
ore 16.00 Atrani (Sa)Aula Consiliare – Municipio
Il progetto "dal turismo nei parchi al turismo dei parchi ” traccia un bilancio delle sue
attività, presentando i risultati dell’azione svolta sul territorio campano e le possibili
ricadute a lungo termine della sua filosofia, volta a implementare le conoscenze e a
indicare gli strumenti per un possibile sviluppo delle imprese turistiche che svolgono
la loro attività nelle aree protette campane.
Programma
16.00 Registrazione dei partecipanti
16.25 Moderatore Oscar Buonamano, Direttore editoriale CARSA
Interventi
16.30 Nicola Carrano, Sindaco di Atrani
16.35 Roberto Di Vincenzo, Presidente CARSA
“APE – dal turismo nei parchi al turismo dei parchi”
17.00 Sandro Polci Amministratore delegato Serico srl
17.15 Ugo Leone Presidente Parco Nazionale del Vesuvio
17.30 Domenico De Masi Presidente Parco Nazionale del Cilento
17.45 Anna Savarese Presidente Parco Regionale dei Monti Lattari
18.00 Angelo Paladino Assessore alle Politiche Ambientali Provincia di Salerno
18.15 Corrado Gabriele Assessore all’Istruzione, Formazione e Lavoro Regione Campania
18.30 Michele Buonomo Presidente Regionale Legambiente Campania
18.45 Enrico Paolini Coordinatore Nazionale Assessori Regionali al Turismo
19.00 Buffet

04 dicembre 2008

VIAGGIARE CHE PASSIONE!.

IL TURISMO SOCIALE: GITE, SOGGIORNI TERMALI, VIAGGI ORGANIZZATI
3.712 le iniziative realizzate: nella maggior parte dei casi (66%) si è trattato di piccole gite, da uno a tre giorni realizzabili con maggiore frequenza ed economicamente più accessibili. Il 20% delle iniziative di Turismo sociale ha invece riguardato i soggiorni climatici e le cure termali. Anche in questo settore le iniziative sono in crescita rispetto al 2005: 652 le Associazioni che hanno svolto nel corso del 2007 attività di turismo, I volontari impegnati sono stati 4.003, di cui 2303 donne.

CONGRESSO NAZIONALE DI GA

23° Congresso Nazionale dei giovani delle Acli
Bologna 11-14 dicembre 2008
P R O G R A M M A
GIOVEDI’ 11 DICEMBRE
h. 12.00 Conferenza stampa di presentazione
h. 18.00
• Apertura XXIII Congresso Nazionale
• Approvazione Reg.to Congressuale e nomina Presidenza del Congresso
• Nomina Commissioni Congressuali
• Avvio procedure di Verifica poteri
h. 20.0 Cena
VENERDI’ 12 DICEMBRE
h. 9.00 Momento di spiritualità
h. 10.00 Relazione Congressuale: “Ri-partire dal dialogo- Giovani sentinelle e
artigiani per il bene comune del cambiamento”
Gianluca Budano – Segretario nazionale dei Giovani delle ACLI
h. 11.00 Saluti:
• Presidente Nazionale ACLI Andrea Olivero
• Presidente Regionale Emilia Romagna Walter Raspa
• Presidente provinciale ACLI Bologna Francesco Murru
h. 11.30 Saluti delle Autorità Civili e Religiose:
• S.E. Mons. Ernesto Vecchi Vescovo Ausiliare - Vicario Generale Arcidiocesi di Bologna
• Mons. Angelo Casile (Direttore Ufficio Nazionale Cei per i problemi sociali e del lavoro)
• Sindaco di Bologna Sergio Cofferati
• Vice Presidente Provincia Bologna Giacomo Venturi
• Ministro della Gioventù On. Giorgia Meloni
Dibattito congressuale
h. 13.00 Pranzo
h. 16.00 TAVOLA ROTONDA
“GENERI E GENERAZIONI: LA RIGENERAZIONE DELLA SOCIETA’ E/E’ IL BENE COMUNE DEL CAMBIAMENTO.”
Introduce e modera: Daniele Rotondo (Giornalista Rai)
Partecipano:
• On. Raffaele Fitto (Ministro per gli affari regionali)
• On. Matteo Colaninno (Ministro ombra PD per lo sviluppo economico)
• Prof. Elena Marta (Università Cattolica Milano)
• Gianluca Budano (Segretario Nazionale dei Giovani delle ACLI)
• Maria Grazia Fasoli (Responsabile Coordinamento Donne Acli)
h. 18.00 Dibattito congressuale
h. 20.00 CENA
h. 21.00 Spettacolo teatrale presso Teatro Antoniano “Una luce nella notte. La
vicenda del giovane Giuseppe Fanin” (offerto dalle ACLI provinciali di Bologna)
SABATO 13 DICEMBRE
h. 9.00 Momento di spiritualità
h. 10.00 Dibattito congressuale
h. 13.00 – 16.00 Elezione del Segretario nazionale
h. 14.30 Sessione di modifica regolamentare
h. 17.00 TAVOLA ROTONDA
“RI-PARTIRE DAL DIALOGO COME GIOVANI SENTINELLE E ARTIGIANI IN UN MONDO CHE CAMBIA”
Partecipano:
• Andrea Olivero (Presidente Nazionale ACLI)
• Don Nicolò Anselmi (Direttore Ufficio Pastorale Giovanile Cei)
• Michela Murgia (Scrittrice)
• On. Pina Picierno (Ministro ombra PD per le politiche giovanili)
h. 19.00 – 22.00 Elezione quota parte Assemblea Nazionale
h. 19.30 Santa Messa
h. 20.30 Cena
DOMENICA 14 DICEMBRE
Dibattito e conclusioni a cura del Segretario nazionale di GA

03 dicembre 2008

I risultati del sondaggio:

Sei favorevole all'istituzione del Ministero
per il Turismo?


Si (56%)

No (20%)

Non so (23%)

02 dicembre 2008

DISABILITA'. Domani la giornata internazionale

Il 3 dicembre si celebra la "Giornata internazionale delle persone con disabilità", che ha lo scopo di promuovere la diffusione dei temi della disabilità, mobilitare il maggior sostegno possibile per la dignità, i diritti e il benessere delle persone disabili, e accrescere la consapevolezza dei vantaggi che possono derivare dall'integrazione delle disabilità in ogni aspetto della vita sociale, come stabilito dal "Programma di azione mondiale per le persone disabili", adottato nel 1982 dall'Assemblea generale dell'ONU.
La Giornata viene celebrata, in Italia, con un evento di grande importanza: è stato approvato il 28 novembre 2008 dal Consiglio dei Ministri, su proposta del Ministro Sacconi e del Ministro Frattini, il disegno di legge che ratifica la Convenzione sui diritti delle persone con disabilità, firmata il 30 marzo 2007 a New York, per cui troveranno nuovo impulso le politiche di inclusione per la disabilità e i principi di dignità e integrità della vita e delle persone. Per la "Giornata internazionale delle persone con disabilità", tutte le organizzazioni interessate (governative, non governative e del settore privato) hanno l'opportunità di centrare l'attenzione su misure innovative, sulla base delle pari opportunità, utili a migliorare le norme internazionali e gli standard di vita riguardanti le persone con disabilità. Le scuole, le università ed istituzioni simili possono dare un prezioso contributo coinvolgendo la più ampia parte possibile della società in genere ed in particolare il mondo della cultura, dell'economia e della politica. Da parte sua il Ministero per i Beni e le attività culturali prenderà le opportune iniziative al fine di evidenziare le migliori pratiche attuate per rendere più accessibili i luoghi d'arte alle persone diversamente abili.

27 novembre 2008

Servizio Civile. Nel 2009 ci saranno 30 mila giovani

Una nuova legge per l'anno prossimo, operativa dal 2010 e l'avvio al Scn di 30mila giovani sono le novità annunciate da Carlo Giovanardi
Potrebbe arrivare nel 2009, ed essere operativa nel 2010, la nuova legge sul servizio civile. L’annuncio è del sottosegretario alla Presidenza del Consiglio Carlo Giovanardi che ha spiegato come già nel 2009 in Italia si potranno avviare al servizio circa 30mila giovani, facendo fronte all'impegno finanziario con la disponibilità dei soldi già stanziati in bilancio e di quelli che si andranno a recuperare con un emendamento che modifica il sistema previdenziale dei volontari. Per Giovanardi negli ultimi due anni c’è stata una programmazione sbagliata e l'accettazione di oneri impropri e inutili per i volontari che con il ridimensionamento dei fondi hanno reso problematica la gestione di una realtà come quella del Servizio civile nazionale che per il sottosegretario dovrà essere rivisitata.In cantiere anche la riscrittura della legge (l’obiettivo è quello di arrivare alla nuova normativa nel 2009 perché sia operativa nell’anno successivo). A riscrivere la norma ci saranno con Giovanardi Regioni, comuni ed enti del volontariato che si confrontano su punti di riforma condivisi come un rapporto più costruttivo fra Stato e Regioni, il superamento dello squilibrio regionale fra il Sud e il Nord del Paese (il 33% dei volontari viene dalle regioni meridionali e in particolare da Sicilia e Campania), una maggiore flessibilità negli orari di impiego dei volontari. Si pensa anche a una compartecipazione degli enti ai costi del servizio, specialmente quando attingono ad un grande numero di volontari.

26 novembre 2008

Presentata la social card

Come funziona la social card
Il ministro illustra il fnzionamento della carta


La Social card costerà a regime 450 milioni di euro l'anno (una spesa resa possibile da subito – per i mesi di ottobre/dicembre 2008 grazie ai proventi della Robin Tax che ha fruttato sino ad oggi 4 miliardi). Lo ha detto il ministro dell'Economia Giulio Tremonti illustrando a Palazzo Chigi la Carta per gli Acquisti in una Conferenza stampa con Maurizio Sacconi. La "carta per gli acquisti” sociale prende esempio dal Food Stamps Programm americano, attuato nel 1939-1943, ma poi riavviato nel 1961 «per iniziativa del partito democratico americano, durante la presidenza Kennedy» ha tenuto a sottolineare il ministro dell'Economia. «L'accusa di chi dice che vogliamo identificare una classe sociale non è assolutamente vera», ribatte Tremonti, «La social card sarà anonima così nell'anonimato non segnerà i portatori, ma la potrà usare chiunque, anche un parente andando a fare la spesa». Per chi «La social card spetta ai cittadini ultrasessantacinquenni e alle famiglie con figli piccoli (fino a tre anni) che abbiano un reddito Isee (indicatore della situazione economica equivalente) fino a 6.000 euro». Per chi ha più di 70 anni la soglia di reddito Isee che dá accesso alla carta acquisti è fino a 8.000 euro. Nel caso di più figli sotto i tre anni gli accrediti si sommano ha aggiunto Tremonti. «Secondo i nostri calcoli la platea è stimata in circa 1.300.000 soggetti». Come funziona la social card, funziona come una carta di credito normale, verra ricaricata dallo Stato ogni mese per un importo di 40 euro più gli sconti delle catene commerciali convenzionate. Chi la riceverà entro il 31 dicembre avrà già un credito di 120 euro per i mesi di ottobre, novembre e dicembre. I negozi alimentari aggiungeranno alla quota della social card uno sconto del 5%, che in futuro potrà anche salire, ha anche spiegato Tremonti. «Si tratta di un’infrasttruttura scalabile e speriamo che presto si aggiungano le grandi catene di distribuzione». Oltre che per la spesa, ha aggiunto il ministro «La carta per gli acquisti si potrà usare per pagare le bollette Enel beneficiando delle tariffe sociali già previste ma non molto usate per una certa farraginosità dei meccanismi burocratici». Da quando il ministro ha spiegato che fino ad oggi sono state spedite 300 mila lettere ai beneficirari e che al ritmo di 150 mila lettere al giorno, grazie alla collaborazione delle Poste, si raggiungerà presto l’intera platea dei soggetti interessati che potranno fare così domanda della carta. La carta sarà distribuita tramite le Poste, l’Inps, ma, ha aggiunto Tremonti «anche i Caaf, i Patronati e gli altri operatori e soggetti della società civile che confidiamo ci aiutino nell’informazione e nella distribuzione. Il progetto è in progress e la rete si amplierà mano mano». In ogni caso, ha sottolineato il ministro, la lettera, i moduli e la spiegazione sono già reperibili sui siti del ministero dell’economia, del lavoro, delle Poste e dell’Inps.

Presepe Vivente del 700


Servizio civile: un 'Manifesto' per salvarlo

Protesta Cnesc contro i tagli in Finanziaria. Olivero: «Meglio il servizio civile che l'ora di cittadinanza a scuola». Un 'Manifesto' per difendere il Servizio Civile dal pesante ridimensionamento provocato dai tagli previsti nella Finanziaria 2009. Lo ha presentato questa mattina a Roma il Cnesc, la Conferenza nazionale degli enti per il servizio civile di cui fanno parte anche le Acli.«Il servizio civile è e deve rimanere un diritto di tutti i giovani che ne facciano richiesta e non solo di un’esigua elite. E’ un’esperienza tutta italiana che l’Europa c’invidia e che non può essere mortificata da scelte finanziarie incoerenti».La Legge finanziaria prevede infatti un taglio dei fondi del 42% rispetto al 2008. L’attuale stanziamento ammonta a soli 171 milioni di Euro. Per permettere ad almeno 60mila giovani la partecipazione al servizio civile ci vorrebbero 400 milioni di euro. Il presidente nazionale delle Acli Andrea Olivero, commentando il Manifesto ha detto: «Meglio il servizio civile che l'ora di cittadinanza a scuola». «L'educazione civica è una responsabilità collettiva dell'intera società, non solo dell'istituzione scolastica. Piuttosto che incastrare a forza dentro un orario delle lezioni già compresso un tema così cruciale per la coscienza e la maturità dei ragazzi, consentiamo a tutti i giovani di vivere un'esperienza formativa unica, che ha già dato importanti risultati».«E' impensabile - conclude Olivero, riferendosi all'episodio recente di Rimini, 4 giovani che "per gioco" danno fuoco ad un uomo - che in tempi di emergenza educativa come quelli in cui viviamo, lo Stato rinunci a sostenere l'impegno degli enti e delle associazioni nella formazione dei cittadini del futuro».

25 novembre 2008

Bonus bebe' e social card

Bonus bebe' e social card, ecco il piano anti-crisi presentato dal governo alle parti sociali

Social card, bonus per le famiglie meno abbienti, proroga della detassazione degli straordinari, Iva per cassa, lieve taglio degli acconti fiscali, misure antievasione. A palazzo Chigi il Governo ha illustrato alle parti sociali il pacchetto di interventi per il rilancio dell'economia reale. Misure che saranno varate dal Consiglio dei ministri di venerdì 28 novembre.

24 novembre 2008

Messaggio del Cardinale Crescenzio Sepe al Forum

Gentile Signore
Sig. Pino VITALE
FITUS Campania
(Federazione Italiana Turismo Sociale)

Gentile Signore,

Ho ricevuto la Sua lettera, pervenutami nei giorni scorsi, con la quale mi ha invitato a partecipare al Forum Nazionale del Turismo Sociale, organizzato dalla FITUS, per i giorni 15 e 16 Novembre, a Paestum, per il 22 Novembre a Napoli.
Purtroppo, impegni urgenti e improcrastinabili, non mi permettono di essere presente.
Desidero, tuttavia, appoggiare la lodevole iniziativa, che ha lo scopo di valorizzare e far conoscere ancora di più le bellezze della nostra amata terra.
Trasmettere la cultura attraverso l’arte e i percorsi paesaggistici, aiuta, soprattutto i giovani studenti, ad appropriarsi del loro patrimonio, ad amarlo e a rispettarlo.
E’, inoltre, lodevole l’intento di mettere insieme una vasta platea di operatori turistici per raggiungere tale finalità.
Auspico che questi incontri aiutino ad integrare cultura e territorio, per riscoprire le proprie origini e guardare alla storia passata per imparare ad essere uomini e donne del nostri tempo, radicati e fondati su sani e stabili principi.
Saluto tutti e invito ad andare avanti nel cammino intrapreso che, sono certo, porterà frutti abbondanti.


Crescenzio Card.Sepe
Arcivescovo di Napoli

22 novembre 2008

Intervento di Pino Vitale al Forum Nazionale del Turismo Sociale

Il turismo in Italia rimane uno dei punti di forza dell’economia italiana dando ad essa un contributo sostanziale sia in termini economici sia occupazionali.
Ciò in linea generale perché, come del resto negli altri settori dell’economia , le situazioni sono poi molto diverse fra regione e regione ed addirittura fra zona e zona, anche a causa della scarsa considerazione di cui il turismo gode fra i politici a livello regionale, nazionale ed internazionale.
Basti pensare che,da sempre, gli interventi in un settore tanto importante per il Paese sono più rispondenti a una logica di occasionalità che conseguenza di un piano generale di valorizzazione e di sviluppo. E ancora: attualmente alcune regioni non hanno una propria legge regionale pur essendo regioni con chiara vocazione turistica.
All’assenza dei politici, sui quali spesso cadono gli strali, occorre aggiungere, in troppi casi, la frammentazione e l’arretratezza degli stessi addetti e degli Enti preposti allo sviluppo turistico.
Ciò determina contrapposizioni ed un ostacolarsi a vicenda fra enti, associazioni ed operatori che ben altri risultati potrebbero ottenere con una più fattiva collaborazione.
In questo senso si rileva la necessità di ripristinare il ministero del turismo al fine di garantire coordinamento e politiche di sviluppo del primo settore economico del paese.

*********************

I “ difetti “ cui abbiamo accennato sono più evidenti nel Mezzogiorno che, invece, ad avviso di chi parla, avrebbe più interesse e le condizioni pressoché ideali ad uno sviluppo capillare ed armonico del turismo e conseguentemente dell’intera economia. Nonostante tutto, il turismo potrà crescere se saprà cogliere le opportunità che oggettivamente ci sono ( maggiori poteri agli Enti Locali ) in quanto,il decentramento dei poteri potrà favorire una politica strutturale che renderebbe la crescita forte e non soggetta a fattori estemporanei e congiunturali.
Nato come esigenza ed istanza solidale tendente a favorire l’accesso al turismo di quelle classi sociali economicamente deboli ed emarginate, il Turismo Sociale si presenta oggigiorno sempre più come l’insieme delle attività libere e liberanti che concorrono a rendere l’uomo pienamente realizzato, sia in chiave di maturazione personale, sia in chiave di crescita civile all’interno del proprio territorio.
Oggi appare ,sempre più evidente, che il turismo sociale non potrà più limitarsi ad essere quell’insieme di rapporti e di fenomeni risultanti dalla partecipazione delle categorie sociali economicamente deboli al turismo, ma dovrà sapersi rinnovare e vincere cosi una nuova sfida non meno difficile di quella accolta e in buona parte vinta dai grandi “ pionieri “ che, nell’ormai lontano 1956 a Berna, lanciarono l’idea del Turismo Sociale: idea che, attraverso i successivi congressi (Vienna 59 ) - Milano 62) – ha portato alla costituzione ufficiale del BITS (63) e che oggi si dimostra quanto mai profetica e vincente.
Sta dunque a noi continuare nella strada a suo tempo tracciata dai nostri predecessori e , quindi, proseguire con scelte coraggiose che sappiano indicare il senso e la direzione di marcia per gli anni a venire.
Il Turismo sociale, nonostante le difficoltà in cui ha operato, è riuscito ad attirare segmenti di popolazione che certo non avrebbero potuto accedervi attraverso normali canali commerciali.
Ciò ha costituito una promozione umana per le persone che hanno potuto godere delle bellezze naturali ed artistiche del nostro Paese e di altre Nazioni ,ma anche una ricchezza per il comparto turistico, specialmente se si tiene conto che oggi il turismo sociale ha fatto un notevole salto di qualità.
In Italia le Associazioni di Turismo sociale sono riunite in una Federazione di collegamento, la FITUS (Federazione Italiana del Turismo Sociale) che conta più di undici Associazioni tra le più grandi. In Europa la situazione del turismo sociale è molto diversificata.
In Francia ed in Belgio ad esempio, è nata negli anni scorsi una grossa attenzione a questo segmento del turismo, con una vasta ed articolata presenza delle associazioni ed un intervento fattivo da parte dello Stato.
In Svizzera ed anche in Francia si è sviluppato il cosiddetto “ assegno vacanze “, una specie di buono riservato ai lavoratori e spendibile nelle strutture del turismo sociale ; ad esso è collegata una cassa per il finanziamento delle vacanze con un’attenzione speciale per le persone in difficoltà.
Al contrario, in Italia il sociale è la cenerentola del settore, con pochissimo impegno da parte degli Enti pubblici, che solo da pochi anni, hanno incominciato a fare qualcosa per le cosiddette “vacanze – anziani “, spesso riducendo l’impegno nei confronti dei giovani.
In realtà, un’Italia che vuole essere a pieno titolo in Europa, non può non porsi il tema dell’assegno vacanze e restare fuori dal circuito, non accettando i buoni.
Sarebbe, infatti, un errore per l’economia – non solo quella sociale – perché lascerebbe sicuramente una buona parte della popolazione fuori dal mercato turistico e sarebbe, altresì, un errore culturale perché le associazioni di turismo sociale svolgono non solo un’attività di natura economica ma un’importante funzione sociale: appassionare al patrimonio storico ed ambientale ,valorizzare l’appartenenza al territorio e soprattutto stimolare le persone ad essere protagoniste.
A tal proposito, per consentire a tutti l’accesso al turismo, sono necessari sia i buoni vacanza diretti alle fasce meno abbienti sia la detrazione fiscale della spesa turistica che dovrebbe essere considerata almeno alla pari di altri incentivi. Il tutto con risvolti positivi sia socialmente sia economicamente.


*****************************
Per quanto ci concerne, diciamo- con orgoglio- che siamo stati in prima fila nell’affermazione del Turismo Sociale sia nell’ accreditarlo presso i pubblici poteri e farne riconoscere l’importanza sia per le attività che abbiamo messo a disposizione dei nostri soci. Per quanto concerne il Mezzogiorno, la Fitus si adopera per dare una risposta alla crescente esigenza di autorganizzazione del tempo libero da parte dei suoi associati e delle loro famiglie. Si impegna, altresì, all’affermazione di una concezione sociale della politica turistica, la quale deve ampliare la frizione del turismo a tutti i cittadini, per far conoscere le bellezze naturali ed artistiche del sud Italia nonché la cultura di altri popoli e nazioni. Considerato che le principali risorse del nostro turismo sono costituite dal patrimonio ambientale e dal patrimonio storico-culturale riteniamo, senza ombra di dubbio, che gli stessi debbano essere conservati e ripristinati là dove hanno subito processi di degradazione.
Il turismo necessita anche del buon funzionamento delle strutture ed infrastrutture che sostengono la vita sociale del Meridione, nonché di una specifica organizzazione imprenditoriale per la produzione di servizi tali da rendere possibile e confortevole il soggiorno dei forestieri: servizi recettivi, alberghieri ed extralberghieri, agenzie di viaggio, pubblici esercizi di ristorazione ecc. Purtroppo il mezzogiorno, attualmente, difetta di tali strutture e, inoltre, resta nell’attesa di una regolamentazione Regionale del Turismo in modo che lo stesso possa favorire la conoscenza del proprio territorio, stili di vita più sani, apertura culturale, rapporti umani più veri.
Anche in Campania è necessario un passo istituzionale per riconoscere al turismo sociale il giusto ruolo nella nuova legge regionale sul Turismo di prossima discussione. Non bisognerà partire da zero in quanto ci sono già linee guida approvate dalla passata amministrazione e orientamenti largamente condivisi. Non sprechiamo questa ennesima occasione!


*************************

L’idea di fondo è stata quella di candidare Napoli e l’intera Campania quale destinazione strategica per il turismo sociale nell’intero Mediterraneo, in una logica culturale ed operativa. In tal senso, si ritiene fondamentale, coerentemente con quanto definito nel precedente Ddl regionale, avviare iniziative concrete sul tema, mediante occasioni di confronto istituzionale ed imprenditoriale, con l’obiettivo di:
· potenziare flussi turistici di specifici target di mercato, ancora in fase di introduzione (ad esempio, il turismo naturalistico, culturale, religioso ed eno-gastronomico delle aree meno note della Regione);
· favorire il prolungamento della stagione delle località regionali, considerando l’alta vocazione turistica ed il clima favorevole delle proprie aree.
· allargare l’accesso alle fasce deboli;
· valorizzare il turismo sociale come volano di sviluppo per aree e territori attualmente fuori mercato o scarsamente utilizzate;
· qualificare la vocazione turistica di un territorio ( ambiente - arte - cultura - tradizioni- qualità della vita - )
· qualificare l’attrattività di detto territorio per la localizzazione e lo sviluppo di imprese attive nel campo del turismo sociale.
I suddetti obiettivi si propongono, ovviamente, di potenziare i segmenti d’interesse per il turismo sociale, favorendo gli interscambi con i Paesi del Mediterraneo, la promozione e lo sviluppo dell’offerta nel comparto (imprese specializzate, occupazione qualificata), la valorizzazione territoriale, l’autorganizzazione attraverso la valorizzazione di forme associative e lo sviluppo di aree e territori attualmente “ fuori mercato” o scarsamente utilizzate.
Perchè Napoli: E’ una grande città del Mediterraneo, multi-etnica, particolarmente interessata dai fenomeni sociali, ubicata nel cuore del Mediterraneo, in fase di ascesa nelle relazioni internazionali. Essa si candida ad essere la città mediterranea ed europea vocata al turismo sociale e culturale.
Perché il turismo sociale: E’ il turismo della persona, senza barriere, volto a favorire un concetto empirico di crescita culturale della persona, di cittadinanza,di socializzazione e di inclusione nel pieno rispetto delle diversità etniche e della tutela del territorio. Un turismo per tutti allargato alle fasce deboli ( diversamente abili- anziani – minori ).
Proponiamo apertamente di istituzionalizzare questo appuntamento come un vero e proprio work shop del turismo sociale nazionale. Non l’ennesima borsa ma un appuntamento in cui l’incontro virtuoso tra soggetti diversi consenta di raggiungere importanti obiettivi.

“Il turismo sociale come soluzione per la crisi del settore”

Concluso a Napoli il primo Forum Nazionale sul tema, organizzato da FITUS CAMPANIA
Grande successo per il Primo Forum Nazionale del Turismo Sociale, che si è concluso poco fa all’Hotel Ramada. Il Forum, intitolato “Grandi sfide del turismo sociale verso il 2013 – Cultura, sostenibilità ed accessibilità per l’apertura del mercato globale” ha visto la partecipazione di centinaia di rappresentanti del settore oltre a esponenti delle istituzioni.
La Fitus, (Federazione Italiana del Turismo Sociale), della Campania ha lanciato una proposta in quattro punti; ha dapprima sollecitato il Governo a ripristinare il Ministero del turismo al fine di garantire coordinamento e politiche di sviluppo del primo settore economico del Paese. Inoltre, la Fitus ha chiesto di consentire l’accesso al turismo di tutti attraverso l’istituzione di “buoni vacanza” per le fasce meno abbienti e la detrazione fiscale della spesa turistica, che dovrebbe essere considerata almeno alla pari di altri incentivi.
“La crisi del turismo – afferma Pino Vitale, coordinatore regionale della Fitus nonchè presidente nazionale del Centro Turistico Acli - si può battere solo organizzando in maniera seria e professionale la domanda turistica. A questa esigenza può rispondere, in particolare, il turismo sociale che garantisce il “diritto alla vacanza” ad una grande platea di persone, famiglie, lavoratori.”
Vitale ha poi analizzato lo stato del turismo sociale in Campania: “Oggi la Fitus è un soggetto forte, autonomo e organizzato. Nelle tre giornate del Forum Nazionale abbiamo concordato strategie di sviluppo del settore grazie della concertazione territoriale con le più importanti istituzioni della Campania. La Fitus candida la Campania quale capofila del turismo sociale e chiede di istituzionalizzare un appuntamento (Work Shop) che favorisca lo sviluppo del settore attraverso l’incontro la domanda e l’offerta. Inoltre, chiede che quanto prima sia approvata la legge regionale sul turismo, in cui dovrà essere garantito il sostegno e la promozione del turismo sociale, recuperando cosi l’ottimo lavoro già svolto.”
Tra gli ospiti intervenuti nel corso dei dibattiti, anche gli assessori comunali di Napoli Nicola Oddati, che ha relazionato sulla organizzazione del Forum Mondiale delle Culture. A nome del Comune di Napoli Oddati ha accettato la sfida della Fitus di caratterizzare l’appuntamento come occasione di turismo sociale; d’accordo l’assessore al turismo Valeria Valente, che ha annunciato un tavolo di concertazione sul tema a partire dalla valorizzazione dei beni turistici e culturali della città di Napoli. Analoga disponibilità a collaborare con Fitus è venuta dalla Curia di Napoli, rappresentata dal responsabile della pastorale del turismo e tempo libero don Salvatore Fratellanza. Presenti all’incontro, tra gli altri, anche l’onorevole Compagna ed il presidente di Confcooperative Campania Ferdinando Flagiello, che ha indicato come lo strumento della cooperazione risponda efficacemente alle strategie di sviluppo del turismo sociale. Il Forum è stato coordinato dall’ottimo presidente provinciale delle Acli Pasquale Orlando.

21 novembre 2008

Hotel d'autore

Cultura e relax si coniugano nell'ultima frontiera del turismo, l'arte-hotel, strutture che offrono ospitalità in ambienti ricercati, ideati da artisti e maestri del design
Il Bel Paese non poteva non appropriarsi, reinterpretandola, della più recente tendenza del turismo che viene dal nord Europa, gli hotel ideati da maestri del design, che in Italia diventano "arte-hotel", cioè luoghi nei quali oltre a godere di una raffinata ospitalità si vive letteralmente in mezzo a opere d'autore.

DOMANI MANIFESTAZIONE NAZIONALE CONTRO LA VIOLENZA MASCHILE

Domani, sabato 22 novembre, alle ore 14 da piazza della Repubblica partirà il corteo della Manifestazione nazionale contro la violenza maschile sulle donne. Il manifesto di Sommosse, Rete Nazionale di femministe e lesbiche, ricorda che "la violenza maschile è la prima causa di morte e di invalidità permanente delle donne in Italia come nel resto del mondo. La violenza fa parte delle nostre vite quotidiane e si esprime attraverso la negazione dei nostri diritti, la violazione dei nostri corpi, il silenzio".
Un anno fa, erano scese in piazza oltre 150mila donne, femministe e lesbiche "per dire no alla violenza maschile".Domani "saremo di nuovo in piazza come femministe e lesbiche per ribadire con la stessa forza, radicalità e autonomia che la violenza maschile non ha classe né confini, nasce in famiglia, all'interno delle mura domestiche, e non è un problema di ordine pubblico ma un problema di ordine culturale e politico".

19 novembre 2008

Napoli 22 novembre 2008 - 1° Forum Nazionale del Turismo sociale

“Le grandi sfide del Turismo sociale, verso il 2013. Cultura, sostenibilità e accessibilità per l’apertura del mercato globale”

Tappa conclusiva per il 1° Forum Nazionale del Turismo sociale promosso a Napoli dalla Fitus Campania (federazione italiana del turismo sociale) struttura che organizza le principali associazioni del settore.Sabato 22 alle ore 9,30 presso l’Hotel Ramada si affronteranno le sfide del turismo sociale nella prospettiva del mercato globale, con particolare attenzione agli eventi che interesseranno la Campania a partire dal Forum delle Culture del 2013.
La chiave di lettura che viene offerta dalla Fitus è l’entrata in campo di un forte soggetto sociale in grado di organizzare la domanda turistica che presenti qualità, innovazione e attenzione alle fasce deboli con caratteristiche di accessibilità e responsabilità.
"Scommettiamo sul turismo sociale perché siamo in grado di organizzare la domanda anche nei periodi di bassa stagione- afferma Pino Vitale, coordinatore regionale della Fitus e vogliamo altresì contribuire alla nascita di una nuova cultura del turismo attento al territorio e alle persone. Si tratta – continua Pino Vitale - di affermare il diritto alla vacanza. Il 45% degli italiani ne è escluso. Si tratta di un potenziale per rilanciare soprattutto il Mezzogiorno, disegnando nuove politiche di inclusione sociale e sviluppo”. Il Forum, che nelle sessioni della scorsa settimana è stato il luogo del dialogo tra operatori del turismo sociale, imprese, istituzioni ed enti locali, ha già analizzato specificamente il turismo scolastico, la programmazione dei sistemi turistici locali e allo stesso tempo è riuscito a varare un vero e proprio patto d’intesa tra enti locali, soggetti della programmazione e associazionismo sociale. Sabato con la Fitus si confronteranno studiosi e operatori ma anche amministratori come gli assessori Claudio Velardi e Nicola Oddati che illustreranno le strategie di Regione e Comune di Napoli. Non sarà solo il Forum delle Culture a monopolizzare i lavori: di particolare importanza anche il tema dei "buoni vacanza" che dopo le decisioni ministeriali e della Corte dei Conti, saranno sperimentati sul territorio nazionale al fine di garantire il diritto alla vacanze dei lavoratori e delle loro famiglie ponendo particolare attenzione alle fasce deboli e alle situazioni di svantaggio sociale.

Programma delle attività: 22 novembre 2008

Ore 10.00 - Coordina: Pasquale Orlando Presidente ACLI Napoli

Saluti delle autorità: On. Rosa Russo Iervolino Sindaco di Napoli

Riccardo Di Palma Presidente della Provincia di Napoli

Introduce: Pino Vitale Cordinatore Fitus Campania

Interventi:

Fabiola Sfodera V. Direttore Centro Interdisciplinare Turismo e Territorio e Ambiente UNI Sapienza di Roma

Nicola Oddati Assessore Forum delle Culture Napoli

Ferdinando Flagello Presidente Confcooperative Campania

Don Salvatore Fratellanza Ufficio Tempo Libero, Turismo e Pellegrinaggi Diocesi di Napoli

Conclude: Claudio Velardi Ass. Turismo Regione Campania

Benevento con il Cuore

Il conteggio alla rovescia per i numerosi appuntamenti previsti dalla manifestazione "Benevento con il cuore" organizzata dall'Unione Sportiva Acli di Benevento è ormai in pieno svolgimento. Tra gli appuntamenti più attesi c'è quello di venerdì 28 novembre, alla vigilia dell'attesa gara tra nazionale parlamentari e nazionale cantanti che come noto si svolgerà sabato 29 novembre. E'stato programmato, infatti, un convegno rientrante nel progetto del Ministero della Salute, commissione per la vigilanza e il controllo del doping e per la tutela della salute nelle attività sportiva, di rilevanza nazionale con inizio alle ore 16 presso il teatro Vittorio Emanuele (ex Comunale) che vedrà alternarsi sul palco personalità del mondo dello sport, politico, giornalistico, culturale e non solo. Davvero una vetrina prestigiosa. Il tema trattato sarà: "Percorsi educativi, stili di vita, attività sportive e doping". Numerosi gli interventi previsti per un pomeriggio davvero particolare e suggestivo.

17 novembre 2008

Turismo: 347 eco-strutture

Il turismo ecosostenibile in Italia puo' contare su una rete di strutture in continua crescita. Oggi quelle ricettive e turistiche sono 347. La regione con piu' strutture che possono esporre il 'bollino' di Legambiente Turismo e' l'Emilia-Romagna che ne ha 118. Poi Toscana, (52), Marche (45), Lombardia (25), Veneto (24), Sicilia (23), Campania (16), Abruzzo e Liguria (12), Lazio (9), Calabria (4), FVG e Umbria (3) e Piemonte con una.

Turismo: 347 eco-strutture

Il turismo ecosostenibile in Italia puo' contare su una rete di strutture in continua crescita. Oggi quelle ricettive e turistiche sono 347. La regione con piu' strutture che possono esporre il 'bollino' di Legambiente Turismo e' l'Emilia-Romagna che ne ha 118. Poi Toscana, (52), Marche (45), Lombardia (25), Veneto (24), Sicilia (23), Campania (16), Abruzzo e Liguria (12), Lazio (9), Calabria (4), FVG e Umbria (3) e Piemonte con una.

A Natale a casa il 40% degli italiani

Quest'anno non partirà il 15% in più del 2007. E tra i viaggiatori il 26% farà solo un weekend.
Niente viaggi di Natale per una buona fetta di italiani. A causa del carovita nel periodo natalizio resteranno a casa il 40% degli italiani, il 15% in più rispetto allo scorso anno. E’ quanto emerge da un’indagine dell’Adoc condotta, attraverso un sondaggio a campione, sui desideri di vacanza dei cittadini-consumatori.
Secondo il sondaggio tra chi comunque si metterà in viaggio, il 26% riuscirà a godersi solo un weekend in Italia, il 3% in meno del 2007. Tra i partenti le mete preferite restano le città d’arte e le capitali europee, ma si registra un boom per le stazioni termali e gli agriturismi con strutture dedicate al benessere, luogo di villeggiatura preferito da circa l’8% dei partenti. Sono molti infatti gli italiani che preferiscono passare 3-4 giorni in completo relax, nelle terme e nella natura, per una spesa media di circa 750 euro a persona, il 10,2% in più del 2007. Tra le altre mete, il weekend all’estero, scelto dal 19% dei consumatori; ma c’è un "calo drastico", dice l’Adoc, dei soggiorni di una settimana o più (-5%), sia in Italia che all’estero.
Quasi impossibile fare affidamento sulla tredicesima per coprire le spese di viaggio. In particolare, Adoc chiede che venga detassata «in modo da fornire un minimo ritorno economico» e consentire alle famiglie di avere a disposizione, in media, 300 euro in più. Per l’Adoc è anche «boom dei viaggi a rate», con una crescita degli indebitamenti di circa il 2-3% rispetto allo scorso anno, per un importo medio di 1500 euro. In aumento anche le vacanze-saldo, spiega il presidente di Adoc, Carlo Pileri, quel tipo particolare tipo di viaggio, anche solo in formato weekend, con destinazione ad esempio gli, Stati Uniti, realizzato per fare affari e regali, soprattutto nei settori abbigliamento e elettronica. Tra le modalità di prenotazione della vacanza, gli italiani intervistati hanno scelto l’acquisto biglietti low-cost (33%), l’attesa del last minute (19%), l’agenzia di fiducia (14%), il fai da te (23%), il viaggio a rate (7%), la prenotazione dell’alloggio direttamente sul posto (4%).

14 novembre 2008

Giornata della legalità

Giornata della legalitàIn provincia di Caserta, sabato 15 novembre, si terranno gli Stati generali della legalità. Al cinema Faro di Casal di Principe, alle ore 17,00 parlerà Walter Veltroni, segretario nazionale del PD, accompagnato dal presidente della Regione Campania Antonio Bassolino. Nel corso della giornata dedicata alla legalità PD presenterà le sue proposte per combattere la camorra.
Nella mattinata di sabato, a partire dalle ore 10,00, nel Chiostro San Agostino a Caserta, via Mazzini, si terrà un incontro a cui parteciperanno Tino Iannuzzi, segretario regionale PD; Enzo Iodice, segretario PD di Caserta; Nicodemo Petteruti, sindaco di Caserta; Alessandro De Franciscis, presidente della Provincia di Caserta; Antonio Bassolino, presidente della Regione Campania; Raffaele Cantone, magistrato di Cassazione e Cristina Coppola, vicepresidente di Confindustria. E’ prevista anche la presenza di Carmine Crisci a nome di Cgil- Cisl-Uil; Stefano Graziano; deputato Pd; don Luigi Merola, sacerdote; don Tonino Palmese esponente di Libera, Pina Picierno e Marco Minniti.
A Casal di principe dopo l’incontro con Veltroni al cinema Faro seguirà un omaggio a Miriam Makeba scomparsa improvvisamente nei giorni scorsi proprio mentre partecipava a un concerto anticamorra a Castel Volturno.

13 novembre 2008

TURISMO SESSUALE: BRAMBILLA, CONTRO I VIAGGI VERGOGNA

Oltre due milioni e mezzo di bambini, in tutto il mondo, sono vittime del turismo sessuale. Circa il 40% dei ragazzi coinvolti ha meno di 12 anni, mentre il 75% sono bambine. Questi i numeri "dell'orrore" citati dal sottosegretario alla presidenza del Consiglio con delega al Turismo, Michela Vittoria Brambilla, che oggi, a palazzo Chigi, ha presentato una campagna contro lo sfruttamento sessuale dei minori nel mondo. Una "crudeltà senza fine" ed un enorme business- ricorda Brambilla- che muove un giro d'affari da oltre 100 miliardi di euro. Punto di forza dell'inziativa, una campagna di sensibilizzazione dell'opinione pubblica: giornali, televisioni, inflight magazine, locandine, vetrofanie. Ed un messaggio chiaro e preciso:


"E se fosse tuo figlio?". "Questo governo- dice il sottosegretario- non intende tollerare piu' questi viaggi della vergogna. Percio' nasce questa iniziativa che è un'iniziativa concreta e mirata". Dal punto di vista normativo, ricorda ancora Brambilla, chi si macchia di reati di questo tipo rischia (legge 269 del '98) fino a 12 anni di carcere e fino a 300 milioni di vecchie lire. A coadiuvare l'operato del governo, i tour operators che verranno coinvolti in un codice etico e in un'opera di sorveglianza attiva. "Per quanto mi riguarda- dice in conclusione Brambilla facendo suo il refrain della campagna- sono già tutti miei figli. Ed è per questo che intendo coinvolgere tutti i governi del mondo in una battaglia senza quartiere".
I turisti sessuali (stime Ecpat) sono per il 37% in una fascia d'età che va dai 31 ai 40 anni; il 24% ha tra i 18 e i 30 anni; il 20% dai 41 ai 50 anni. Il loro reddito è nel 50% dei casi medio-alto. Il 65% dei 'turisti' è occasionale; il 30% è 'abituale'; il 5% è costituito da 'pedofili'.

11 novembre 2008

Gossip

Berlusconi e Brunetta i più gettonati nel presepe napoletano
Il successo della politica si pesa nei presepi tradizionali napoletani. Berlusconi potrà anche non goder più del sostegno da record ma nessuno lo batte negli acquisti da parte della gente delle statuette che lo rappresentano. “Quella del premier è la più venduta in assoluto, nelle sue diverse versioni: con i sacchetti di rifiuti ma anche con la targa ‘per Napoli pensaci tu’ ”. E’ quanto ha raccontato su “Affari Internazionali” Gennaro Di Virgilio, uno degli artigiani tradizionali del mercato di statuette di Napoli.
A fare compagnia al Cavaliere altri personaggi della politica: in primo luogo il nuovo presidente americano Barack Obama; ma non manca la Gelmini “che indossa un grembiule con una coccarda sul lato sinistro e in mano un pallottoliere”. E, udite udite, da questa settimana entra in ballo anche Brunetta armato di cartello con scritto ‘Abbasso i fannulloni’. E Di Virgilio è pronto a giurare sul successo del “Brunetta natalizio”.
Ma i politici di destra non sono l’unica fonte di ispirazione. I personaggi da ritrarre non mancano neppure a sinistra. “Ho realizzato anche Veltroni, ma è poco richiesto”, ha continuato l’artigiano napoletano. Non potevano mancare i Prodi, Bertinotti, Casini, D’Alema e Mastella “ma li ho messi un po’ da parte, perché vanno molto più forte quelli di destra”, ha detto. Del resto, chi vince le elezioni e scala la classifica dei consensi (nonostante gli ultimi venti sfavorevoli che danno un lieve calo per il Governo), non può che conquistare il cuore degli appassionati di presepi. Che quasi rappresentano la realtà.
Sarà perché Di Virgilio si ispira alle notizie di ogni giorno: “Seguo molto la televisione, il gossip, l'attualità, gli scandali”, ha assicurato. E alla domanda della ragione del successo, l’artigiano risponde con semplicità: “La gente vede una forte somiglianza tra le statuette e il personaggio, ci ridono sopra e le vedono molto poco caricaturali". Chissà come la prenderebbe Santoro…

Italia spaccata: mezzo Paese sul divano

Presentato il "Primo Rapporto Sport e Società", del Censis: 23 milioni di persone non praticano attività fisica
Un Paese diviso in due, tra chi svolge attività fisica e chi vi rinuncia. È l’Italia dello sport, dipinta così dal presidente del Coni, Gianni Petrucci, come in effetti emerge dal "Primo Rapporto Sport e Società", realizzato dal Censis e presentato oggi a Roma, nella sede del Comitato olimpico nazionale italiano. Dall’indagine risulta che in Italia, una quota rilevante pari a 23 milioni e 300 mila cittadini, il 41 per cento del totale, non pratica nè sport nè alcun tipo di attività fisica. «È una cifra preoccupante e su cui si deve porre tutta l’attenzione possibile», ha dichiarato Petrucci in conferenza stampa. «L’Italia non è solo il Paese dei sedentari - ha detto Giuseppe De Rita, presidente del Censis - paradossalmente è anche quello della maggiore pervasività dello sport». Il numero dei punti di offerta sportiva sul territorio supera, infatti, quello di tabaccherie, bar, scuole, panetterie, ristoranti, alberghi e sportelli bancari. Ginnastica, calcio e nuoto sono le prime tre attività praticate. Nell’ambito delle federazioni sul podio ci sono calcio, pallacanestro e pallavolo, che insieme raccolgono il 43 per cento del totale dei tesserati. Dal rapporto emerge anche il lato economico dello sport, identificato in 2,7 - 3,0 punti di Pil, investimenti in opere pubbliche, turismo, trasporti, media tradizionali e innovativi, occupati diretti e indiretti, una moltitudine di imprese e di eventi. «Lo sport italiano è anche volontariato - ha ricordato il Sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega allo Sport, Rocco Crimi - è mi fa piacere leggere nel documento che nel complesso l’attività a titolo gratuito dei volontari è pari a un controvalore di 3,4 miliardi di euro all’anno». Crimi ha posto l’attenzione poi sul dato delle palestre scolastiche. «Un sistema - si legge nel Rapporto - che presenta lacune ed insufficienze nell’impiantistica e nell’accoglienza sportiva della disabilità, visto che una palestra su cinque non è accessibile ai portatori di handicap». Proprio agli impianti e alle strutture è dedicato un capitolo dell’indagine Censis su "Sport e Società". Le stime effettuate valutano in circa 149.000 unità il totale degli spazi di attività sportiva presenti sull’intero territorio nazionale. Nel 1996 tale quota era pari a poco più di 144.000 unità, mentre nel 1989 si contava la presenza di 134.000 spazi. Tra quelli attuali i campi all’aperto e di calcetto vedono valori più elevati. Aumentano piscine e palestre, mentre campi da tennis, piste e pedane per l’atletica indicano valori molto più bassi e ritmi di crescita meno sostenuti. I dati relativi ai finanziamenti erogati dall’Istituto per il Credito Sportivo (ICS) nel periodo 2003-2006 evidenziano un trend decrescente. Nell’ambito delle spese per lo sport il Rapporto sottolinea come sia «noto che il sistema sportivo, nel suo complesso, trova alimento finanziario dalla spesa delle famiglie (iscrizioni, biglietti degli spettacoli sportivi, acquisto di prodotti e servizi si settore), spesa che incide per oltre il 70 per cento sul fatturato complessivo dello sport. La spesa centrale resta residuale rispetto alla spesa pubblica (meno dell’1 per cento del Pil). Lo Stato contribuisce con una quota annua al Coni, pari a 450 milioni di euro e con somme «una tantum« per grandi eventi internazionali. Le Regioni indirizzano allo sport una cifra che per il 44,08 per cento viene investita negli impianti e per il 26,50 va alle società sportive. Il resto è diviso tra Enti locali, enti di promozione sportiva, federazioni e sponsorizzazioni. Sport come mondo di valori e disvalori. I più avvertiti dai cittadini, in senso positivo, sono: lo spirito di squadra, la disciplina e il rispetto delle regole, l’amicizia. Tra quelli connotati negativamente ci sono: il doping, la violenza, l’eccesso di interessi economici e di affari, la corruzione. Attorno allo sport ruota anche il sistema dei media. I dati sulla diffusione della carta stampata dedicata allo sport registrano una quota di mercato dei giornali sportivi pari al 15 per cento del totale, con oltre 250 milioni di copie vendute annualmente. Sullo scenario televisivo ci sono due tendenze prevalenti: da un lato si assiste ad una concentrazione, in termini di acquisizione dei diritti televisivi, verso i grandi eventi planetari (Olimpiadi, Mondiali di calcio), dall’altro cercano di trovare spazio nuovi segmenti di nicchia attraverso programmi a pagamento in pay tv e pay per view.

Anziani:i servizi di assistenza sono insufficienti

Gli anziani italiani aumentano di anno in anno, ma i servizi di assistenza sociale ed economica non si adeguano al cambiamento demografico in atto. I dati dell'Ufficio di statistica dell'Unione Europea, rielaborati dal Sole 24 ore, evidenziano lo scarso impatto degli aiuti ad una popolazione anziana in costante aumento. In Italia gli over 65 rappresentano il 19,9% della popolazione, ma appena il 7,5% percepisce l'indennità di accompagnamento, e solo il 3% usufruisce dell'assistenza domiciliare integrata. Ricordiamo che per aiutare questa fascia della popolazione sono previste detrazioni Irpef del 19% sulle spese sostenute per le badanti, anche quando queste prestano la loro attività in istituti di ricovero.

Forum Nazionale del Turismo Sociale

Paestum 15-16 novembre 2008 Napoli 22 novembre 2008
Un approccio di sistema per lo sviluppo sostenibile del turismo
sociale in Campania

Programma delle attività:
Hotel Ariston Sala Venere - 15 novembre 2008 Paestum (SA) ore 10:30 - 13:00
“Il Turismo scolastico volano delle risorse territoriali”
Coordina: Claudio Esposito Consigliere Nazionale Federcultura Turismo e Sport
Saluti delle autorità:
Pasquale Marino Sindaco di Capaccio
Angelo Villani Presidente Provincia di Salerno
Interventi:
Gennaro Avella Presidente E.P.T. di Salerno
Vito Caponigro Direttore E.P.T. di Salerno
Emanuele Salzano UNI SALERNO
Franco Garbaccio UNI PARTHENOPE
Maria Luisa Nava Soprintendente Archeologico di Salerno
Testimonianze e Proposte:
Cooperativa Archeosannio - Napoli
Cooperativa Città dell’Essere - Pozzuoli (NA)
Cooperativa Millesoli - Acerra (NA)
Cooperativa ParteNeapolis - Napoli
Conclude: On. Giuseppe Pizza Sottosegretario Ministero Istruzione Università Ricerca
Programma delle attività:
16 novembre 2008 Paestum (SA) ore 10:30 - 13:00 - Hotel Ariston Sala Venere
“La Qualità dell’offerta del turismo sociale nei sistemi di sviluppo locale e l’opportunità dei Buoni Vacanza”
Coordina: Pasquale Orlando Portavoce del Forum del Terzo Settore Campania
Interventi:
Gerardo Giordano Patto Sviluppo Sele Picentini - Salerno
Leopoldo Spedaliere Agenzia Locale di Sviluppo TESS Costa del Vesuvio - Napoli
Osvaldo Cammarota Agenzia Locale di Sviluppo Città del Fare - Napoli
Rosario D’Acunto Responsabile Buoni Vacanze Campania
Antonio Bossone Responsabile ANPCI Campania
Mario De Biase Coordinatore Tavolo di Concertazione Regione Campania
Francesco Escalona Ente Parco dei Campi Flegrei (NA)
Giovanni De Angelis Patto Territoriale dell’Agro S.p.A. - Agenzia Locale di Sviluppo della Valle del Sarno
Raffaele Esposito Vicepresidente A.N.C.I. Campania - Resp. Turismo
Programma delle attività:
22 novembre 2008 Napoli (NA) ore 10:00 - 13:30 - Hotel Ramada
“Le grandi sfide del Turismo sociale, verso il 2013. Cultura, sostenibilità e accessibilità per l’apertura del mercato globale”
Coordina: Pasquale Orlando Presidente ACLI Napoli
Saluti delle autorità: On. Rosa Russo Iervolino Sindaco di Napoli
Riccardo Di Palma Presidente della Provincia di Napoli
Introduce:
Pino Vitale Cordinatore Fitus Campania
Interventi:
Fabiola Sfodera V. Direttore Centro Interdisciplinare Turismo e Territorio e Ambiente UNI Sapienza di Roma
Nicola Oddati Assessore Forum delle Culture Napoli
Ferdinando Flagello Presidente Confcooperative Campania
Don Salvatore Fratellanza Ufficio Tempo Libero, Turismo e Pellegrinaggi Diocesi di Napoli
Conclude: Claudio Velardi Ass. Turismo Regione Campania

10 novembre 2008

Muore Miriam Makeba dopo il concerto per Saviano

La cantante sudafricana Miriam Makeba è morta nella clinica Pineta Grande di Castel Volturno, dove era stata trasportata dopo essere stata colta da un malore, al termine della sua esibizione al concerto anticamorra e contro il razzismo dedicato allo scrittore Roberto Saviano, a Baia Verde di Castel Volturno.
L'artista aveva 76 anni. Era nata a Johannesburg il 4 marzo 1932. Aveva speso tutta la sua vita per l'impegno civile ed è morta 'sul campo', a Castel Volturno, un luogo-simbolo della lotta alla criminalità ed alla sopraffazione, dove aveva voluto partecipare a tutti i costi, nonostante le non brillanti condizioni di salute, al concerto anticamorra a sostegno di Saviano.
Miriam Makeba era divenuta famosa in tutto il mondo per essersi battuta contro il regime dell'apartheid che aveva dilaniato il suo Paese, il Sudafrica. Per questo era diventata delegato delle Nazioni Unite. E non a caso il suo impegno contro la segregazione razziale, ingigantito dalla fama di cantante nota in tutto il mondo, aveva causato la reazione del governo sudafricano che, nel 1963 - in pieno regime di apartheid - l'aveva costretta all'esilio ed aveva messo al bando tutti i suoi dischi.
Per tornare in Sudafrica, Miriam Makeba dovette attendere quasi 30 anni: soltanto nel 1990, infatti, Nelson Mandela riuscì a convincerla a tornare nella terra dove era nata (sua madre era di etnia swazi e suo padre, morto quando lei aveva sei anni, era uno Xhosa). Trasferitasi prima in Europa e poi negli Stati Uniti, proprio in quella lunga fase della sua vita, espresse il meglio di sè nel campo artistico. In America Miriam Makeba incise le sue canzoni più conosciute: Pata Pata, The Click Song e Malaika.
Nel 1968 si sposò con Stokely Carmichael, un attivista per i diritti civili. Il matrimonio scatenò grandi polemiche negli Stati Uniti e la sua carriera ne subì un notevole rallentamento. Si separò dal marito - con il quale si era trasferita in Guinea - nel 1973. Nel 1985, dopo la morte della sua unica figlia, Bongi, tornò a vivere in Europa.
Nel 2005 decise di dare il suo addio alle scene e lo fece con un memorabile tour, che toccò tutti i Paesi del mondo nei quali si era esibita. Ma il destino, per l'addio definitivo, le aveva riservato un altro appuntamento. Quello che ieri sera l'ha condotta sul palco di Baia Verde, a Castel Volturno, dove un pubblico accorso per una grande testimonianza di impegno civile, le ha riservato l'ultimo, indimenticabile applauso.

Portiamo i mondiali di rugby in Italia

Un milione di firme per la candidatura dell'Italia
a ospitare la coppa del Mondo di rugby

Un grande sogno, portare la Coppa del Mondo di Rugby in Italia. Una mischia di appassionati di rugby per sostenere la Federazione Italiana Rugby (FIR) nella battaglia alla conquista di una delle prossime edizioni dei campionati mondiali di palla ovale: quella del 2015 o del 2019. Entro il 2009 saranno scelti i due paesi che le ospiteranno e l'Italia e' uno dei paesi candidati. E’ arrivato il momento di spingere, unisciti alla nostra mischia.

08 novembre 2008

Il nuovo servizio civile

Il sottosegretario Carlo Giovanardi illustra i cardini della riforma che sarà messa a punto nel 2009. Il 2009 sarà un anno di transizione, in vista di una riforma globale del sistema prossima ventura. Parola di Carlo Giovanardi, sottosegretario alla Presidenza del Consiglio con delega al servizio civile. Incassati i tagli (171milioni 437mila che consentiranno secondo le stime l’avviamento di meno di 20mila volontari) l’esponente azzurro ha svelato alcuni punti fermi che ispireranno il piano di rilancio del servizio civile nazionale.
Questi, per punti, gli assi portanti:
BASTA INTERVENTI SULLE EMERGENZE SOCIALI«Il Servizio civile nazionale non deve farsi carico delle emergenze sociali». E di conseguenza «per il futuro non sarà più nostra intenzione effettuare deroghe, nel senso che il progetto delle 2mila persone per Napoli scadrà quest’anno, al 31 dicembre, e non verrà rinnovato».
DIVARIO NORD-SUD DA RIDURRE«Abbiamo deciso per il 2009, in confronto con il Parlamento, di rivedere profondamente il Servizio civile nazionale proprio sulla base di un’esperienza che ha portato dopo la tutmultuosa crescita dell’istituto (187 volontari nel 2001, 46mila nel 2006) a rivedere alcuni aspetti. Per esempio un terzo dei volontari, quindi il 33%, riguarda due regioni italiane, mentre il 67% riguarda le rimanenti 18 regioni. Per dieci posti in concorso al sud vi sono trenta concorrenti, mentre per dieci posti in concorso al nord vi sono cinque concorrenti. Quindi da una parte vi è un numero esagerato, dall’altra vi è carenza».
LA CONCORRENZA DEI SERVIZI CIVILI REGIONALI«Vi sono regioni che aderiscono al Servizio civile nazionale, altre che hanno organizzato un proprio servizio civile, ad esempio con l’ausilio degli extracomunitari, che è una cosa bellissima, ma che , se sul territorio porta alla creazione di diversi servizi civili in concordanza (e non vi è concorrenza con le regioni per finanziare il servizio civile nazionale), poi è chiaro che quando l’Ente nazionale per la protezione dei sordi si lamenta che non vi sono risorse è perché le risorse vengono destinate diversamente».
ORARIO RIDOTTO A 20 ORE«Si potrebbe pensare ad una maggiore flessibilità di orario: 30 ore sono molte; al nord giovani disponibili ad impegnarsi 30 ore non ce ne sono mentre, forse, potrebbero essere disponibili a venti ore, quindi è opportuna una maggiore flessibilità.
GLI ENTI PUBBLICI DEVONO CONCORRERE ALLE SPESE«Quando un comune come quello di Roma o di Torino prende in servizio 400 o 500 volontari nel servizio civile nazionale, anche con progetti fatti bene, è evidente che il volontariato sul territorio (…) si trovano in difficoltà perché rischiamo di rimanere fuori. Allora sarebbe giusto che chi ha centinaia di volontari per un anno concorra al loro mantenimento.
IL RIMBORSO SPESA VA MANTENUTO«Faremo una riflessione anche sui circa 400 euro mensili di indennità che una parte del volontariato considera sbagliati e diseducativi, mentre io ritengo che sia giusto avere un rimborso spese per i giovani che svolgono questo servizio, vedendone la congruità rispetto al tempo che viene dedicato e studiando anche forme di part-time.

06 novembre 2008

Giorni di festa per il Novello


Come tutti gli anni l’arrivo del

Novello è sinonimo di allegria

e inizio di una nuova stagione

per il vino.

Da oggi saranno infatti messe

in vendita 11 milioni

di bottiglie.

Borsa del turismo Cooperativo e Associativo

Confcooperative e Legacoop Turismo hanno organizzato la Borsa del Turismo Cooperativo e Associativo – BITAC, per il 6 dicembre p.v. allo scopo dipromuovere l’offerta turistica del mondo delle cooperative, anche attraverso un workshop. La Borsa si svolgerà a Firenze presso il Palazzo degli Affari dalle ore 9,00 alle ore18,00. Si tratta di un’occasione utile per marcare la presenza del Turismo Sociale, perpromuovere il nostro progetto BVI e per valutare le offerte turistiche del mondo delle cooperative.

Stop al reddito di cittadinanza

Addio al reddito di cittadinanza. Il sussidio sarà cancellato, il bilancio regionale non riesce a sostenere «una spesa di questa consistenza», afferma l'assessora alle Politiche sociali Alfonsina De Felice.
La sforbiciata è arrivata in giunta ad opera dell'assessore al Bilancio Mariano D'Antonio ed è stata portata all'attenzione della VI Commissione regionale, presieduta da Franco Casillo. «D'Antonio — continua De Felice — ci ha detto chiaro e tondo che non ci sono risorse e che il sussidio non potrà essere più erogato». Le diciottomila famiglie in stato di indigenza sono avvisate ma, almeno per adesso, non abbandonate. Il reddito ha ancora dei ratei da saldare, si parla di almeno due semestralità. Dopo? Dopo è allo studio una serie di misure di aiuto «che superino il vecchio sussidio e aprano la strada ad una nuovo assetto di welfare regionale», afferma De Felice. «Oramai quella del sussidio post factum è una politica datata — analizza — tanto che la Regione Campania è l'unica ad averla ancora in campo. Non può più essere così, perché soldi la Regione non ne ha e soprattutto l'esborso oggi è a totale carico delle casse regionali, visto che né il governo di centrosinistra né quello di centrodestra hanno mai pensato di cofinanziare l'iniziativa».Il difficile sarà spiegarlo a quei 18mila nuclei familiari con un reddito annuo inferiore ai 5.000 euro e che con i 350 euro di sussidio mensile certo non vedevano cambiata la loro vita ma sicuramente una minima chance in più l'hanno avuta.L'idea del reddito di cittadinanza nacque nel 2004 con la legge numero 2. S'avviò una sperimentazione che alla lunga è diventata economicamente insostenibile. E i numeri parlano chiaro: nel primo e secondo anno anno la Regione ha sborsato 74 milioni di euro, che sono diventati 92 nel terzo. Poi il decremento: 30 milioni al quarto anno (quello ancora in pagamento grazie a ratei arretrati), 15 milioni al quinto anno. Stop; fine.«Io avevo provato a mettere in Bilancio altri 20 milioni per finanziare il reddito di cittadinanza — ricorda De Felice — ma D'Antonio mi ha fermato. Mi rendo conto che in questa regione c'è un tessuto sociale difficilissimo e che si rischiano tensioni una volta terminato il saldo degli anni precedenti. Ma non ce ne staremo con le mani in mano. Prima che finisca la legislatura abbiamo ancora molti mesi davanti per apportare correttivi, pensare ad idee nuove. Come il potenziamento del servizio civile ad esempio. Le politiche sociali in questi anni sono state la ‘‘cenerentola'' dell'azione amministrativa. Bisogna invertire la marcia con l'aiuto di tutti: della politica in primis. E penso a maggioranza e opposizione. Sa qual è il mio obiettivo? Portare la spesa sociale in Campania dai 5-30 euro procapite a 60, come accade per la maggior parte delle realtà italiane».Una miopia quella di provvedere ad un sussidio «passivo» pensato quattro anni fa? «Una scelta coraggiosa all'epoca — conclude De Felice — ma che non va più bene. Anche perché ai 350 euro mensili erano affiancate procedure di avviamento al lavoro dei soggetti interessati. Questa seconda parte della legge ha completamente fallito».

Profit e non profit: nuove prospettive per il turismo sociale

Flv Player